Questione meridionale, questione irrisolta

Si nasce, sem­pre meno, si cre­sce, come si può, si stu­dia, spes­so lon­ta­no, e si emi­gra. L’andar via è una tap­pa del­la vita, una come tan­te, sen­za tra­ge­die, e sen­za nostal­gie, ché son cose da ric­chi, di chi ha qual­co­sa da rim­pian­ge­re, no?

Inve­ce, noi ter­ro­ni non abbia­mo amo­re per la ter­ra in cui sia­mo nati, per que­sto la lascia­mo, giu­sto? Per­ché l’amore, in fin dei con­ti, è una rela­zio­ne biu­ni­vo­ca, o non è, e quan­do la tua ter­ra pare dimo­stra­re indif­fe­ren­za, se non pro­prio sprez­zo, per te e i tuoi desti­ni, può acca­de­re che si affie­vo­li­sca, vero?

Non so. So che mer­co­le­dì 28 otto­bre, a Roma, lo Svi­mez ha pre­sen­ta­to il suo rap­por­to annua­le, spie­gan­do che il Mez­zo­gior­no d’Italia sta viven­do un vero e pro­prio stra­vol­gi­men­to demo­gra­fi­co, ed è “desti­na­to a per­de­re 4,2 milio­ni di abi­tan­ti nei pros­si­mi 50 anni”.
mediterranneo-rovesciato
4.200.000 di per­so­ne; imma­gi­na­te­ve­le tut­te insie­me, in fila, maga­ri per sali­re su un tre­no, meglio anco­ra un auto­bus, per­ché nell’Italia che rin­cor­re le fol­lie farao­ni­che di buchi sot­to le Alpi, i tre­ni al Sud a vol­te non arri­va­no pro­prio, per­ché man­ca­no i bina­ri per col­le­ga­re le sta­zio­ni, anche nei luo­ghi che eleg­gia­mo a Capi­ta­le euro­pea del­la cul­tu­ra.

Come man­ca­no tan­te altre cose, al pun­to che, per il set­ti­mo anno con­se­cu­ti­vo, il male­det­to Pil segna valo­ri nega­ti­vi, pur se fran­ca­men­te non ricor­do i pre­ce­den­ti set­te anni di vac­che gras­se; devo esser­me­li per­si. Le fami­glie pove­re sono aumen­ta­te del 40% solo nell’ultimo anno e crol­la­ti i con­su­mi del 13 negli ulti­mi due, men­tre gli occu­pa­ti sono sce­si ad appe­na 5,8 milio­ni, il dato più bas­so da quan­do ci sono quel­le serie sta­ti­sti­che, che por­ta il valo­re cor­ret­to del­la disoc­cu­pa­zio­ne rea­le al 31,5%, ben al di sopra di quel già pre­oc­cu­pan­te 19,7 del­le sti­me generali.

Allo­ra, sem­pli­ce­men­te, si va via. E capi­ta in que­sto modo che i mor­ti supe­ri­no i nati, come suc­ce­de quan­do un ter­ri­to­rio vol­ge al tra­mon­to. Nati che sono sem­pre di meno, 177 mila nel 2013, la cifra più bas­sa regi­stra­ta dal 1861, con anda­men­ti pre­oc­cu­pan­ti al pun­to che, per tro­var­ne di simi­li, biso­gna tor­na­re alla fine del­la Ter­za Guer­ra d’Indipendenza e ai tem­pi del Bri­gan­tag­gio, nel 1867, o al ter­mi­ne del pri­mo con­flit­to mon­dia­le, nel 1918, quan­do gli uomi­ni gio­va­ni era­no impe­gna­ti a far­si mas­sa­cra­re ai con­fi­ni di una patria che li avreb­be sem­pre con­si­de­ra­ti cit­ta­di­ni in mino­re.

Pure sta­vol­ta, a spie­ga­re quel calo, non ci sono muta­ti costu­mi o scel­te mora­li: sem­pli­ce­men­te, i gio­va­ni van­no via, e i vec­chi non fan­no figli, ma muo­io­no lon­ta­no dai loro. Gio­va­ni che quei vec­chi han fat­to stu­dia­re, se pen­sia­mo che è lau­rea­to il 27,6% di chi va via dal­la Puglia, il 28,7 dall’Abruzzo, il 29 dal­la Basilicata.

La Basi­li­ca­ta, quel­la ter­ra del petro­lio di cui l’estrazione non si può fer­ma­re, quel­la dell’oro nero e quel­la di chi lì ci nasce. Vor­re­te mica fer­ma­re il pro­gres­so per le pro­te­ste di “tre, quat­tro comi­ta­ti­ni”? Vor­re­te mica arre­sta­re il futu­ro che va avan­ti come una tri­vel­la per 4/500 mila cafo­ni?
Sbloc­chia­mo le per­fo­ra­zio­ni in Val d’Agri, di cor­sa e con fidu­cia, dun­que, come vuo­le il pre­si­den­te del Consiglio.

A pro­po­si­to di pre­si­den­ti del Con­si­glio e di Val d’Agri: un sin­da­co di quel­le zone, Vin­cen­zo Vali­no­ti Lator­ra­ca, di Moli­ter­no, incon­tran­do nel 1901 l’allora capo del Gover­no, Giu­sep­pe Zanar­del­li, in visi­ta nel­la pro­vin­cia luca­na, lo salu­tò a nome dei suoi “otto­mi­la con­cit­ta­di­ni, metà dei qua­li già in Ame­ri­ca, e gli altri stan­no per seguirli”.

Con­ti­nua a esse­re così, e quel­la “Que­stio­ne meri­dio­na­le” è anco­ra aper­ta e ha tutt’altro che cam­bia­to verso.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?