Euro costante, TAV volatile

Oggi il sena­to­re Ste­fa­no Espo­si­to, uno dei più acce­si soste­ni­to­ri del­la costru­zio­ne del­la Tav tra Tori­no e Lio­ne, ha dira­ma­to una nota in cui dice di esse­re pron­to a pre­sen­ta­re in Aula una mozio­ne per l’interruzione dei lavo­ri di costru­zio­ne del­la trat­ta ita­lia­na dell’alta velo­ci­tà ferroviaria.
Que­sto per­ché, come pub­bli­ca­to su Il Sole 24 Ore vener­dì scor­so, le pre­vi­sio­ni dei costi di costru­zio­ne a cari­co dell’Italia pas­se­reb­be­ro da 2,9 mld di euro in die­ci anni (il 57% cir­ca del tota­le) a 6,9, a cui van­no aggiun­ti ulte­rio­ri costi di pro­get­ta­zio­ne che por­te­reb­be­ro ad un tota­le di 7,8 mld cir­ca. Que­sta discre­pan­za pare si potes­se impu­ta­re al diver­so tipo di cal­co­lo effet­tua­to dal­la Fran­cia e dall’Italia. I fran­ce­si infat­ti han­no sem­pre quan­ti­fi­ca­to il costo dell’opera uti­liz­zan­do gli euro “costan­ti”, cioè al net­to dell’inflazione, men­tre in Ita­lia i valo­ri sono espres­si in euro cor­ren­ti, aggior­na­ti cioè ai prez­zi attua­li. Espo­si­to inve­ce oggi cita un accor­do tra Rfi e il mini­ste­ro dei Tra­spor­ti, di cui nes­su­no sa nul­la. L’ultima paro­la sui costi spet­te­rà al Cipe, che entro la fine del 2014 dovreb­be defi­ni­re i costi defi­ni­ti­vi a cari­co di Fran­cia e Italia.
Que­sta vicen­da è solo l’ultimo capi­to­lo di una sto­ria ric­ca di col­pi di sce­na e che, negli ulti­mi due anni (cioè da quan­do il gover­no Mon­ti appro­vò la cosid­det­ta solu­zio­ne “low cost”) ha visto la poli­ti­ca fare diver­si signi­fi­ca­ti­vi pas­si indie­tro. L’ultimo, in ordi­ne di tem­po, lo ha fat­to l’europarlamentare Cra­mer, pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne tra­spor­ti dell’Unione Euro­pea, che a due set­ti­ma­ne fa ha dichia­ra­to pub­bli­ca­men­te che la Tori­no-Lio­ne “non è anco­ra ogget­to di un accor­do di finan­zia­men­to e che in ogni caso non potrà esse­re deci­so che dopo un’analisi com­pa­ra­ti­va tra dif­fe­ren­ti pro­get­ti, che ver­ran­no pro­po­sti entro la fine di feb­bra­io 2015”, aggiun­gen­do che pri­ma del­la linea ad alta velo­ci­tà tra Ita­lia e Fran­cia, ci sareb­be­ro altre gran­di ope­re da finan­zia­re, come il col­le­ga­men­to tra Geno­va e Rot­ter­dam, che fa par­te del­le diret­tri­ci Nord-Sud.
Insom­ma, tut­ti i dub­bi sol­le­va­ti in que­sti anni dagli ammi­ni­stra­to­ri e dagli abi­tan­ti del­la Val­su­sa cir­ca l’u­ti­li­tà del­l’o­pe­ra e la sua fat­ti­bi­li­tà eco­no­mi­ca pare stia­no diven­tan­do sem­pre più pre­sen­ti nell’agenda poli­ti­ca ita­lia­na ed europea.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.