Satyagraha per Fabrizio Pellegrini: contro il proibizionismo di Stato

Di fronte all'incredibile vicenda di Fabrizio Pellegrini, tre attivisti per i diritti rinunciano al cibo fino a quando non sarà fatta giustizia.

Dall’8 giu­gno Fabri­zio Pel­le­gri­ni, affet­to da una pato­lo­gia neu­ro-dege­ne­ra­ti­va, è reclu­so pres­so il car­ce­re di Chie­ti per aver col­ti­va­to alcu­ne pian­te di mari­jua­na a fini stret­ta­men­te tera­peu­ti­ci. Il suo pre­ca­rio sta­to di salu­te, incom­pa­ti­bi­le con la con­di­zio­ne di dete­nu­to, peg­gio­ra di gior­no in gior­no anche per­ché in car­ce­re gli è pre­clu­sa la cura a base di can­na­bis pre­vi­sta dal suo pia­no terapeutico.

La dif­fi­ci­le con­di­zio­ne di Fabri­zio è sta­ta con­sta­ta­ta da Rita Ber­nar­di­ni, espo­nen­te radi­ca­le, che lo ha visi­ta­to in que­sti giorni.

Nono­stan­te le rego­la­ri pre­scri­zio­ni medi­che, non è la pri­ma vol­ta che Fabri­zio Pel­le­gri­ni vie­ne arre­sta­to e incar­ce­ra­to. La sua colpa?

Non aver abba­stan­za dena­ro per poter paga­re la can­na­bis medi­ca, ad oggi impor­ta­ta dal­la sola Olan­da a costi elevatissimi.

Per que­sto moti­vo, per far fron­te alla dolo­ro­sa fibro­mial­gia che lo afflig­ge da tem­po, Fabri­zio si è dovu­to risol­ve­re a col­ti­va­re in casa qual­che pian­ta per evi­ta­re di rivol­ger­si al mer­ca­to ille­ga­le.

La rispo­sta del siste­ma lega­le ita­lia­no è sta­ta anco­ra una vol­ta “ingiu­sta­men­te infles­si­bi­le”: Fabri­zio è pri­vo del­la liber­tà, è pri­vo del far­ma­co, è irre­ver­si­bil­men­te segna­to nel cor­po dal­la malat­tia che lo affligge.

La can­na­bis non è dan­no­sa per i con­su­ma­to­ri, come dimo­stra tan­ta let­te­ra­tu­ra scien­ti­fi­ca che ripe­tu­ta­men­te ne ha con­fer­ma­to la valen­za medi­ca e tera­peu­ti­ca, nono­stan­te ciò da decen­ni è la sostan­za natu­ra­le pre­sa più di mira dal siste­ma proi­bi­zio­ni­sta ita­lia­no impe­gna­to in una ingiu­sta “war on drugs”, il cui uni­co sco­po è la cri­mi­na­liz­za­zio­ne di com­por­ta­men­ti e modi di vive­re che non ledo­no gli “altrui dirit­ti, le altrui libertà.

Dinan­zi allo Sta­to Ita­lia­no che col­pi­sce Fabri­zio e con lui, miglia­ia di altri mala­ti, non rima­nia­mo con le mani in mano.

Con Andrea Tri­sciuo­glio, mala­to anche lui come Fabri­zio, segre­ta­rio del pri­mo can­na­bis social club ita­lia­no, Lapian­TIa­mo, il qua­le, dopo aver subi­to una per­qui­si­zio­ne dei Cara­bi­nie­ri nel­la sua abi­ta­zio­ne, gra­zie alla sua “testar­da osti­na­zio­ne radi­ca­le”, è riu­sci­to ad otte­ne­re sin dal 2009 diret­ta­men­te dal siste­ma sani­ta­rio puglie­se la can­na­bis medi­ca ed ha dato avvio al dibat­ti­to sul­la can­na­bis tera­peu­ti­ca in Ita­lia, abbia­mo deci­so di ini­zia­re una lot­ta non vio­len­ta attra­ver­so i nostri corpi.

Andrea sta rinun­cian­do al Bedro­can, il pre­pa­ra­to a base di can­na­bis con cui cura la scle­ro­si mul­ti­pla, men­tre cia­scu­no di noi rinun­cia al cibo fino a quan­do non sarà fat­ta giu­sti­zia per Fabri­zio Pel­le­gri­ni.

Lo scor­so 30 Giu­gno gli on. Civa­ti, Bri­gno­ne, Mae­stri, Pasto­ri­no e Mat­ta­rel­li han­no indi­riz­za­to un’in­ter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re urgen­te ai Mini­stri del­la Giu­sti­zia e del­la Salu­te: dopo 20 gior­ni nes­su­na rispo­sta è sta­ta for­ni­ta e Fabri­zio Pel­le­gri­ni lan­gue in carcere.

Per que­sto non mol­lia­mo e pro­se­gui­re­mo sen­za sosta la lot­ta non vio­len­ta con­tro il proi­bi­zio­ni­smo di Stato.

Le sto­rie di Fabri­zio Pel­le­gri­ni e di Andrea Tri­sciuo­glio dimo­stra­no il fal­li­men­to di una poli­ti­ca repres­si­va, indi­riz­za­ta solo a lede­re i dirit­ti e liber­tà dei cittadini.

Ma la sto­ria radi­ca­le inse­gna l’im­por­tan­za del­l’esse­re spe­ran­za e non solo di ave­re spe­ran­za: dopo oltre tren­t’an­ni di bat­ta­glie anti­proi­bi­zio­ni­ste radi­ca­li, il pros­si­mo 25 luglio, l’au­la del­la Came­ra dei Depu­ta­ti ini­zie­rà final­men­te la discus­sio­ne del­la pro­po­sta di Leg­ge n. 3235 che reca “Dispo­si­zio­ni in mate­ria di lega­liz­za­zio­ne, col­ti­va­zio­ne, lavo­ra­zio­ne e ven­di­ta del­la can­na­bis e dei suoi deri­va­ti”, sot­to­scrit­ta da Bene­det­to Del­la Vedo­va e Rober­to Gia­chet­ti – iscrit­ti al Par­ti­to Radi­ca­le Trans­na­zio­na­le Non­vio­len­to e Trans­par­ti­to – e da oltre 200 par­la­men­ta­ri appar­te­nen­ti a qua­si tut­ti gli schie­ra­men­ti politici.

Pro­prio per que­sto noi radi­ca­li, con l’As­so­cia­zio­ne Luca Coscio­ni ed altre real­tà anti­proi­bi­zio­ni­ste, abbia­mo avvia­to da qual­che mese una rac­col­ta di fir­me su di una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re in mate­ria di lega­liz­za­zio­ne del­la cannabis.

Si trat­ta di un testo più ambi­zio­so rispet­to a quel­lo che ver­rà discus­so in Par­la­men­to ed ha l’o­biet­ti­vo di ele­va­re il dibat­ti­to par­la­men­ta­re e di impe­di­re che il prov­ve­di­men­to legi­sla­ti­vo che sarà assun­to si risol­va in un com­pro­mes­so al ribas­so o peg­gio, in un nul­la di fat­to, come ha testi­mo­nia­to Mar­co Pan­nel­la, con la sua vita d’im­pe­gno poli­ti­co, “Il cri­mi­ne più gra­ve è sta­re con le mani in mano

 

Mat­teo Aria­no, pre­si­den­te asso­cia­zio­ne radi­ca­le “Maria­te­re­sa di Foggia”

Nor­ber­to Guer­rie­ro, segre­ta­rio asso­cia­zio­ne radi­ca­le “Maria­te­re­sa di Foggia”

Anna Rinal­di, teso­rie­re asso­cia­zio­ne radi­ca­le “Maria­te­re­sa di Foggia”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.