I comitati lombardi di Possibile contro le iniziative di Maroni per il “Family day”

I Comitati lombardi di Possibile dichiarano il proprio disappunto per l’uso strumentale e pretenzioso del simbolo e della sede della Regione, e chiedono il ritiro del gonfalone di Regione Lombardia dalla manifestazione di Roma e lo spegnimento della scritta “Family Day” sulla facciata del Palazzo della Regione Lombardia.

Rice­via­mo e mol­to volen­tie­ri pubblichiamo.

Il Pre­si­den­te Rober­to Maro­ni ha di recen­te annun­cia­to che Regio­ne Lom­bar­dia par­te­ci­pe­rà uffi­cial­men­te al Fami­ly Day, mani­fe­sta­zio­ne in favo­re del­la fami­glia tra­di­zio­na­le, che si svol­ge­rà a Roma saba­to pros­si­mo, 30 gen­na­io 2016. L’adesione, soste­nu­ta in Con­si­glio Regio­na­le da buo­na par­te del­la Lega e NCD, avver­rà man­dan­do a Roma il gon­fa­lo­ne del­la Regio­ne.

Il Pre­si­den­te ha inol­tre uti­liz­za­to la fac­cia­ta del Palaz­zo del­la Regio­ne per pro­muo­ve­re l’evento, com­po­nen­do median­te l’illuminazione del­le fine­stre la gran­de scrit­ta “Fami­ly Day”, visi­bi­le da gran par­te del­la città.

I Comi­ta­ti lom­bar­di di POSSIBILE dichia­ra­no il pro­prio disap­pun­to per l’uso stru­men­ta­le e pre­ten­zio­so del sim­bo­lo e del­la sede del­la Regio­ne e si dis­so­cia­no con for­za da que­sta iniziativa.

Riten­go­no infat­ti che le posi­zio­ni espres­se dal Fami­ly Day riguar­do la fami­glia e le unio­ni civi­li non pos­sa­no esse­re con­si­de­ra­te rap­pre­sen­ta­ti­ve dell’opinione di tut­ti i cit­ta­di­ni che in que­sta Regio­ne risiedono. 

In par­ti­co­lar modo non rispon­do­no alle posi­zio­ni dei cit­ta­di­ni che POSSIBILE rap­pre­sen­ta e che, al con­tra­rio, si bat­to­no per il matri­mo­nio egua­li­ta­rio e le ado­zio­ni anche per i sin­gle. 

Per que­sta ragio­ne, a chi ha la pre­te­sa di rap­pre­sen­ta­re anche chi dis­sen­te, chie­do­no il riti­ro del gon­fa­lo­ne di Regio­ne Lom­bar­dia dal­la mani­fe­sta­zio­ne di Roma e lo spe­gni­men­to del­la scrit­ta “Fami­ly Day” sul­la fac­cia­ta del Palaz­zo del­la Regio­ne Lombardia.

 

Comi­ta­ti A. Oli­vet­ti Mila­no — Ago­rà Mila­no — Alex Lan­ger Vare­se — Arti, Musi­ca e Tea­tro Mila­no – I bastio­ni di Orio­ne Ber­ga­mo – 100 pas­si Pavia — Cit­tà di Suz­za­ra — Gran­de Man­to­va — Il sema­fo­ro blu Lis­so­ne — La zan­za­ra Pavia — Let­te­ra VII Mor­be­gno — Lore­to Pos­si­bi­le Mila­no – Man­to­va ‑Mar­ghe­ri­ta Hack Como — Mon­za Pos­si­bi­le — Pira­ta Piol­tel­lo — Pri­ma­ve­ra Pos­si­bi­le Mila­no — Quat­tor­di­ci luglio Arco­re — Rese­go­ne Lec­co — Rosa Luxem­burg Magen­ta — Rosa Parks Mila­no — Rosa Parks Vare­se — Socia­li­smo libe­ra­le Mila­no — Ven­tot­to Mag­gio Bre­scia – Wal­ter Bonat­ti Pioltello

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.