Grillo, quante sviste sull’articolo 18

“Noi stiamo con i lavoratori”, scrivono sul blog di Grillo, a commento della proposta di legge con la quale Articolo 1 - Mdp, Possibile e Sinistra Italiana propongono la reintroduzione delle tutele dell’articolo 18

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1510568198374{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]“Noi stia­mo con i lavo­ra­to­ri”, scri­vo­no sul blog di Gril­lo, a com­men­to del­la pro­po­sta di leg­ge con la qua­le Arti­co­lo 1 — Mdp, Pos­si­bi­le e Sini­stra Ita­lia­na pro­pon­go­no la rein­tro­du­zio­ne del­le tute­le dell’articolo 18 del­lo Sta­tu­to dei Lavo­ra­to­ri ai lavo­ra­to­ri assun­ti dopo il 7 Mar­zo 2015 e la loro esten­sio­ne alle impre­se con meno di 15 dipen­den­ti. Il post, a metà fra il com­men­to tec­ni­co e il com­men­to poli­ti­co, di fat­to costi­tui­sce il per­no sul qua­le il Movi­men­to 5 Stel­le sce­glie di non soste­ne­re tale pro­po­sta e di por­ta­re avan­ti, in manie­ra iso­la­ta e quin­di incon­clu­den­te, una sua pro­pria linea:

Per quel­li che si dico­no del­la sini­stra, però, il pro­ble­ma è il nume­ro dei dipen­den­ti in azien­da. Ebbe­ne la veri­tà è che la que­stio­ne non è que­sta ma la rein­tro­du­zio­ne del­le nor­me pre­vi­gen­ti al 2012 e al 2015. Si deve ritor­na­re al vec­chio arti­co­lo 18 per­ché è que­sto che pro­po­nia­mo da sem­pre e che pro­por­re­mo con un nostro emen­da­men­to in sede di esame.

Sof­fer­mia­mo­ci per ora sul­la moti­va­zio­ne tec­ni­ca. La discri­mi­nan­te del nume­ro dei dipen­den­ti è defi­ni­ta «que­stio­ne di lana capri­na», ma nel capo­ver­so pre­ce­den­te si ven­ti­la che la solu­zio­ne indi­ca­ta dai tre par­ti­ti del­la sini­stra pro­vo­che­reb­be una sor­ta di dan­no alle pic­co­le impre­se («in Ita­lia la qua­si tota­li­tà del­le impre­se impie­ga meno di 15 lavo­ra­to­ri e in que­ste real­tà il più del­le vol­te il dato­re di lavo­ro è impe­gna­to in pri­ma per­so­na nel­le atti­vi­tà lavo­ra­ti­ve e spes­so»), ed avreb­be più sen­so, scri­vo­no, man­te­ne­re il discri­mi­ne «come nel­la nor­ma pre­vi­gen­te e garan­ti­re una più coe­ren­te e faci­le valu­ta­zio­ne dei casi di ille­git­ti­mi­tà del licen­zia­men­to, sen­za for­mu­le com­ples­se e dif­fi­ci­li da dipa­na­re per il giudice».

For­se l’autore dimen­ti­ca che la rein­te­gra era ed è pre­vi­sta per tut­te le azien­de indi­pen­den­te­men­te dal nume­ro dei dipen­den­ti in caso di licen­zia­men­to nul­lo o discri­mi­na­to­rio. La tute­la è inve­ce dif­fe­ren­zia­ta in caso di ille­git­ti­mi­tà lega­te alle cau­se poste a giu­sti­fi­ca­zio­ne del licen­zia­men­to o a vizi procedurali.

Occor­re ricor­da­re che la disci­pli­na rela­ti­va ai licen­zia­men­ti con­te­nu­ta nel Jobs Act tro­va appli­ca­zio­ne sola­men­te per i lavo­ra­to­ri assun­ti dopo il 7 Mar­zo 2015 e per quel­li alle dipen­den­ze di azien­de che per effet­to del­le nuo­ve assun­zio­ni supe­ra­no il limi­te dimen­sio­na­le del­le 15 uni­tà. Quin­di non cre­dia­mo si pos­sa par­la­re di «com­bi­na­to disposto».

Se si vuo­le dav­ve­ro tute­la­re i lavo­ra­to­ri, come scri­vo­no, non c’è vali­da ragio­ne per oppor­si ad una pro­po­sta che chia­ri­sce i casi in cui il licen­zia­men­to deve inten­der­si discri­mi­na­to­rio, nul­lo o “total­men­te ille­git­ti­mo” (ovve­ro il licen­zia­men­to disci­pli­na­re quan­do non sus­si­ste il fat­to, il fat­to non è com­mes­so dal dipen­den­te oppu­re è pre­vi­sta una san­zio­ne con­ser­va­ti­va). Esclu­de­re le pic­co­le impre­se signi­fi­che­reb­be crea­re una trat­ta­men­to dif­fe­ren­zia­to che — tra l’altro — è fra le ragio­ni sto­ri­che del­la man­ca­ta cre­sci­ta del­le impre­se ita­lia­ne, spin­te dal siste­ma a scel­te ulte­rior­men­te pre­ca­riz­zan­ti per il lavo­ra­to­re (som­mi­ni­stra­zio­ne, co.co.co, par­ti­te iva).

Se i 5 Stel­le inten­do­no pro­por­re un ritor­no alla vec­chia disci­pli­na pre­vi­sta dall’articolo 18 in ver­sio­ne ante For­ne­ro, al fine di favo­ri­re le pic­co­le impre­se che — dico­no — sareb­be­ro altri­men­ti in balia del­le inter­pre­ta­zio­ne dei giu­di­ci, allo­ra non si capi­sce per­ché si oppon­ga­no alla Leg­ge For­ne­ro che tut­ta­via ave­va posto dei limi­ti mas­si­mi alle inden­ni­tà risar­ci­to­rie evi­tan­do che — per effet­to del­le lun­gag­gi­ni giu­di­zia­rie (anche 10 anni dal licen­zia­men­to alla rein­te­gra) — le azien­de si tro­vas­se­ro a dover paga­re inden­ni­tà trop­po elevate.

Se dav­ve­ro la pro­spet­ti­va poli­ti­ca è quel­la del “Noi stia­mo con i lavo­ra­to­ri” ma anche con le pic­co­le impre­se ves­sa­te dai risar­ci­men­ti, ci si chie­de per­ché i mede­si­mi inten­da­no oppor­si al Jobs Act di Ren­zi, il qua­le inve­ce ha pre­vi­sto un regi­me mol­to favo­re­vo­le alle pic­co­le impre­se, e mol­to sfa­vo­re­vo­le ai lavo­ra­to­ri, eli­mi­nan­do del tut­to la rias­sun­zio­ne e man­te­nu­to, e in alcu­ni casi ridu­cen­do, le stes­se inden­ni­tà, pre­vi­ste dal­la Leg­ge Fornero.

Per­ché, infi­ne, inten­do­no oppor­si alla pro­po­sta di leg­ge di Arti­co­lo 1 — Mdp, Pos­si­bi­le e Sini­stra Ita­lia­na, la qua­le comun­que con­tie­ne una casi­sti­ca ben defi­ni­ta in cui il giu­di­ce deve appli­ca­re la rein­te­gra, limi­tan­do la discre­zio­na­li­tà del giu­di­ce e pre­ve­den­do per le azien­de sot­to i cin­que dipen­den­ti di tener con­to del­le “spe­ci­fi­che con­di­zio­ni ambien­ta­li e rela­zio­na­li in cui dovreb­be svol­ger­si il rap­por­to di lavoro”?

I let­to­ri si saran­no già dati una rispo­sta, che mol­to pro­ba­bil­men­te è squi­si­ta­men­te poli­ti­ca. Ma anco­ra una vol­ta, per ragio­ni stra­te­gi­che, gli atto­ri poli­ti­ci dimen­ti­ca­no i dirit­ti dei lavo­ra­to­ri, che sono in balia del­la dere­go­la­men­ta­zio­ne, del­la pre­ca­rie­tà, del­le ester­na­liz­za­zio­ni far­loc­che. Al di là del faci­le slo­gan, sta­re con i lavo­ra­to­ri signi­fi­ca tro­va­re solu­zio­ni con­cre­te affin­ché si sta­bi­li­sca­no per­cor­si di sta­bi­liz­za­zio­ne, di riso­lu­zio­ne del­le con­tro­ver­sie fra le par­ti sen­za tol­le­ra­re alcu­na discri­mi­na­zio­ne. Signi­fi­ca un sala­rio digni­to­so e tute­la dal­lo sfrut­ta­men­to. Poche sem­pli­ci cose.

Danie­la Minnetti

Davi­de Sera­fin [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.