Giornalisti picchiati, proprio come un secolo fa

Gior­na­li­sti aggre­di­ti, pic­chia­ti, per­ché addi­ta­ti come nemi­ci. Ele­men­ti di distur­bo da com­bat­te­re, facen­do ricor­so all’unico stru­men­to noto: la vio­len­za. Sem­bra un rac­con­to del seco­lo scor­so, quan­do negli Anni Ven­ti ini­zia­va­no le bru­ta­li­tà del­le cami­cie nere. Dei fasci­sti che inneg­gia­va­no al Duce e non tol­le­ra­va­no una posi­zio­ne poli­ti­ca di dis­sen­so né tan­to­me­no il rac­con­to del­la stam­pa libe­ra. E inve­ce no: è la cro­na­ca di quan­to acca­de nel 2019, a Roma, in quar­tie­re nem­me­no trop­po lon­ta­no dal cen­tro, in un gior­no sim­bo­li­co usa­to come ritro­vo di nuo­vi e vec­chi mili­tan­ti dell’estrema destra. La com­me­mo­ra­zio­ne di Acca Laren­tia, nel quar­tie­re Appio-Tusco­la­no di Roma, è infat­ti diven­ta­to anco­ra una vol­ta di più un momen­to di “radu­no nero” sot­to il cap­pel­lo del ricor­do di due gio­va­ni mili­tan­ti del Fron­te del­la Gio­ven­tù ucci­si pro­prio in via Acca Laren­tia il 7 gen­na­io 1978 (la cele­bra­zio­ne richia­ma anche una ter­za vit­ti­ma, mor­ta però duran­te alcu­ni disor­di­ni con la poli­zia nel­lo stes­so giorno).

I fat­ti sono impres­sio­nan­ti e trac­cia­no un paral­le­lo sto­ri­co inquie­tan­te: un cro­ni­sta, Fede­ri­co Mar­co­ni, e un foto­gra­fo, Pao­lo Mar­chet­ti, entram­bi del set­ti­ma­na­le L’Espresso, sono sta­ti aggre­di­ti da com­po­nen­ti di orga­niz­za­zio­ni che si rifan­no dichia­ra­ta­men­te all’ideologia fasci­sta, in bar­ba alle dispo­si­zio­ni del­la Costi­tu­zio­ne che vie­ta la rior­ga­niz­za­zio­ne di par­ti­ti o asso­cia­zio­ni fasci­ste. Tut­to que­sto in pub­bli­co, in una zona fran­ca del­la lega­li­tà. Un ango­lo di Capi­ta­le in cui è sta­to infer­to l’ennesimo col­po alla demo­cra­zia, con la sce­na occu­pa­ta da per­so­nag­gi da sem­pre lega­ti al mon­do del fasci­smo. Pro­prio come un seco­lo fa.

L’aggressione ha segui­to il per­fet­to cano­vac­cio squa­dri­sta: le imma­gi­ni sem­bra­no usci­te dal bian­co e nero degli Anni Ven­ti per diven­ta­re a colo­ri, tra­smes­se da luc­ci­can­ti smart­pho­ne; in 100 anni il mon­do è cam­bia­to total­men­te, i mez­zi di comu­ni­ca­zio­ne han­no stra­vol­to le nostre vite, ma la moda­li­tà di azio­ne squa­dri­sta è fede­le a se stes­sa. Quel­la resta sem­pre ugua­le: si indi­vi­dua il nemi­co gior­na­li­sta, lo si mar­chia di “infa­mia”, e lo si inti­mi­di­sce con la vio­len­za. Sen­za alcu­na altra argo­men­ta­zio­ne.  

Il 7 gen­na­io 2019 è una data da cer­chia­re in nero, quel nero fasci­sta che sta tin­gen­do l’Italia. L’esondazione di estre­mi­smo di destra ha toc­ca­to un altro api­ce, l’ennesima vet­ta rag­giun­ta dopo una pazien­te sca­la­ta avve­nu­ta gra­zie alla mini­miz­za­zio­ne, fat­ta anche dal­le Isti­tu­zio­ni, di chi al gover­no ha pre­fe­ri­to deru­bri­ca­re la vicen­da a sin­go­li epi­so­di di nostal­gi­ci. La situa­zio­ne è ormai al limi­te: aggres­sio­ni e pre­va­ri­ca­zio­ni sono all’ordine del gior­no. Ed è l’ora che chi deve tute­la­re sicu­rez­za e lega­li­tà, come il mini­stro dell’Interno, dia del­le rispo­ste. Vere ed effi­ca­ci. Per­ché la vio­len­za nera è una que­stio­ne, mol­to seria, di ordi­ne pub­bli­co. Un Pae­se in cui i gior­na­li­sti sono aggre­di­ti lo abbia­mo già visto, ce lo dice la Sto­ria. E non è una bel­la sto­ria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.