Finalmente un passo avanti sulla cannabis! (In Francia)

Final­men­te un pas­so avan­ti sul­la cannabis!

In Fran­cia, però, dove il Mini­stro del­la soli­da­rie­tà e del­la salu­te Véran ha auto­riz­za­to la spe­ri­men­ta­zio­ne del­la #can­na­bi­ste­ra­peu­ti­ca in 215 strut­tu­re ospe­da­lie­re volontarie.

La spe­ri­men­ta­zio­ne del­la #can­na­bis medi­ca è sta­ta lan­cia­ta vener­dì 26 mar­zo all’o­spe­da­le uni­ver­si­ta­rio di Cler­mont-Fer­rand, con la pri­ma pre­scri­zio­ne a un pazien­te. Un espe­ri­men­to che mira a rac­co­glie­re i pri­mi dati fran­ce­si sul­l’ef­fi­ca­cia e la sicu­rez­za del­la can­na­bis come medi­ci­na­le, non­ché a pre­pa­ra­re i cana­li per la sua even­tua­le dispo­ni­bi­li­tà. Cir­ca 3.000 pazien­ti saran­no moni­to­ra­ti in 215 strut­tu­re volon­ta­rie sele­zio­na­te dal­l’A­gen­zia nazio­na­le fran­ce­se per la sicu­rez­za dei medi­ci­na­li. La pre­scri­zio­ne sarà con­sen­ti­ta in 5 casi:

  • dolo­re neu­ro­pa­ti­co refrat­ta­rio ai trat­ta­men­ti disponibili;
  • alcu­ne for­me di epilessia;
  • alcu­ni sin­to­mi intrat­ta­bi­li in oncologia;
  • alcu­ne situa­zio­ni palliative;
  • spa­sti­ci­tà dolo­ro­sa che accom­pa­gna alcu­ne malat­tie del siste­ma ner­vo­so centrale.

La spe­ri­men­ta­zio­ne darà i suoi risul­ta­ti nel set­tem­bre 2023.

Paral­le­la­men­te, il gover­no fran­ce­se si pre­pa­ra a inta­vo­la­re in Assem­blea Nazio­na­le e Sena­to una discus­sio­ne sul con­su­mo di can­na­bis a sco­po ricrea­ti­vo, in segui­to alla con­sul­ta­zio­ne cit­ta­di­na lan­cia­ta tra gen­na­io e feb­bra­io 2021. Il mini­stro del­l’in­ter­no Gérald Dar­ma­nin, che ha fat­to del­la lot­ta con­tro il traf­fi­co di dro­ga una prio­ri­tà, ha det­to a set­tem­bre che era con­tra­rio a lega­liz­za­re “que­sta mer­da”. Tut­ta­via, l’86% è a favo­re del­l’a­per­tu­ra del­la pro­du­zio­ne agli indi­vi­dui, come dimo­stra la con­sul­ta­zio­ne dei cit­ta­di­ni lan­cia­ta dal gover­no. Le com­mis­sio­ni crea­te ad hoc per pre­sen­ta­re il dise­gno di leg­ge vedo­no la pre­sen­za di espo­nen­ti di qua­si tut­to l’arco poli­ti­co (ad esclu­sio­ne di Ras­sem­ble­ment National).

Que­sto cam­bia­men­to epo­ca­le favo­ri­reb­be anche un’inversione di ten­den­za dei gio­va­ni fran­ce­si, sem­pre più lon­ta­ni dal­le cam­pa­gne negli ulti­mi 20 anni: la nasci­ta di una nuo­va filie­ra agri­co­la di dimen­sio­ni con­si­de­re­vo­li può esse­re vista come chia­ve per la rina­sci­ta di aree inter­ni e sem­pre più spopolate.

Se son cime, insom­ma, fio­ri­ran­no a bene­fi­cio di tut­te e tut­ti: cas­se sta­ta­li fran­ce­si in primis.

Mat­thias Fiore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.