CasaPound sostiene l’accoglienza emergenziale e sregolata?

Nel prendersela, per l'ennesima volta, con Laura Boldrini e don Biancalani, ha indetto una manifestazione in contemporanea a un'iniziativa che vede ospiti questi ultimi, con la quale chiede (testualmente) di «USCIRE DALLO SPRAR. CHIUDERE I CENTRI DI ACCOGLIENZA»
#

Alle volte succedono cose curiose, come che CasaPound si trovi a sostenere “il business dell’immigrazione”, quello che sfrutta gli spazi aperti dalla gestione emergenziale e straordinaria dell’accoglienza per lucrare indegnamente sulla pelle dei richiedenti asilo e sulle spalle dei contribuenti italiani. Se è vero, infatti, che non tutti i centri di accoglienza straordinari (Cas) sono macchine da soldi, è però altrettanto vero che se si vuole lucrare sull’accoglienza (farne un “business”) di sicuro si guarderà alla galassia grigia dei Cas e non a quella molto più trasparente e efficace del Sistema protezione richiedenti asilo e rifugiati (Sprar).

E cosa c’entra CasaPound? C’entra perché nel prendersela, per l’ennesima volta, con Laura Boldrini e don Biancalani (parroco di Vicofaro e Ramini, parrocchie pistoiesi che accolgono richiedenti asilo), ha indetto una manifestazione in contemporanea a un’iniziativa che vede ospiti questi ultimi, con la quale chiede (testualmente) di «USCIRE DALLO SPRAR. CHIUDERE I CENTRI DI ACCOGLIENZA». E aggiunge: «Nel giorno in cui Laura Boldrini sarà ospite di Don Biancalani per spiegare le “meraviglie” dell’accoglienza senza regole, abbiamo deciso di scendere in strada a Vicofaro per far sentire forte la voce di tutti quei pistoiesi stufi di un immigrazione incontrollata che porta solo criminalità e degrado».

Se da un lato è evidente che non hanno ancora capito come funziona il sistema di accoglienza (vi diamo una notizia: i 35 euro non finiscono nelle tasche dei migranti, ma di chi li accoglie, sia che faccia bene il suo lavoro – come nello Sprar – sia che lo faccia male), dall’altro lato è evidente che si tratta dell’ennesimo atto di «persecuzione sistematica – scrive il comitato di Possibile di Pistoia – nei riguardi del Centro di accoglienza di Vicofaro, dove si assicurano ospitalità e integrazione a chiunque ne faccia richiesta: sia senzatetto italiani o stranieri, sia giovani rifugiati “regolari”, o “invisibili” perché espulsi dalle strutture assegnatarie dell’accoglienza e ricacciati in strada».

Chi ha interesse a chiudere gli Sprar, a incentivare l’accoglienza “straordinaria e emergenziale”, a mettere persone di qualsiasi colore in mezzo alla strada ha un unico, altro, interesse: alimentare le tensioni, soffiare sul fuoco dell’intolleranza, aizzare all’odio, convocare manifestazioni chiaramente provocatorie nella speranza di passare, prima o poi, all’incasso elettorale.

Questa settimana saremo a Pistoia, insieme a Pippo Civati, don Biancalani e Voi Sapete – L’indifferenza uccide, (giovedì 12 aprile, 17:30, presso Feltrinelli), per rompere il muro dell’indifferenza e costruire politiche di pace.

  • 145
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati