Dalle piazze arcobaleno alla grande piazza verde per la Cannabis Legale

Nei giorni scorsi abbiamo lanciato online la nostra petizione per la calendarizzazione della proposta di legge per la legalizzazione della cannabis, presentata dall’intergruppo parlamentare. E alle cento piazze arcobaleno proponiamo di scendere nella grande “piazza verde della legalizzazione” per fare di quella petizione una Legge di iniziativa popolare per la Cannabis legale.
Piazze_Verdi_Cannabis

Cen­to piaz­ze, cen­to cit­tà, miglia­ia di vol­ti, di ragaz­ze e di ragaz­zi. Per chie­de­re più dirit­ti, quin­di anche più dove­ri. Per dir­lo con una sola paro­la: ugua­glian­za. Pos­si­bi­le ha ade­ri­to com­pat­ta, e dove era con­sen­ti­to ha sven­to­la­to la sua ban­die­ra lam­po­ne con il sim­bo­lo dell’uguaglianza (=), in un pae­se dove 7.513 cop­pie del­lo stes­so ses­so uni­te da un lega­me affet­ti­vo di tipo coniu­ga­le (dati Istat) sono ine­si­sten­ti di fron­te alla leg­ge.

Per que­sto era­va­mo in piaz­za saba­to, per chie­de­re matri­mo­ni egua­li­ta­ri e ado­zio­ne anche da par­te dei sin­gle e gli stes­si dirit­ti per tut­te le cop­pie.

E per chie­de­re più dirit­ti sia­mo nati e ci bat­tia­mo ogni gior­no in ogni piaz­za “Pos­si­bi­le”. L’abbiamo fat­to accan­to a Max Fanel­li per la calen­da­riz­za­zio­ne del­la Leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re per il dirit­to all’eutanasia, l’abbiamo fat­to in una lun­ghis­si­ma esta­te refe­ren­da­ria. Nel­le piaz­ze, nel­le stra­de, con i nostri ban­chet­ti e i que­si­ti e le peti­zio­ni da fir­ma­re. Miglia­ia di fir­ma­ta­ri abbia­mo coin­vol­to per il “Fine vita”, per la tute­la del­le coste, per la dife­sa del­la Costi­tu­zio­ne, del lavo­ro e del­la scuo­la pub­bli­ca.

Nell’estate scor­sa dice­va­mo “Basta diva­no”, e con­ti­nuia­mo a dir­lo anco­ra oggi, per­ché le disu­gua­glian­ze sono anco­ra trop­pe, e anco­ra più assur­de sono le moti­va­zio­ni che le sor­reg­go­no. E per com­bat­ter­le biso­gna alzar­si dal diva­no, abban­do­na­re tv e social net­work e sta­re in piaz­za, incon­trar­si, con­fron­tar­si, scon­trar­si.

Nei gior­ni scor­si abbia­mo lan­cia­to onli­ne la nostra peti­zio­ne per la calen­da­riz­za­zio­ne del­la pro­po­sta di leg­ge per la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis, pre­sen­ta­ta dall’intergruppo par­la­men­ta­re. E alle cen­to piaz­ze arco­ba­le­no pro­po­nia­mo di scen­de­re nel­la gran­de “piaz­za ver­de del­la lega­liz­za­zio­ne” per fare di quel­la peti­zio­ne una Leg­ge di ini­zia­ti­va popo­la­re per la Can­na­bis lega­le. Pos­si­bi­le con la sua rete di comi­ta­ti, con i suoi ban­chet­ti e la peti­zio­ne da fir­ma­re c’è.

SOTTOSCRIVI LA PETIZIONE PER LA CANNABIS LEGALE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.