I Nebrodi non sono della mafia

Sono le 9.30 di un sabato mattina di maggio, mi muovo velocemente in mezzo alla folla tra un dopobarba e l’altro, tra un alunno sorridente ed un anziano claudicante. Sant’Agata di Militello è in fermento, come non si vedeva dal 1992 ricordano alcuni cittadini. Ci sono facce, donne, uomini e ragazzi che si mischiano a fasce tricolore provenienti da tutte le comunità dei Nebrodi. Tra loro, riconosco la Sicilia che sa ancora respirare il fresco profumo della libertà e della dignità. La stessa folla che non si nasconde dietro la viltà di uomini che colpiscono nella notte.  Quei siciliani che apprezzano l’impegno e il coraggio di persone perbene, trasformati in eroi per il semplice fatto d’essere normali. Quella stessa Sicilia che sa emergere dal submondo di infedeli che la infesta. Come ha sempre e sottolineo sempre, dimostrato di saper fare.

Giuseppe Antoci, Presidente del Parco dei Nebrodi, la Polizia di Stato e i quanti potevano essere vittime inconsapevoli, le mogli, i figli, i cittadini, di quel vile attentato di mercoledì 18 maggio, sanno ancora di più di non essere soli.

I Siciliani sono con voi, a testa alta, come quei ragazzi di Tortorici che oggi sono intervenuti con più voce dalla piazza, sottolineando a polmoni pieni, che i Nebrodi non sono della mafia, che i suoi abitanti sono liberi.

Carmelo Di Gesaro

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati