Firenze: il revisionismo fascista non deve passare in alcun modo

Mentre a Genova i fascisti aggrediscono ed accoltellano chi continua ad opporsi ad un rigurgito nostalgico, a Firenze un presidente di quartiere esterna pubblicamente un elogio al "buon governo" di Mussolini.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Mentre a Geno­va i fasci­sti aggre­di­sco­no ed accol­tel­la­no chi con­ti­nua ad oppor­si ad un rigur­gi­to nostal­gi­co, a Firen­ze un pre­si­den­te di quar­tie­re ester­na pub­bli­ca­men­te un elo­gio al “buon gover­no” di Mus­so­li­ni.

Anco­ra una vol­ta un espo­nen­te del PD si lascia anda­re a dichia­ra­zio­ni che umi­lia­no la nostra iden­ti­tà repub­bli­ca­na ed anti­fa­sci­sta. Con l’ac­co­ra­to appel­lo a “sal­va­re la nostra raz­za” del­l’on. PD Patri­zia Pre­sti­pi­no pen­sa­va­mo di aver toc­ca­to il fon­do ed inve­ce dob­bia­mo ricrederci.

E nel momen­to in cui è più che mai neces­sa­rio man­te­ne­re alta l’at­ten­zio­ne sul­la cre­sci­ta del feno­me­no neo fasci­sta, è ver­go­gno­so dover spo­sta­re l’at­ten­zio­ne su dichia­ra­zio­ni di sif­fat­ta igno­ran­za sto­ri­ca. Non è accet­ta­bi­le che un rap­pre­sen­tan­te poli­ti­co pos­sa lasciar­si anda­re a gene­ra­li­sti­che con­si­de­ra­zio­ni sto­ri­co-poli­ti­che che dimo­stra­no pale­se­men­te tut­ta la ina­de­gua­tez­za di una clas­se diri­gen­te medio­cre sia sul pia­no cul­tu­ra­le che isti­tu­zio­na­le. Inu­ti­le ricor­da­re a costui che la cari­ca che rico­pre è figlia di un sus­sul­to d’or­go­glio da par­te del popo­lo ita­lia­no, che sfian­ca­to da guer­ra e fame, deci­se di resi­ste­re al ten­ta­ti­vo di ripri­sti­na­re un regi­me cadu­to su stes­so e sul­le bom­be americane.

Quel­la deci­sio­ne di Resi­sten­za, ali­men­ta­ta e soste­nu­ta da chi a quel regi­me si oppo­se per ven­t’an­ni suben­do la pri­va­zio­ne del­la liber­tà, fu paga­ta ad un prez­zo che oggi è scrit­to nei bor­ghi e nei pae­si dove il fasci­smo pas­sò. Il revi­sio­ni­smo sto­ri­co sul fasci­smo, la leg­ge­rez­za nei con­fron­ti del­la sto­ria e dei suoi giu­di­zi, il ten­ta­ti­vo di nar­ra­re una veri­tà altra che miri a giu­sti­fi­ca­re o misti­fi­ca­re la real­tà sto­ri­ca, con­cor­re a ren­de­re demo­cra­ti­ca­men­te accet­ta­bi­le un’i­dea poli­ti­ca che la Costi­tu­zio­ne met­te fuo­ri dal pro­prio alveo ren­den­do­la incom­pa­ti­bi­le con la demo­cra­zia.

Ancor più scon­cer­tan­te è il silen­zio del Sin­da­co Nar­del­la, la nostra cit­tà “meda­glia d’o­ro” per la Resi­sten­za meri­te­reb­be un pri­mo cit­ta­di­no che sap­pia difen­de­re il valo­re anti­fa­sci­sta che essa rap­pre­sen­ta. Nel­la tota­le assen­za, quin­di, di una pre­sa di posi­zio­ne da par­te del Sin­da­co di Firen­ze, rite­nia­mo ine­vi­ta­bi­le chie­der­ne noi, Pos­si­bi­le, le dimis­sio­ni.

Pie­ro Cara­mel­lo, Ema­nue­la Eboli

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.