Questione meridionale, questione irrisolta

Si nasce, sem­pre meno, si cre­sce, come si può, si stu­dia, spes­so lon­ta­no, e si emi­gra. L’andar via è una tap­pa del­la vita, una come tan­te, sen­za tra­ge­die, e sen­za nostal­gie, ché son cose da ric­chi, di chi ha qual­co­sa da rim­pian­ge­re, no?

Inve­ce, noi ter­ro­ni non abbia­mo amo­re per la ter­ra in cui sia­mo nati, per que­sto la lascia­mo, giu­sto? Per­ché l’amore, in fin dei con­ti, è una rela­zio­ne biu­ni­vo­ca, o non è, e quan­do la tua ter­ra pare dimo­stra­re indif­fe­ren­za, se non pro­prio sprez­zo, per te e i tuoi desti­ni, può acca­de­re che si affie­vo­li­sca, vero?

Non so. So che mer­co­le­dì 28 otto­bre, a Roma, lo Svi­mez ha pre­sen­ta­to il suo rap­por­to annua­le, spie­gan­do che il Mez­zo­gior­no d’Italia sta viven­do un vero e pro­prio stra­vol­gi­men­to demo­gra­fi­co, ed è “desti­na­to a per­de­re 4,2 milio­ni di abi­tan­ti nei pros­si­mi 50 anni”.
mediterranneo-rovesciato
4.200.000 di per­so­ne; imma­gi­na­te­ve­le tut­te insie­me, in fila, maga­ri per sali­re su un tre­no, meglio anco­ra un auto­bus, per­ché nell’Italia che rin­cor­re le fol­lie farao­ni­che di buchi sot­to le Alpi, i tre­ni al Sud a vol­te non arri­va­no pro­prio, per­ché man­ca­no i bina­ri per col­le­ga­re le sta­zio­ni, anche nei luo­ghi che eleg­gia­mo a Capi­ta­le euro­pea del­la cul­tu­ra.

Come man­ca­no tan­te altre cose, al pun­to che, per il set­ti­mo anno con­se­cu­ti­vo, il male­det­to Pil segna valo­ri nega­ti­vi, pur se fran­ca­men­te non ricor­do i pre­ce­den­ti set­te anni di vac­che gras­se; devo esser­me­li per­si. Le fami­glie pove­re sono aumen­ta­te del 40% solo nell’ultimo anno e crol­la­ti i con­su­mi del 13 negli ulti­mi due, men­tre gli occu­pa­ti sono sce­si ad appe­na 5,8 milio­ni, il dato più bas­so da quan­do ci sono quel­le serie sta­ti­sti­che, che por­ta il valo­re cor­ret­to del­la disoc­cu­pa­zio­ne rea­le al 31,5%, ben al di sopra di quel già pre­oc­cu­pan­te 19,7 del­le sti­me generali.

Allo­ra, sem­pli­ce­men­te, si va via. E capi­ta in que­sto modo che i mor­ti supe­ri­no i nati, come suc­ce­de quan­do un ter­ri­to­rio vol­ge al tra­mon­to. Nati che sono sem­pre di meno, 177 mila nel 2013, la cifra più bas­sa regi­stra­ta dal 1861, con anda­men­ti pre­oc­cu­pan­ti al pun­to che, per tro­var­ne di simi­li, biso­gna tor­na­re alla fine del­la Ter­za Guer­ra d’Indipendenza e ai tem­pi del Bri­gan­tag­gio, nel 1867, o al ter­mi­ne del pri­mo con­flit­to mon­dia­le, nel 1918, quan­do gli uomi­ni gio­va­ni era­no impe­gna­ti a far­si mas­sa­cra­re ai con­fi­ni di una patria che li avreb­be sem­pre con­si­de­ra­ti cit­ta­di­ni in mino­re.

Pure sta­vol­ta, a spie­ga­re quel calo, non ci sono muta­ti costu­mi o scel­te mora­li: sem­pli­ce­men­te, i gio­va­ni van­no via, e i vec­chi non fan­no figli, ma muo­io­no lon­ta­no dai loro. Gio­va­ni che quei vec­chi han fat­to stu­dia­re, se pen­sia­mo che è lau­rea­to il 27,6% di chi va via dal­la Puglia, il 28,7 dall’Abruzzo, il 29 dal­la Basilicata.

La Basi­li­ca­ta, quel­la ter­ra del petro­lio di cui l’estrazione non si può fer­ma­re, quel­la dell’oro nero e quel­la di chi lì ci nasce. Vor­re­te mica fer­ma­re il pro­gres­so per le pro­te­ste di “tre, quat­tro comi­ta­ti­ni”? Vor­re­te mica arre­sta­re il futu­ro che va avan­ti come una tri­vel­la per 4/500 mila cafo­ni?
Sbloc­chia­mo le per­fo­ra­zio­ni in Val d’Agri, di cor­sa e con fidu­cia, dun­que, come vuo­le il pre­si­den­te del Consiglio.

A pro­po­si­to di pre­si­den­ti del Con­si­glio e di Val d’Agri: un sin­da­co di quel­le zone, Vin­cen­zo Vali­no­ti Lator­ra­ca, di Moli­ter­no, incon­tran­do nel 1901 l’allora capo del Gover­no, Giu­sep­pe Zanar­del­li, in visi­ta nel­la pro­vin­cia luca­na, lo salu­tò a nome dei suoi “otto­mi­la con­cit­ta­di­ni, metà dei qua­li già in Ame­ri­ca, e gli altri stan­no per seguirli”.

Con­ti­nua a esse­re così, e quel­la “Que­stio­ne meri­dio­na­le” è anco­ra aper­ta e ha tutt’altro che cam­bia­to verso.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.