E se fosse un solo italiano a essere torturato?

Quanto a lungo si possono mettere in pausa i diritti umani? Ventimila è una cifra tollerabile? Se fossero ventimila italiani «accettereste la denuncia» e non cambiereste strategia? E se fosse solo un italiano, a essere torturato in Libia: lo accettereste?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Chis­sà se il mini­stro Min­ni­ti ha let­to le agen­zie di ieri. Chis­sà se si è rivi­sto, nel­la foto­gra­fia pub­bli­ca­ta da Amne­sty Inter­na­tio­nal che lo ritrae duran­te la ceri­mo­nia di con­se­gna ad Abu Sit­tah (por­to mili­ta­re di Tri­po­li) del­la moto­ve­det­ta Ras Jadir. E chis­sà cosa avrà pen­sa­to quan­do, poco più di un mese fa, i video, le foto­gra­fie e la testi­mo­nian­za di Gen­na­ro Giu­det­ti inqua­dra­va­no la stes­sa moto­ve­det­ta che, nel­le mani del­la Guar­dia costie­ra libi­ca, effet­tua­va una scon­si­de­ra­ta ope­ra­zio­ne in mare con la qua­le intral­cia­va l’o­pe­ra­zio­ne di sal­va­tag­gio mes­sa in atto dal­la Sea-Watch 3, una nave di una Ong. E chis­sà cosa avrà pen­sa­to veden­do la Guar­dia costie­ra libi­ca pic­chia­re le per­so­ne appe­na “sal­va­te”, e tra­sci­nar­ne una in mare, e lasciar­ne mori­re a decine.

Ita­lian Inte­rior Mini­ster Mar­co Min­ni­ti © and Libyan Defen­ce Mini­ster of the UN-bac­ked Govern­ment of Natio­nal Accord, Al-Mah­di Al-Bar­gha­thi (C‑R), speak to the press in the capi­tal Tri­po­li, fol­lo­wing the return of four Libyan Coa­st Guard ships after under­going main­te­nan­ce in Ita­ly on May 15, 2017. / AFP PHOTO / MAHMUD TURKIA (Pho­to cre­dit should read MAHMUD TURKIA/AFP/Getty Images)

Amne­sty accu­sa Unio­ne euro­pea e gover­no ita­lia­no di aver for­ni­to sup­por­to e assi­sten­za al Dipar­ti­men­to per il con­tra­sto all’immigrazione ille­ga­le «che gesti­sce i cen­tri di deten­zio­ne al cui inter­no rifu­gia­ti e migran­ti sono trat­te­nu­ti arbi­tra­ria­men­te e a tem­po inde­ter­mi­na­to e rego­lar­men­te sot­to­po­sti a gra­vi vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni, com­pre­sa la tor­tu­ra». Di aver adde­stra­to e for­ni­to equi­pag­gia­men­to (com­pre­se le navi) alla Guar­dia costie­ra libi­ca per inter­cet­ta­re i migran­ti in mare e ripor­tar­li in Libia. Di aver sti­pu­la­to «accor­di con auto­ri­tà loca­li, lea­der tri­ba­li e grup­pi arma­ti per inco­rag­giar­li a fer­ma­re il traf­fi­co di esse­ri uma­ni». «I rifu­gia­ti e i migran­ti inter­cet­ta­ti in mare dal­la Guar­dia costie­ra libi­ca — pro­se­gue Amne­sty — ven­go­no tra­sfe­ri­ti nei cen­tri di deten­zio­ne gesti­ti dal DCIM dove subi­sco­no trat­ta­men­ti orri­bi­li. In que­sti luo­ghi sovraf­fol­la­ti e insa­lu­bri si tro­va­no attual­men­te fino a 20.000 per­so­ne».

Il vice­mi­ni­stro Mario Giro ha com­men­ta­to il report di Amne­sty dicen­do che «accet­tia­mo la denun­cia, ma il nostro impe­gno e la nostra stra­te­gia in Libia non cam­bia­no». Cosa vuol dire «accet­tia­mo la denun­cia»? Vi dichia­ra­te col­pe­vo­li? O che sie­te ben a cono­scen­za del­le tor­tu­re, ma che il rifiu­to tota­le del­la tor­tu­ra vale per noi occi­den­ta­li e non per gli afri­ca­ni? Secon­do Giro si regi­stra­no dei pas­si avan­ti e quin­di vale la pena con­ti­nua­re. Quan­to a lun­go si pos­so­no met­te­re in pau­sa i dirit­ti uma­ni? Ven­ti­mi­la è una cifra tol­le­ra­bi­le? Se fos­se­ro ven­ti­mi­la ita­lia­ni «accet­te­re­ste la denun­cia» e non cam­bie­re­ste stra­te­gia? ‌Adde­stre­re­ste e for­ni­re­ste sup­por­to a chi fa in modo che sia­no tor­tu­ra­ti? O vor­re­ste che fos­se­ro libe­ra­ti subi­to? Non tra un mese, non doma­ni: subito. 

A un ita­lia­no è suc­ces­so, di recen­te, di esse­re tor­tu­ra­to in Afri­ca. In Egit­to, per la pre­ci­sio­ne. Lo abbia­mo sapu­to trop­po tar­di. Il gover­no ita­lia­no è sta­to ed è bal­bet­tan­te e for­se c’en­tra­va­no anche que­sta vol­ta i migran­ti e la Libia quan­do a fer­ra­go­sto si è deci­so un «cam­bio di stra­te­gia» (appun­to) riman­dan­do l’am­ba­scia­to­re ita­lia­no al Cai­ro. Con­ti­nue­re­mo a chie­de­re veri­tà e giu­sti­zia, per lui e per tut­te le per­so­ne tor­tu­ra­te e ammazzate.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.