Fontana chieda scusa e si ritiri a vita privata

Fontana dovrebbe chiudersi in casa dalla vergogna, chiedere scusa e ritirarsi per sempre dalla scena politica e pubblica lombarda e italiana
attilio-fontana

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Ci man­ca­va il can­di­da­to nazi­sta. Ci man­ca­va ma non era impre­ve­di­bi­le, dopo che per mesi anche i “respon­sa­bi­li” han­no rac­con­ta­to che l’arrivo di migran­ti minac­cia “la tenu­ta demo­cra­ti­ca del Pae­se” e che quin­di fos­se tol­le­ra­bi­le la deten­zio­ne indi­scri­mi­na­ta, la tor­tu­ra e la mor­te, a pat­to che fos­se­ro som­mi­ni­stra­te lon­ta­no dai nostri occhi. Non era impre­ve­di­bi­le che, giun­ti a que­sto pun­to, qual­cu­no avreb­be rispol­ve­ra­to discor­si pro­pri dell’hitle­ri­smo.

Par­la­re di raz­ze è già di per sé mostruo­so, ma anco­ra più mostruo­so (e la cosa rischia di sfug­gi­re nei tito­li di gior­na­le) è met­te­re in rela­zio­ne la “raz­za negroi­de” con lo “spa­zio vita­le”. Uti­liz­zo volu­ta­men­te espres­sio­ni nazi­fa­sci­ste, per­ché è di que­sto che Fon­ta­na par­la quan­do dice che gli immi­gra­ti «sono deter­mi­na­ti a occu­pa­re il nostro ter­ri­to­rio, dob­bia­mo rea­gi­re e ribel­lar­ci. Tut­ti non ci stia­mo, dob­bia­mo deci­de­re se la nostra etnia, raz­za bian­ca, socie­tà devo­no con­ti­nua­re a esi­ste­re o esse­re can­cel­la­te. Se la mag­gio­ran­za degli ita­lia­ni doves­se deci­de­re che dob­bia­mo autoe­li­mi­nar­ci, andre­mo da un’altra parte».

Fon­ta­na evo­ca la depor­ta­zio­ne, lo spo­sta­men­to for­za­to di mino­ran­ze, l’annientamento di popo­la­zio­ni per tute­la­re lo spa­zio che è pro­prie­tà di altri.

Nel Mein Kam­pf, Hitler scri­ve­va: «Sen­za con­si­de­ra­zio­ne per le tra­di­zio­ni e i pre­giu­di­zi, il nostro popo­lo deve tro­va­re il corag­gio di uni­re il pro­prio popo­lo e la sua for­za per avan­za­re lun­go la stra­da che por­te­rà il nostro popo­lo dal­l’at­tua­le ristret­to spa­zio vita­le ver­so il pos­ses­so di nuo­ve ter­re e oriz­zon­ti, e così lo por­te­rà a libe­rar­si dal peri­co­lo di scom­pa­ri­re dal mon­do o di ser­vi­re gli altri come una nazio­ne schiava».

Non è un’esagerazione: quel­lo di Fon­ta­na è hitle­ri­smo, è nazi­smo. Sia­mo oltre qual­sia­si limi­te del­la civil­tà. Fon­ta­na non dovreb­be riti­rar­si dal­la cor­sa alla gui­da del­la Lom­bar­dia, Fon­ta­na dovreb­be chiu­der­si in casa dal­la ver­go­gna, chie­de­re scu­sa e riti­rar­si per sem­pre dal­la sce­na poli­ti­ca e pub­bli­ca lom­bar­da e ita­lia­na. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.