Fase 2: come si adeguerà il mondo del lavoro?

Il dado è trat­to: la cosid­det­ta Fase 2 si avvie­rà il 4 mag­gio. Ma come si ade­gue­rà il mon­do del lavo­ro? L’allentamento del­le restri­zio­ni, decre­ta­to per avvia­re la ripre­sa del­le atti­vi­tà eco­no­mi­che e socia­li, ripor­te­rà infat­ti al lavo­ro – secon­do le sti­me di Vit­to­rio Colao, capo del­la task for­ce Fase 2 coro­na­vi­rus – 2,7 milio­ni di per­so­ne, le qua­li si aggiun­go­no a colo­ro che, in pie­na emer­gen­za, han­no con­ti­nua­to a lavo­ra­re nel­le atti­vi­tà con­si­de­ra­te essen­zia­li dai Decre­ti del Pre­si­den­te del Con­si­glio dei Mini­stri e nel­le impre­se che han­no comu­ni­ca­to ai Pre­fet­ti la volon­tà di pro­se­gui­re la pro­pria pro­du­zio­ne, auto­cer­ti­fi­can­do di svol­ge­re atti­vi­tà fun­zio­na­li ad assi­cu­ra­re la con­ti­nui­tà del­le filie­re e dei ser­vi­zi di pub­bli­ca uti­li­tà ed essen­zia­li. La pro­spet­ti­va di pro­va­re a ripren­de­re una vita un po’ più nor­ma­le e di riat­ti­va­re l’economia deve esse­re però per­se­gui­ta con la mas­si­ma pru­den­za. In que­sto sen­so ci pare sia oppor­tu­no valo­riz­za­re atten­ta­men­te il tema del­la sicu­rez­za sui luo­ghi di lavo­ro. Il 24 apri­le è sta­to aggior­na­to il “Pro­to­col­lo con­di­vi­so di rego­la­men­ta­zio­ne del­le misu­re per il con­tra­sto e il con­te­ni­men­to del­la dif­fu­sio­ne del virus Covid-19 negli ambien­ti di lavo­ro” che con­tie­ne le linee gui­da con­di­vi­se tra il Gover­no e le par­ti socia­li per age­vo­la­re le impre­se nell’adozione di pro­to­col­li di sicu­rez­za anti-con­ta­gio, ovve­ro­sia per il con­tra­sto e il con­te­ni­men­to del­la dif­fu­sio­ne del virus COVID 19 negli ambien­ti di lavo­ro. Lo sco­po di tale docu­men­to è quel­lo di con­sen­ti­re la pro­se­cu­zio­ne dell’attività lavo­ra­ti­va sot­to ade­gua­ti mec­ca­ni­smi di sal­va­guar­dia del­la salu­te dei lavo­ra­to­ri e quin­di di tut­ti i cit­ta­di­ni. E infat­ti il pro­to­col­lo par­te dal coin­vol­gi­men­to del dato­re di lavo­ro (DL) e dei rap­pre­sen­tan­ti dei lavo­ra­to­ri per la sicu­rez­za (RLS), figu­re d’obbligo all’interno dell’azienda, fino ad arri­va­re a con­si­de­ra­re anche il tema del tra­sfe­ri­men­to casa-azien­da. Rite­nia­mo tut­ta­via neces­sa­rio ana­liz­za­re il docu­men­to in modo da indi­vi­duar­ne pre­gi, difet­ti e man­can­ze. Il ruo­lo asse­gna­to alle azien­de è quel­lo di crea­re le con­di­zio­ni per un ambien­te di lavo­ro che ridu­ca al mini­mo le occa­sio­ni di con­ta­gio. Si pre­ve­de per­ciò il con­trol­lo del per­so­na­le che acce­de nel­le sue aree così da indi­vi­dua­re situa­zio­ni poten­zial­men­te peri­co­lo­se e indi­riz­zar­le al cor­ret­to trat­ta­men­to sani­ta­rio. A tale riguar­do non è pre­vi­sto però un obbli­go al con­trol­lo del­la tem­pe­ra­tu­ra cor­po­rea, cosa che ci sem­bra una gra­ve man­can­za. Rile­via­mo comun­que che que­sto è un argo­men­to cri­ti­co, per­ché coin­vol­ge il tema del­la tute­la dei dati sen­si­bi­li, per i qua­li la nor­ma­ti­va asse­gna la respon­sa­bi­li­tà del­la gestio­ne al medi­co com­pe­ten­te, lascian­do aper­ta la stra­da per una auto­di­chia­ra­zio­ne di auto­tu­te­la da par­te del lavo­ra­to­re. Men­tre l’indicazione per l’interruzione del­la sor­ve­glian­za sani­ta­ria perio­di­ca ten­de a eli­mi­na­re una pre­zio­sa occa­sio­ne di ulte­rio­re moni­to­rag­gio. Gli ambien­ti di lavo­ro saran­no ade­gua­ta­men­te igie­niz­za­ti, sani­fi­ca­ti e dota­ti di deter­gen­ti per uso indi­vi­dua­le e di dispo­si­ti­vi di pro­te­zio­ne indi­vi­dua­li (DPI) con­for­mi alle indi­ca­zio­ni dell’Organizzazione Mon­dia­le del­la Sani­tà. Ven­go­no con­tin­gen­ta­ti gli spa­zi comu­ni. Valu­tia­mo sia neces­sa­rio però un appro­fon­di­men­to cir­ca il trat­ta­men­to del micro­cli­ma esti­vo in quan­to i siste­mi di con­di­zio­na­men­to, con con­se­guen­ti movi­men­ta­zio­ne dell’aria, potreb­be­ro gene­ra­re poten­zia­li­tà di con­ta­gio in caso di pre­sen­ze plu­ri­mi di addet­ti nel­lo stes­so loca­le. L’organizzazione del lavo­ro, den­tro e fuo­ri l’azienda, assu­me un ruo­lo fon­da­men­ta­le. Le inte­se che han­no con­dot­to e con­dur­ran­no a tran­si­to­rie ride­fi­ni­zio­ni del modus ope­ran­di sono cen­tra­li. Abbia­mo visto orga­niz­za­zio­ni, di gran­di dimen­sio­ni, che si sono già rimo­del­la­te in modo signi­fi­ca­ti­vo, ma vor­rem­mo che que­sta occa­sio­ne potes­se esse­re il pri­mo pas­so ver­so l’applicazione vera del decre­to legi­sla­ti­vo 81/2008, con­si­sten­te in una seria ado­zio­ne del Docu­men­to di Valu­ta­zio­ne dei Rischi (DVR) e del Docu­men­to Uni­co per la Valu­ta­zio­ne dei Rischi Inter­fe­ren­zia­li (DUVRI), ele­va­ti dal tri­ste ruo­lo di eser­ci­zio di let­te­ra­tu­ra che trop­po spes­so rive­sto­no. L’ultimo fron­te sul qua­le le azien­de pos­so­no svol­ge­re un ruo­lo fon­da­men­ta­le è quel­lo che riguar­da spa­zi e ora­ri di lavo­ro. Occor­re un’azione che coor­di­ni la rimo­du­la­zio­ne degli spa­zi fisi­ci (meno per­so­ne nel­lo stes­so spa­zio) con gli ora­ri di lavo­ro e di acces­so al lavo­ro (ora­ri, tur­ni, tra­spor­ti). Que­sto è cer­ta­men­te l’esercizio più dif­fi­ci­le. Dove sono sta­te adot­ta­te le moda­li­tà di lavo­ro “agi­le” (smart wor­king, tele­la­vo­ro), que­ste devo­no con­ti­nua­re a per­ma­ne­re, pro­prio per ren­de­re più age­vo­li gli uti­liz­zi di spa­zi e tra­sfe­ri­men­ti; appli­can­do­le però in via pre­fe­ren­zia­le ai lavo­ra­to­ri fra­gi­li (con pato­lo­gie pre­gres­se) o al per­so­na­le supe­rio­re a limi­ti di età con­cor­da­ti (50 o 55 anni), come pre­vi­sto dal Docu­men­to INAIL SARS-COV2 dell’aprile 2020. Il tema del tra­sfe­ri­men­to ver­so il posto di lavo­ro diven­ta quin­di essen­zia­le per ridur­re le occa­sio­ni di con­tat­to e di con­ta­gio. Quan­to sug­ge­ri­to dal pro­to­col­lo “… andreb­be­ro incen­ti­va­te for­me di tra­spor­to ver­so il luo­go di lavo­ro con ade­gua­to distan­zia­men­to fra i viag­gia­to­ri e favo­ren­do l’uso del mez­zo pri­va­to o di navet­te” risul­ta sostan­zial­men­te erra­to. Il ser­vi­zio pub­bli­co deve esse­re inve­ce incen­ti­va­to a tute­la dei viag­gia­to­ri (temo­scan­ner otti­ci, con­ta­per­so­ne digi­ta­li, etc.) e si deve coglie­re l’occasione per ripen­sa­re le nostre cit­tà realizzando:

  • per­cor­si cicla­bi­li (con incen­ti­vi per gli acqui­sti di bici­clet­te musco­la­ri o a peda­la­ta assistita),
  • moda­li­tà di con­di­vi­sio­ne di auto e moto­ci­cli elettrici,
  • par­cheg­gi di inter­scam­bio fra mez­zi pub­bli­ci e privati.

Anche in que­sto caso esi­ste l’opportunità di uti­liz­za­re pro­fes­sio­na­li­tà indi­vi­dua­te nel­le azien­de medio gran­di attra­ver­so la figu­ra del “Mobi­li­ty Mana­ger”, il qua­le avreb­be il com­pi­to di gesti­re e otti­miz­za­re gli spo­sta­men­ti casa-lavo­ro dei dipen­den­ti attra­ver­so inter­ven­ti su ora­ri di lavo­ro e uti­liz­zo del mez­zo di tra­spor­to pri­va­to. In tal sen­so vedia­mo dun­que con favo­re la recen­te pro­po­sta del­la Mini­stra del­le Infra­strut­tu­re e dei Tra­spor­ti di ren­de­re obbli­ga­to­ria la figu­ra del “Mobi­li­ty Mana­ger” anche nel­le azien­de con alme­no 100 dipen­den­ti, abbas­san­do così la soglia mini­ma già pre­vi­sta per leg­ge. Riu­sci­rà il nostro siste­ma ad ade­guar­si? Il dub­bio riguar­da sia la pic­co­la impre­sa, spes­so non attrez­za­ta, nem­me­no cul­tu­ral­men­te, a con­si­de­ra­re la sicu­rez­za come ric­chez­za dell’azienda, sia l’impresa media e gran­de, spes­so incli­ne ad ade­guar­si con sem­pli­ci imbel­let­ta­men­ti e rispet­ti for­ma­li del­le leg­gi. Si trat­ta però di ave­re una volon­tà che deve par­ti­re dai più alti livel­li isti­tu­zio­na­li, da dimo­strar­si con il neces­sa­rio soste­gno eco­no­mi­co e con i dove­ro­si con­trol­li.   Giu­lia­no Gra­zia­ni Fran­co Bian­chi Bru­no Saccomanni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.