I tre linguaggi dei candidati Pd: lo snob, lo scavezzacollo e il padrone della tv

di Mas­si­mo Arcangeli

Chi si aspet­ta­va tre can­di­da­ti pron­ti a dar­se­le di san­ta ragio­ne è rima­sto (for­tu­na­ta­men­te) delu­so. Per­ché il con­fron­to nel­l’a­re­na mene­ghi­na di X‑Factor  —  un fian­co a fian­co più che un fac­cia a fac­cia, per­ché i tre com­pe­ti­tors alle pri­ma­rie del Pd non si sono guar­da­ti qua­si mai  —  è sta­to paca­to, ami­che­vo­le, a trat­ti tene­ra­men­te fra­ter­no. Ren­zi, Cuper­lo, Civa­ti han­no pro­va­to a fare squa­dra, e que­sto è un buon segno; si sono più vol­te cita­ti a vicen­da, da buo­ni com­pa­gni, spes­so chia­man­do­si affet­tuo­sa­men­te per nome. Fino­ra tra loro, per­lo­più, era­no sta­ti bot­ta e rispo­sta a distan­za, anche a for­za di slo­gan. Del­l’e­sclu­so Gian­ni Pit­tel­la, il quar­to inco­mo­do, il peg­gio­re (“Il futu­ro che vale”), ma gli altri non scher­za­no: “Le cose cam­bia­no, cam­bian­do­le” (Civa­ti); “Bel­lo e demo­cra­ti­co” (Cuper­lo); “L’I­ta­lia cam­bia ver­so” (Ren­zi), tra­dot­to per­fi­no in vene­to da un con­si­glie­re pro­vin­cia­le: “No star ‘ndar dri­to! Cam­bie­mo dire­xion!”. Tut­ti brut­ti e impro­ba­bi­li, da far qua­si rim­pian­ge­re il gia­gua­ro da smac­chia­re. La comu­ni­ca­zio­ne non spo­ste­rà mol­ti voti, in poli­ti­ca con­te­ran­no pure i fat­ti, ma gli spin doc­tor dei tre can­di­da­ti segre­ta­ri pote­va­no far di meglio.

Da 30 secon­di a un minu­to e mez­zo il tem­po con­ces­so a cia­scu­no per rispon­de­re alle 15 doman­de poste da Gian­lu­ca Sem­pri­ni, il mode­ra­to­re del con­fron­to tele­vi­si­vo su Sky; quat­tro le pos­si­bi­li­tà di repli­ca e con­tro­re­pli­ca, con­te­nu­te nei 30 secon­di, e poi il pan­theon idea­le di sini­stra (due nomi per cia­scu­no da fare) e l’ap­pel­lo fina­le. Il podio, tra­spa­ren­te, è all’a­me­ri­ca­na (i can­di­da­ti sono in pie­di, con davan­ti un leg­gio e un timer); il popo­lo di Twit­ter giu­di­ca le rispo­ste più per­ti­nen­ti, con­vin­cen­ti o cre­di­bi­li; con il voting si rispon­de da casa alla doman­da: “Chi ti sta con­vin­cen­do di più?”. Quan­to al fact chec­king live, il riscon­tro sui dati snoc­cio­la­ti dai tre  —  in mate­ria rigo­ro­sa­men­te eco­no­mi­ca  — , garan­ti­to da un pool di eco­no­mi­sti del­l’a­te­neo di Tor Ver­ga­ta, ne avrem­mo fat­to volen­tie­ri a meno.

Cuper­lo par­la per pri­mo, Ren­zi per secon­do, Civa­ti per ter­zo. Il sin­da­co di Firen­ze è fede­le solo in par­te all’ef­fer­ve­scen­za del per­so­nag­gio; gio­ca in dife­sa o di rimes­sa, sor­nio­ne, atten­to a non oltre­pas­sa­re la soglia del­le scher­ma­glie di cir­co­stan­za e, soprat­tut­to, a non espor­si trop­po. Il dale­mia­no Cuper­lo, per toni e sostan­za poli­ti­ca, pare reci­ta­re un copio­ne man­da­to a memo­ria, e ben adat­ta­to da un manua­le di per­fet­ta nomen­kla­tu­ra, ma è spes­so a disa­gio e impac­cia­to: non rie­sce a rispet­ta­re i tem­pi di rispo­sta impo­sti dal match, e alter­na momen­ti d’im­mo­bi­li­smo fisi­co, drit­to come un palo e stret­to nel­le (stret­te) spal­le, ad altri di agi­ta­zio­ne mani­fe­sta. La vera sor­pre­sa è Civa­ti, ele­gan­tis­si­mo “can­di­da­to di sini­stra” (indos­sa la cra­vat­ta più chic). Spi­glia­to, sim­pa­ti­co, diver­ten­te, ruba la sce­na al Rot­ta­ma­to­re. Se c’è qual­cu­no bel­lo e demo­cra­ti­co, in que­sta com­pe­ti­zio­ne, è pro­prio lui.

Refrat­ta­rio al mez­zo, Cuper­lo è il vol­to snob del­l’in­tel­li­ghen­zia demo­cra­ti­ca che vor­reb­be par­la­re al cuo­re e alla ragio­ne insie­me: cita Ber­lin­guer, Jef­fer­son, Cal­vi­no e Rosa Parks, ma il suo lin­guag­gio implo­de; sul­le que­stio­ni più deli­ca­te non rispon­de, diva­ga o cam­bia dire­zio­ne; il mas­si­mo che si con­ce­de, in ter­mi­ni di “abbrac­cio” al pub­bli­co, è la men­zio­ne di una vespa e del suo cane, con la vec­chia bar­zel­let­ta del­l’o­pe­ra­zio­ne chi­rur­gi­ca riu­sci­ta ma il pazien­te è dece­du­to. Per­fet­ta­men­te padro­ne del mez­zo, Ren­zi dà un col­po al cer­chio e uno alla bot­te, met­ten­do mano a cie­lo (il tec­ni­ci­smo spin­to, maga­ri con l’a­iu­to del­la lin­gua ingle­se, per chi sa inten­de­re) e ter­ra: la bat­tu­ta di spi­ri­to; le mam­me e i figli; i ban­co­ni del super­mer­ca­to, la bici­clet­ta che gli han­no fre­ga­to, le meta­fo­re cal­ci­sti­che (tra capo­can­no­nie­ri, assi­st, cal­ci di rigo­re); le mar­chet­te, i bec­chi e basto­na­ti, i cor­nu­ti e i maz­zia­ti, i pap­po­ni e l’inciucio.

Civa­ti è un’i­co­na pop, un po’ fric­chet­to­ne e un po’ sca­vez­za­col­lo: par­la del­le ere­di­ta­rie (a pro­po­si­to del ricam­bio nel cen­tro-destra), del­lo Zec­chi­no d’O­ro, dei pon­te­fi­ci che chia­ma­no a casa e il suo par­ti­to è inve­ce scol­la­to dai suoi elet­to­ri; dice di non fidar­si di Alfa­no, l’uo­mo del­le leg­gi ad per­so­nam che pen­sa anco­ra alla per­so­nam; iro­niz­za su Qua­glia­rel­lo e Vio­lan­te, da due anni impe­gna­ti sospet­ti a riscri­ve­re la leg­ge elet­to­ra­le (“secon­do me c’è del tene­ro”); sostie­ne la neces­si­tà di una poli­ti­ca diver­sa, rispet­to­sa del­l’i­den­ti­tà di gene­re, pun­tan­do fer­mo il dito con­tro il machi­smo (le pal­le biso­gne­reb­be tener­le den­tro, inve­ce di tirar­le fuo­ri); plau­de ai tede­schi, che han­no rece­pi­to la “mozio­ne Civa­ten” e com­pre­so le cose real­men­te da fare: met­ter­si attor­no a un tavo­lo, favo­ri­re la par­te­ci­pa­zio­ne, pro­muo­ve­re un refe­ren­dum fra i pro­pri iscrit­ti. Boc­cia inap­pel­la­bil­men­te il gover­no Let­ta, attac­ca a testa bas­sa il mini­stro Can­cel­lie­ri per la vicen­da Ligre­sti, è chia­ris­si­mo sul­le unio­ni fra per­so­ne del­lo stes­so ses­so: sì ai matri­mo­ni ugua­li­ta­ri, sì all’af­fi­do e all’a­do­zio­ne di bam­bi­ni anche per le cop­pie omo­ses­sua­li. Sul tema, se Cuper­lo svi­co­la,  Ren­zi intor­bi­da mali­zio­sa­men­te le acque.

Non si è limi­ta­to a vin­ce­re ai pun­ti, il tren­tot­ten­ne ragaz­zo mon­ze­se dal­lo sguar­do diret­to e dal piglio argu­to, ma ha oscu­ra­to i suoi due avver­sa­ri. For­se è trop­po tar­di per rimon­ta­re, e però intan­to una rimon­ta c’è. Le rispo­ste del pub­bli­co di Sky alla doman­da “Chi ti ha con­vin­to di più?”, che han­no visto Cuper­lo atte­star­si su un mise­ro 14,18%, han­no gra­ti­fi­ca­to Ren­zi del 49,32% ma Civa­ti si è con­qui­sta­to un bel 36,50% .
Tra fal­chi e colom­be, cigni e airo­ni (il pre­mier Let­ta, agli occhi del sena­to­re Cal­de­ro­li), vol­teg­gia con la scan­zo­na­ta leg­ge­rez­za, lim­pi­da e sono­ra, di un fringuello.

*l’au­to­re è docen­te di lin­gui­sti­ca, con­su­len­te del­la Trec­ca­ni e del­la Dan­te Alighieri

Fon­te: Repubblica.it

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.