Il #cambiaverso del #cambiaverso sulle partite IVA

Il governo ha fatto marcia indietro sulle Partite IVA. Con l’emendamento approvato stanotte si ripristina il regime fiscale forfettario al 5% per i giovani e si blocca l’aumento dei contributi previdenziali.

Non tutto è risolto, ci mancherebbe. Il nuovo regime fiscale (mantenuto comunque in vita come opzionale) presenta ancora aspetti, diciamo così, molto discutibili. Il regime previdenziale continua a peccare per scarsissima equità e trasparenza in particolare nell’area del lavoro autonomo. Ma intanto un obiettivo immediato, minimale quanto si vuole ma irrinunciabile, è stato raggiunto. Avendone fatto oggetto di uno degli 8 (dicesi otto) emendamenti alla legge di stabilità bocciati (tranne uno) dalla linea muscolare del premier (guai a rischiare di dare ragione ai “dissidenti” PD!) dico che è una bella soddisfazione.

Ma è ancor più una soddisfazione, per me, il modo in cui è stato raggiunto. Il merito va principalmente agli amici free-lance di ACTA, l’associazione dei consulenti del terziario avanzato. Hanno dato un esempio di sindacalismo intelligente e vincente. Per come sono stati convincenti e inclusivi nel definire l’obiettivo. E per come hanno impostato il rapporto tra sindacato e politica. Non hanno guardato in faccia a nessuno, forti della loro chiarezza e autonomia hanno parlato a tutti senza paura di compromettersi. Non hanno scelto gli interlocutori in base a criteri pregiudiziali (nessun “amico-per-antonomasia”) né si sono spaventati davanti a chi accusava i corpi intermedi, le rappresentanze di interessi, di essere solo “frenatori” e “nemici del cambiamento”.

E siccome il cambiamento era ingiusto, dannoso (e a loro ostile) lo hanno fatto cambiare. Bravi.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati