Il collasso climatico colpisce il cuore dell’Europa

Le immagini provenienti dalla Germania occidentale, da parte del Belgio, Lussemburgo e i Paesi Bassi sono eloquenti. Da tempo tocchiamo con mano anche in Italia il susseguirsi di fenomeni estremi sempre più frequenti, tanto che anche i negazionisti climatici faticano a minimizzare la portata di questi fenomeni.

Le imma­gi­ni pro­ve­nien­ti dal­la Ger­ma­nia occi­den­ta­le, da par­te del Bel­gio, Lus­sem­bur­go e i Pae­si Bas­si sono elo­quen­ti: per Ange­la Mer­kel ”par­la­re di una for­te piog­gia e di allu­vio­ne descri­ve la situa­zio­ne in modo insuf­fi­cien­te”. Men­tre è anco­ra in cor­so una gran­dis­si­ma ope­ra­zio­ne di soc­cor­so, il bol­let­ti­no di vit­ti­me e disper­si si aggior­na di ora in ora aggra­van­do il già tra­gi­co bilan­cio. Per­so­ne intrap­po­la­te sui tet­ti, inte­re cit­ta­di­ne iso­la­te, edi­fi­ci che rischia­no il crol­lo, dighe che potreb­be­ro cede­re (Stein­ba­ch­tal). Secon­do Armin Laschet, il pre­si­den­te del­la regio­ne Nord Reno – Vest­fa­lia, occor­re acce­le­ra­re le misu­re di pro­te­zio­ne del cli­ma a livel­lo fede­ra­le, euro­peo e globale.

Da tem­po toc­chia­mo con mano anche in Ita­lia il sus­se­guir­si di feno­me­ni estre­mi sem­pre più fre­quen­ti, tan­to che anche i nega­zio­ni­sti cli­ma­ti­ci fati­ca­no a mini­miz­za­re la por­ta­ta di que­sti feno­me­ni: sono aumen­ta­ti del 45% (rispet­to allo stes­so perio­do del 2020) gli even­ti meteo­ro­lo­gi­ci estremi.

L’ac­ce­le­ra­zio­ne del­le misu­re di pro­te­zio­ne del cli­ma si sta­va pale­san­do qua­si con­tem­po­ra­nea­men­te all’i­ni­zio di que­st’ul­ti­ma disa­stro­sa allu­vio­ne nel­la pre­sen­ta­zio­ne di mer­co­le­dì del pac­chet­to ‘’Fit to 55’’ da par­te di Ursu­la von der Leyen e Pao­lo Gen­ti­lo­ni, del­le misu­re per dare una nuo­va spin­ta alla soste­ni­bi­li­tà ambien­ta­le in tut­ti i Pae­si Ue. L’o­biet­ti­vo di taglia­re le emis­sio­ni di ani­dri­de car­bo­ni­ca del 55% entro il 2030 (rispet­to ai livel­li del 1990). Fra i vari pun­ti lo stop alla ven­di­ta di auto ali­men­ta­te a ben­zi­na, die­sel, gpl dal 2035 (solo auto a zero emis­sio­ni, quin­di nien­te ibri­de o bifuel), l’au­men­to del­la tas­sa­zio­ne sui car­bu­ran­ti inqui­nan­ti e la ridu­zio­ne del­le tarif­fe del­l’e­ner­gia elet­tri­ca, dei dazi su cemen­to, fer­ro, accia­io, allu­mi­nio, fer­ti­liz­zan­ti ed ener­gia elet­tri­ca impor­ta­ti da Pae­si che non rispet­ta­no gli stan­dard ambien­ta­li del­l’Ue. Sono pre­vi­sti poi un fon­do socia­le da 72 mld per finan­zia­re gli inve­sti­men­ti dei cit­ta­di­ni euro­pei sul rispar­mio e l’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca del­le pro­prie abi­ta­zio­ni e su mobi­li­tà meno inqui­nan­te. Ed è dav­ve­ro un pec­ca­to che le pri­me rispo­ste a que­sto tipo di misu­re non si sia­no fat­te atten­de­re e che sia­no così con­tra­ria­te da defi­nir­le irra­zio­na­li (Acea, la prin­ci­pa­le asso­cia­zio­ne euro­pea dei pro­dut­to­ri di auto­mo­bi­li) o da espri­me­re scon­cer­to e for­te pre­oc­cu­pa­zio­ne (Anfia, Asso­cia­zio­ne nazio­na­le filie­ra auto­mo­bi­li­sti­ca). Men­tre anco­ra sui tg scor­ro­no le imma­gi­ni del­la deva­sta­zio­ne cau­sa­ta dal­le piog­gie tor­ren­zia­li e la con­se­guen­te eson­da­zio­ne dei fiu­mi, gli Sta­ti mem­bri pro­met­to­no bat­ta­glia in Par­la­men­to Ue e in Con­si­glio dove le misu­re legi­sla­ti­ve pro­po­ste andran­no discus­se: se sul­la leg­ge sul cli­ma si è tro­va­to un accor­do, le misu­re per attuar­la met­te­ran­no in cri­si filie­re pro­dut­ti­ve, la socie­tà che abbia­mo costrui­to, siste­mi di pote­re che si sono fos­si­li­za­ti, inte­res­si eco­no­mi­ci enor­mi, baci­ni elet­to­ra­li (in set­tem­bre la Ger­ma­nia va al voto). Per­ciò men­tre discu­te­ran­no le misu­re potreb­be­ro già pen­sa­re a qua­le sarà la pros­si­ma cit­tà, il pros­si­mo Pae­se ad esse­re fla­gel­la­to dal­l’ac­qua, da un’on­da di calo­re, da un tor­na­do… e deci­de­re qua­le bat­ta­glia sia più oppor­tu­no sostenere.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.