Decreto Fiscale, il condono c’è ma non si vede

A sor­pre­sa il gover­no can­cel­la il con­do­no nel maxi emen­da­men­to al Decre­to Col­le­ga­to Fisca­le alla Leg­ge di Bilan­cio. Stia­mo par­lan­do del­la Dichia­ra­zio­ne Inte­gra­ti­va, uno stru­men­to stu­dia­to appo­sta per far emer­ge­re som­me non dichia­ra­te al fisco nel­le pre­ce­den­ti dichia­ra­zio­ne dei red­di­ti, fino ad un mas­si­mo del 30% nei limi­ti di 100mila euro di impo­ni­bi­le, appli­can­do ad esse solo un’a­li­quo­ta del 20%.

Qual­cu­no gri­de­rà alla vit­to­ria, ma le ragio­ni pro­fon­de di que­sta rinun­cia risie­do­no in una valu­ta­zio­ne degli effet­ti di cas­sa del­la misu­ra, dap­pri­ma ipo­tiz­za­ti in alcu­ni miliar­di di euro, poi ridi­men­sio­na­ti a cir­ca 180 milio­ni. Per­ché que­sto rav­ve­di­men­to nel­le sti­me? La Dichia­ra­zio­ne Inte­gra­ti­va non avreb­be mes­so al ripa­ro il con­tri­buen­te eva­so­re da ulte­rio­ri accer­ta­men­ti e pro­ce­di­men­ti pena­li, fat­to che avreb­be dra­sti­ca­men­te ridot­to l’ap­pe­ti­bi­li­tà del­lo stru­men­to. Insom­ma, per i fau­to­ri del­la Pace Fisca­le si sareb­be trat­ta­to di un gros­so pas­so fal­so. Tut­ta­via, è già pron­to il pac­chet­to di nor­me sosti­tu­ti­vo che avvie­rà una nuo­va sta­gio­ne del­la rot­ta­ma­zio­ne del­le car­tel­le esat­to­ria­li di cui ave­va­te già sen­ti­to par­la­re su que­ste stes­se colon­ne: il “sal­do e stral­cio”, otte­nu­to pagan­do una per­cen­tua­le mini­ma del­la car­tel­la (25%, 10% o 6%), deter­mi­na­ta in base alla spe­ci­fi­ca situa­zio­ne eco­no­mi­ca del contribuente.

Come vie­ne deter­mi­na­ta la posi­zio­ne eco­no­mi­ca del con­tri­buen­te? Qui vie­ne il bel­lo. L’a­li­quo­ta del 6% ver­reb­be appli­ca­ta a quei con­tri­buen­ti con indi­ce del­la situa­zio­ne eco­no­mi­ca equi­va­len­te (ISEE indi­vi­dua­le, fami­lia­re?) mino­re di 15mila euro, il 10% fra 15mila e 22mila euro, il 25% fra 22mila e 30mila euro, soglia che sali­reb­be a 40mila in caso di geni­to­re sin­gle con figli mino­ri a cari­co, e a 60mila in caso di pre­sen­za di pato­lo­gie (qua­li e cosa abbia­no a che fare con le car­tel­le esat­to­ria­li non è mol­to chia­ro). L’in­di­ca­to­re ISEE andreb­be però intrec­cia­to con un ulte­rio­re cri­te­rio: la dif­fe­ren­za fra red­di­to (impo­ni­bi­le o come risul­tan­te da ISEE? Miste­ro) e la posi­zio­ne debi­to­ria con il fisco non può supe­ra­re i 9mila euro, il che esclu­de­reb­be tut­te le car­tel­le micro da tale pos­si­bi­li­tà di liqui­da­zio­ne. Per le impre­se inve­ce si tie­ne con­to del­l’in­di­ce di liqui­di­tà, con pos­si­bi­li­tà di ade­sio­ne solo se i debi­ti supe­ra­no il 20% del valo­re del­la pro­du­zio­ne e se l’in­di­ce di liqui­di­tà non supe­ra la soglia del­lo 0,8%.

Resta­no con­fer­ma­ti i tem­pi del­la rateiz­za­zio­ne: cin­que anni e rate seme­stra­li. Chi vor­rà, potrà dilui­re a pia­ci­men­to il pro­prio debi­to fisca­le, intan­to fra cin­que anni “chi vivrà, vedrà”. Ovvia­men­te nul­la si inten­de modi­fi­ca­re nel­la pro­ce­du­ra di accer­ta­men­to e riscos­sio­ne, come ave­va­mo segna­la­to anzi­tem­po: il siste­ma di cal­co­lo dell’aggio è anco­ra nor­ma­to dall’art. 17 del D. Lgs. 112/1999, la cui base di cal­co­lo equi­va­le alla som­ma degli impor­ti iscrit­ti a ruo­lo, degli inte­res­si di mora e del­le san­zio­ni. Con­ti­nue­rà cioè ad esse­re cal­co­la­to in quo­ta fis­sa per­cen­tua­le sul tota­le del­le som­me dovu­te, quin­di anche sugli inte­res­si di mora mede­si­mi, per­met­ten­do così che esso cre­sca al cre­sce­re degli inte­res­si, i qua­li a loro vol­ta sono in rela­zio­ne al ritar­do di paga­men­to. La remu­ne­ra­zio­ne del­l’a­gen­zia di riscos­sio­ne aumen­ta in rela­zio­ne al ritar­do di paga­men­to, sen­za alcu­na spe­ci­fi­ca moti­va­zio­ne. Un para­dos­so che il deci­so­re poli­ti­co con­ti­nua a non voler vede­re.

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.