Fact checking minimo delle dichiarazioni di Minniti

Stando ai numeri, almeno 38.240 di quelle “persone in meno” sono state trattenute in Libia e sottoposte a quelle torture e trattamenti disumani e degradanti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Per il deci­mo mese con­se­cu­ti­vo si è regi­stra­to un calo degli sbar­chi di migran­ti. Dal 1° luglio ad oggi sono arri­va­te 95.600 per­so­ne in meno rispet­to all’an­no pre­ce­den­te, un col­po straor­di­na­rio ai traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni. Natu­ral­men­te nul­la è mai acqui­si­to una vol­ta per tut­te, ma i nume­ri ci dico­no che quei pro­ces­si pos­so­no esse­re gover­na­ti. È inne­ga­bi­le che qual­co­sa stia cambiando.

Così Mar­co Min­ni­ti,Mini­stro del­l’In­ter­no, ieri alla ceri­mo­nia per i 166 anni del­la fon­da­zio­ne del­la Poli­zia di Stato.

Pro­via­mo ad esa­mi­na­re in det­ta­glio que­ste dichiarazioni.

Sono arri­va­te 95.600 per­so­ne in meno rispet­to all’an­no pre­ce­den­te”: que­sto nume­ro deve esse­re mes­so in con­trad­dit­to­rio col report annua­le del Cen­tro Astal­li pre­sen­ta­to al Tea­tro Argen­ti­na a Roma pochi gior­ni fa, secon­do il qua­le “L’ef­fet­to del­le misu­re intro­dot­te nel cor­so del 2017 per ridur­re il flus­so degli arri­vi in Euro­pa attra­ver­so il Medi­ter­ra­neo cen­tra­le impli­ca che i migran­ti sia­no trat­te­nu­ti in Libia più a lun­go e che pos­sa­no esse­re sog­get­ti a deten­zio­ne in con­di­zio­ni cri­ti­che, anche più vol­te, nel caso in cui sia­no inter­cet­ta­ti in mare e ripor­ta­ti in Libia. Il 40 per cen­to di chi arri­va dal­la Libia sof­fre per le vio­len­ze e i trau­mi subi­ti.

Dun­que, stan­do ai nume­ri, alme­no 38.240 di quel­le per­so­ne in meno sono sta­te trat­te­nu­te in Libia e sot­to­po­ste a quel­le tor­tu­re e trat­ta­men­ti disu­ma­ni e degra­dan­ti che l’art. 3 del­la CEDU vie­ta e che costi­tui­sco­no vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni fon­da­men­ta­li tali da giu­sti­fi­ca­re il dirit­to di asi­lo ai sen­si del­l’art. 10 com­ma 3 del­la Costi­tu­zio­ne italiana.

Un col­po straor­di­na­rio ai traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni”: Fran­ce­sca Man­noc­chi, su Midd­le East Eye, il 25 ago­sto 2017 scri­ve che “Grup­pi arma­ti stan­no rice­ven­do ricom­pen­se per fer­ma­re le imbar­ca­zio­ni in Libia, in cam­bio di aiu­ti, han­gar aerei e gran­di som­me di dena­ro […] Agen­zie di intel­li­gen­ce euro­pee stan­no nego­zian­do con il comu­ne di Sabra­tha, che par­la per con­to del­le mili­zie loca­li che han­no rice­vu­to una cifra di cin­que milio­ni di dol­la­ri per bloc­ca­re i migran­ti nel­l’a­rea per alme­no un mese e non per­met­te­re che imbar­ca­zio­ni in gom­ma ven­ga­no sospin­te ver­so l’I­ta­lia. […] Una per­so­na ben infor­ma­ta ha soste­nu­to di aver rice­vu­to il reso­con­to di una riu­nio­ne a Sabra­tha tra i fun­zio­na­ri del­l’in­tel­li­gen­ce ita­lia­na e dei mem­bri del­la mili­zia Anas Dabbashi.”

Poi­ché l’I­ta­lia ha paga­to le mili­zie libi­che per trat­te­ne­re i migran­ti in un pae­se, la Libia, che non ha mai rati­fi­ca­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra del 1951 sul­la pro­te­zio­ne dei rifu­gia­ti, a segui­to di que­sto mini­mo fact chec­king, le dichia­ra­zio­ni del Mini­stro Min­ni­ti andreb­be­ro rifor­mu­la­te nel modo seguente:

Per il deci­mo mese con­se­cu­ti­vo si è regi­stra­to un calo degli sbar­chi di migran­ti. Dal 1° luglio ad oggi sono arri­va­te 95.600 per­so­ne in meno rispet­to all’an­no pre­ce­den­te, un col­po straor­di­na­rio ai traf­fi­can­ti di esse­ri uma­ni, nel sen­so che essi ci gua­da­gna­no più di pri­ma, per­ché riem­pia­mo i loro cam­pi di con­cen­tra­men­to in Libia e li paghia­mo per trat­te­ne­re lì i migran­tiNatu­ral­men­te nul­la è mai acqui­si­to una vol­ta per tut­te, ma i nume­ri ci dico­no che quei pro­ces­si pos­so­no esse­re gover­na­ti e il modo che abbia­mo scel­to per gover­nar­li ha come prez­zo la vio­la­zio­ne di diver­se nor­me costi­tu­zio­na­li ed inter­na­zio­na­li poste a tute­la dei dirit­ti uma­ni. È inne­ga­bi­le che qual­co­sa stia cam­bian­do: la nostra sini­stra di gover­no ha scel­to di scim­miot­ta­re la destra sul ter­re­no dei dirit­ti uma­ni e del­l’im­mi­gra­zio­ne e infat­ti la destra, alle ulti­me ele­zio­ni, ha vinto.

Per qual­cu­no — mol­ti sup­po­nia­mo, pur­trop­po — que­sto è accet­ta­bi­le: che don­ne, mino­ri e sog­get­ti vul­ne­ra­bi­li sia­no vit­ti­me di trat­ta e di schia­vi­tù e sot­to­po­sti a tor­tu­re e trat­ta­men­ti disu­ma­ni e degra­dan­ti lon­ta­no dal suo­lo ita­li­co è un prez­zo da paga­re se voglia­mo limi­ta­re i flus­si d’ingresso.

Ma è una discor­so sba­glia­to e peri­co­lo­so, per­ché non è in cor­so nes­su­na inva­sio­ne (appe­na 0,5% è il nume­ro dei migran­ti che chie­do­no pro­te­zio­ne nel nostro pae­se rispet­to alla popo­la­zio­ne ita­lia­na) e per­ché rinun­cia­mo a inda­ga­re (e cer­ca­re di risol­ve­re) le cau­se di que­sto eso­do (il nostro rapa­ce sfrut­ta­men­to eco­no­mi­co neo­co­lo­nia­li­sta, il soste­gno a regi­mi dit­ta­to­ria­li, guer­re dove sui civi­li pio­vo­no pro­iet­ti­li fab­bri­ca­ti in Ita­lia, uno sti­le di pro­du­zio­ne e di vita che gene­ra peri­co­lo­si muta­men­ti climatici…).

Una sini­stra che voglia dir­si coe­ren­te, seria e respon­sa­bi­le, com­bat­te le bat­ta­glie giu­ste e neces­sa­rie, per evi­ta­re che sul­la pel­le dei più debo­li si fac­cia­no le pro­ve gene­ra­li sul­la ridu­zio­ne del­la demo­cra­zia per tutti.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.