Emergenza climatica: la questione è, prima di tutto, culturale

E' fondamentale fare un salto culturale per capire l’epoca che stiamo vivendo. E' fondamentale rendersi conto che i danni e le conseguenze delle nostre scelte non si vedranno tra 100 o 150 anni ma si vedranno tra 30/40 anni massimo e quindi saremo noi stessi o le generazioni immediatamente successive alla nostra a subire queste conseguenze.

di Wal­ter Girardi

“Non pos­sia­mo pre­ten­de­re che le cose cam­bi­no, se con­ti­nuia­mo a fare le stes­se cose.” Su una tavo­let­ta di legno, all’e­ster­no di un rifu­gio di mon­ta­gna, tro­vo que­sta cita­zio­ne di Albert Ein­stein. Già sen­ti­ta e già cita­ta tan­te vol­te, que­sta vol­ta però, a oltre 2.000 metri di alti­tu­di­ne, mi pren­de in pie­no viso e mi stordisce.

Ripen­si agli ulti­mi vent’anni, alle con­se­guen­ze nefa­ste dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci che diven­ta­no “la rego­la e non più l’eccezione”, alle tan­tis­si­me fra­ne atti­ve e moni­to­ra­te lun­go lo sti­va­le e alle cola­te di cemen­to che nel frat­tem­po abbia­mo vomi­ta­to tra­mi­te decre­ti e stru­men­ti che han­no spun­ta­to le poche dife­se in mano alla natu­ra per pro­teg­ger­si e tute­lar­si. 

Pen­si a Gre­ta e ai ragaz­zi dei FFF, ripen­si ad Alex Lan­ger e a tut­ti quel­li che han­no cer­ca­to di met­ter­ci in guar­dia rispet­to al fat­to che len­ta­men­te stia­mo segan­do il tron­co su cui sia­mo sedu­ti e inve­ce di smet­te­re di sega­re il ramo aumen­tia­mo il rit­mo del taglio. Ripen­so anche alle sta­gio­ni del cemen­to, allo Sbloc­ca Ita­lia, o alle attua­li Ita­lia Shock o Ita­lia Velo­ce che dimo­stra­no di esse­re pro­po­ste tre­men­da­men­te vec­chie nei con­te­nu­ti, pro­prio per­ché sono il frut­to di una con­ce­zio­ne ideo­lo­gi­ca che si è fer­ma­ta a pri­ma del­la Con­fe­ren­za di Rio de Janei­ro del 1992, quan­do fu codi­fi­ca­to il con­cet­to di svi­lup­po sostenibile.

Dal 1992 il mon­do sta cam­bian­do in peg­gio e men­tre la socie­tà civi­le si mobi­li­ta le isti­tu­zio­ni pren­do­no tem­po, bal­bet­ta­no oppu­re ripro­pon­go­no lo stes­so libro cam­bian­do sola­men­te la coper­ti­na. 

Sono poli­ti­che fuo­ri da ogni logi­ca e soprat­tut­to fuo­ri dal­la sto­ria. Abbia­mo biso­gno di una pro­gram­ma­zio­ne seria del ter­ri­to­rio che sap­pia affron­ta­re le sfi­de che la lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci impo­ne. Oltre alla gestio­ne “ener­ge­ti­ca” del pae­se dob­bia­mo gesti­re in manie­ra diver­sa il territorio.

Pren­dia­mo ad esem­pio il con­su­mo di suo­lo. Dei 7.093 comu­ni ita­lia­ni, la stra­gran­de mag­gio­ran­za è rap­pre­sen­ta­ta da comu­ni sot­to i 10.000 abi­tan­ti (con una per­cen­tua­le del 19,11% di quel­li tra 1.000 e 2.000 abi­tan­ti). Spet­ta a loro la tute­la e il ruo­lo prin­ci­pa­le per por­re un fre­no al con­su­mo di suo­lo. Pre­se sin­go­lar­men­te, però, sono real­tà deci­sa­men­te poco con­si­de­ra­te da chi dovreb­be fare pro­gram­ma­zio­ne come le pro­vin­cie, le Regio­ni e anche le cit­tà metropolitane.

Sul­le scel­te stra­te­gi­che, la par­te fon­da­men­ta­le spet­ta al Gover­no Nazio­na­le che sem­bra più atten­to a crea­re una dia­tri­ba con­ti­nua con le Regio­ni, piut­to­sto che det­ta­re i palet­ti di una “leg­ge qua­dro nazio­na­le” entro i qua­li si pos­so­no muo­ve­re le Regioni.

Eppu­re nel­la nuo­va nor­ma­li­tà che dob­bia­mo costrui­re per imma­gi­na­re “un futu­ro ami­co” il coor­di­na­men­to e la pro­gram­ma­zio­ne ter­ri­to­ria­le diven­ta mate­ria di “scon­tro o di saccheggio”.

Abbia­mo biso­gno anche di osa­re di più, di pun­ta­re in alto usan­do cri­te­ri nuo­vi per pro­gram­ma­re il ter­ri­to­rio. Pen­sia­mo alla Rete Eco­lo­gi­ca e imma­gi­nia­mo di ripar­ti­re da una sua con­ser­va­zio­ne e imple­men­ta­zio­ne per sal­va­guar­da­re il futu­ro e la bio­di­ver­si­tà. E qui non pos­sia­mo dimen­ti­ca­re — o fare fin­ta che nel varie­ga­to mosai­co isti­tu­zio­na­le non ci sia­no — del­le real­tà come i Par­chi (natu­ra­li, regio­na­li o nazio­na­li) che rap­pre­sen­ta­no un gran­dis­si­mo patri­mo­nio di rispet­to e tute­la del ter­ri­to­rio. Pec­ca­to che gli stru­men­ti di pro­gram­ma­zio­ne dei Par­chi sia­no quel­li più bistrat­ta­ti e mag­gior­men­te igno­ra­ti quan­do si trat­ta di pro­gram­ma­re stra­te­gi­ca­men­te un futu­ro ter­ri­to­ria­le “soste­ni­bi­le”.

E la Rete Eco­lo­gi­ca dob­bia­mo imma­gi­nar­la come uno stru­men­to che uni­sce ter­ri­to­ri, supe­ra con­fi­ni e lan­cia pon­ti per la bio­di­ver­si­tà e anche per gli esse­ri uma­ni. E su que­sto l’Unione Euro­pea deve gio­ca­re un ruo­lo anco­ra più atti­vo e proat­ti­vo rispet­to a quan­to fat­to fino ad oggi.

Un discor­so a par­te poi lo meri­ta l’agricoltura, che deve final­men­te lavo­ra­re e col­la­bo­ra­re con i Par­chi, all’interno di un per­cor­so di valo­riz­za­zio­ne ambien­ta­le che sap­pia coniu­ga­re un’agricoltura di qua­li­tà con la tute­la e la con­ser­va­zio­ne degli ambien­ti natu­ra­li di cui i cam­pi agri­co­li sono una par­te fondamentale.

E’ fon­da­men­ta­le fare un sal­to cul­tu­ra­le per capi­re l’epoca che stia­mo viven­do. E’ fon­da­men­ta­le ren­der­si con­to che i dan­ni e le con­se­guen­ze del­le nostre scel­te non si vedran­no tra 100 o 150 anni ma si vedran­no tra 30/40 anni mas­si­mo e quin­di sare­mo noi stes­si o le gene­ra­zio­ni imme­dia­ta­men­te suc­ces­si­ve alla nostra a subi­re que­ste conseguenze.

Sul sal­to cul­tu­ra­le mi arri­va un secon­do pun­go in pie­no viso che mi stor­di­sce peg­gio del pri­mo. Per­ché non abbia­mo anco­ra capi­to che la sfi­da è cul­tu­ra­le. Stia­mo anco­ra assi­sten­do alle elu­cu­bra­zio­ni di chi cre­de che il Covid19 non sia “usci­to” dal sac­cheg­gio com­piu­to dall’uomo nei con­fron­ti del­la natu­ra e que­sti “novel­li nega­zio­ni­sti” viag­gia­no di pari pas­so con chi nega l’esistenza stes­sa dei cam­bia­men­ti climatici.

Nuvo­le minac­cio­se spun­ta­no dal­le vet­te di fron­te e devo incam­mi­nar­mi per tor­na­re ver­so casa. Non pri­ma di aver rilet­to la tar­ghet­ta in legno. Un flash improv­vi­so mi coglie alla sprov­vi­sta. Un’immagine deci­sa­men­te stra­na ma allo stes­so tem­po emble­ma­ti­ca che spie­ga mol­to bene come in que­sti anni non sia cam­bia­to asso­lu­ta­men­te nulla.

Lo sfon­do è quel­lo di un noto salot­to tele­vi­si­vo, poi ci sono una car­ti­na d’Italia e tan­te linee trac­cia­te con un pen­na­rel­lo. Il pre­sen­ta­to­re è sem­pre lo stes­so, i trac­cia­to­ri di linee sono cam­bia­ti, ma le linee sono sem­pre le stes­se dagli anni ’90.

Nel frat­tem­po, oggi Tori­no sem­bra Vene­zia, i mari si innal­za­no, i ghiac­ciai si sciol­go­no e nel­la Death Val­ley si rag­giun­go­no i 54,4° e nean­che noi ci sen­tia­mo tan­to bene.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?