#czarnyprotest: la solidarietà di Possibile alle donne polacche

Possibile è vicino alle donne polacche e alla #czarnyprotest contro la legge crudele e barbarica che criminalizzerebbe ogni interruzione di gravidanza e vieterebbe l'aborto.

Pos­si­bi­le, and all its mem­bers, stron­gly sup­port Polish women and the #Czar­ny­Pro­te­st again­st the cruel and bar­ba­rian law that would cri­mi­na­li­ze any ter­mi­na­tion of pre­gnan­cy and ban abor­tion, for­cing even vic­tims of rape to give birth, in order to avoid jail. This medie­val law would can­cel deca­des of wome­n’s strug­gles and achievements.

Our mes­sa­ge is clear and strong: stop this law! Becau­se an attack on wome­n’s rights in an EU Coun­try is an attack on all Euro­pean women. Who will be next? Tomor­row it could be our turn.
Tha­t’s why your fight is ours too, you are not alo­ne! #czar­ny­pro­te­st #blac­k­pro­te­st #gen­de­re­qua­li­ty #women­srights

If you want to show your sup­port, you can post a pic­tu­re of you wea­ring some­thing black with the hash­tags #czar­ny­pro­te­st #blac­k­pro­te­st.

Elly Schlein, MEP of Possibile, in support of #czarnyprotest with two activists from the left movement Razem that started the protest and Winnie Wong from Bernie Sanders' campaign.
Elly Schlein, MEP of Pos­si­bi­le, in sup­port of #czar­ny­pro­te­st with two acti­vists from the left move­ment Razem that star­ted the pro­te­st and Win­nie Wong from Ber­nie San­ders’ campaign.

Pos­si­bi­le, e tut­te le sue iscrit­te e i suoi iscrit­ti, man­da­no tut­ta la loro soli­da­rie­tà e il loro soste­gno alle don­ne polac­che e alla #czar­ny­pro­te­st con­tro la leg­ge cru­de­le e bar­ba­ri­ca che cri­mi­na­liz­ze­reb­be ogni inter­ru­zio­ne di gra­vi­dan­za e vie­te­reb­be l’a­bor­to, for­zan­do per­si­no le vit­ti­me di stu­pro a par­to­ri­re, per evi­ta­re il car­ce­re. Que­sta leg­ge medie­va­le can­cel­le­reb­be decen­ni di bat­ta­glie e con­qui­ste del­le don­ne. Il nostro mes­sag­gio è for­te e chia­ro: fer­ma­re que­sta leg­ge! Per­ché un attac­co ai dirit­ti del­le don­ne in un Pae­se UE è un attac­co a tut­te le euro­pee. Chi sarà il pros­si­mo? Doma­ni potreb­be esse­re il nostro tur­no. Ecco per­ché la vostra bat­ta­glia è anche nostra, non sie­te sole!

Se vole­te man­da­re la vostra soli­da­rie­tà, pote­te posta­re una foto, indos­san­do qual­co­sa di nero, con gli hash­tag #czar­ny­pro­te­st #blac­k­pro­te­st.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?