Crede che la Costituzione sia motore di cambiamento: Andrea Pertici

31-cartolina-civoti-pertici-vertQuan­do Andrea Per­ti­ci, pro­fes­so­re Ordi­na­rio di dirit­to costi­tu­zio­na­le pres­so il Dipar­ti­men­to di Giu­ri­spru­den­za dell’Università di Pisa e Avvo­ca­to, sale sul pal­co dell’Estragon, a Bolo­gna, comin­cia a descri­ve­re la sua idea di un PD diver­so, di un Pd “che la pen­sa come te”, un par­ti­to che deve recu­pe­ra­re quel­la voca­zio­ne ad uni­re che era nel­lo spi­ri­to dell’Ulivo. Uni­re siste­ma poli­ti­co e cit­ta­di­ni è pos­si­bi­le attra­ver­so gli stru­men­ti del­la demo­cra­zia oriz­zon­ta­le, oppo­sti al ver­ti­ca­li­smo del­la for­ma pre­si­den­zia­le, che in que­sto pae­se vie­ne decli­na­ta nel­la for­ma dei per­so­na­li­smi. La par­te­ci­pa­zio­ne inve­ce vie­ne rego­lar­men­te dimen­ti­ca­ta, spe­cie quan­do si trat­ta di deci­de­re sul­le que­stio­ni fon­da­men­ta­li del­la nostra comunità.

Lo incon­tro nel back­sta­ge per que­sta inter­vi­sta e imme­dia­ta­men­te pen­so a quan­to la nostra poli­ti­ca abbia inven­ta­to vie tor­tuo­se e cer­vel­lo­ti­che per non cam­bia­re nul­la. Gli chie­do che cosa lo aves­se col­pi­to del per­cor­so di Giu­sep­pe Civa­ti, per­ché ha deci­so di far par­te di que­sta squa­dra. La sua rispo­sta è sem­pli­ce ma signi­fi­ca­ti­va: “la sin­to­nia”, la “sim­pa­tia” – aggiun­ge – “nel sen­so pro­prio del ter­mi­ne, come affi­ni­tà idea­le, nell’approccio e nei con­te­nu­ti”. Nell’approccio, per la capa­ci­tà di par­la­re con chia­rez­za e deter­mi­na­zio­ne, ancor­ché con toni gar­ba­ti, e nei con­te­nu­ti, per l’idea di cam­bia­re pun­to di vista e rico­strui­re i rap­por­ti socia­li oggi dete­rio­ra­ti, anche aven­do riguar­do ai temi di suo più spe­ci­fi­co inte­res­se pro­fes­sio­na­le: i temi costi­tu­zio­na­li ed elet­to­ra­li, del­la par­te­ci­pa­zio­ne, del con­flit­to d’interessi e dei dirit­ti civili.

Appun­to, par­lia­mo di rifor­me costi­tu­zio­na­li e più pre­ci­sa­men­te di rifor­ma dell’articolo 138 del­la Costi­tu­zio­ne. “La rifor­ma dell’articolo 138 è ser­vi­ta, per ora, a rin­via­re le rifor­me costi­tu­zio­na­li neces­sa­rie, che sareb­be­ro limi­ta­te e da fare subi­to: pen­so, in par­ti­co­la­re, alla rifor­ma del bica­me­ra­li­smo pari­ta­rio e alla ridu­zio­ne del nume­ro dei par­la­men­ta­ri. Per appro­va­re que­ste rifor­me non ser­ve cam­bia­re il 138, anzi, la pro­ce­du­ra di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le dovreb­be esse­re man­te­nu­ta inal­te­ra­ta. E uti­liz­zan­do que­sta, oggi potrem­mo già ave­re una rifor­ma costi­tu­zio­na­le in que­sto sen­so”.

È sta­to det­to che que­sta rifor­ma costi­tui­sce un attac­co al 138. “Appun­to, sarei più cau­to nei toni, for­se non lo defi­ni­rei un attac­co vero e pro­prio. Si trat­ta di una dero­ga che var­reb­be sol­tan­to per una vol­ta come se que­sta vol­ta si doves­se segui­re – chis­sà per­ché – una pro­ce­du­ra diver­sa. Cer­ta­men­te nel­la modi­fi­ca ci sono cose che non mi piac­cio­no: anche la pos­si­bi­li­tà di pro­por­re un refe­ren­dum comun­que può esse­re solo appa­ren­te­men­te una spin­ta ver­so una mag­gio­re demo­cra­tiz­za­zio­ne del pro­ce­di­men­to, ma soprat­tut­to l’impressione che con­ti­nuo a trar­ne è che tut­to que­sto ser­vis­se soprat­tut­to ad allun­ga­re i tem­pi del­le Lar­ghe Inte­se, che – si sa – aspi­ra­no ad una cer­ta lun­ghez­za”.

Ma ormai le Lar­ghe Inte­se sono diven­ta­te Stret­te Inte­se. Il pro­get­to è fal­li­to?“Il pro­get­to di leg­ge non è fal­li­to, è anco­ra in cor­sa. Dob­bia­mo atten­de­re dopo il 15 Dicem­bre quan­do la Came­ra dovreb­be deli­be­ra­re il testo in secon­da let­tu­ra, decor­si i tre mesi dal­la pre­ce­den­te appro­va­zio­ne. A que­sto pun­to biso­gna vede­re se il testo è appro­va­to a mag­gio­ran­za dei due ter­zi, che sen­za For­za Ita­lia non ci sono, o a mag­gio­ran­za asso­lu­ta, poi­ché in que­sto secon­do caso può esse­re richie­sto il refe­ren­dum popo­la­re che potreb­be rimet­te­re tut­to in discus­sio­ne. A fron­te di que­sto rischio il Gover­no e la nuo­va mag­gio­ran­za (sen­za For­za Ita­lia) potreb­be­ro deci­de­re di pro­ce­de­re con una rifor­ma più snel­la sen­za pro­ce­du­re par­ti­co­la­ri. Quel­la rifor­ma che, se fos­se sta­ta pro­po­sta a mag­gio, oggi sareb­be in vigo­re”.

Nel suo discor­so, lei ha cita­to la rifor­ma del­la Leg­ge Elet­to­ra­le fra le rifor­me non più riman­da­bi­li, ma il Por­cel­lum è anco­ra al suo posto. “Non è sta­ta tro­va­ta anco­ra una solu­zio­ne nel­la attua­le mag­gio­ran­za. Sono fal­li­ti qua­si tut­ti i ten­ta­ti­vi di media­zio­ne al Sena­to. L’unica con­ver­gen­za pos­si­bi­le è sul­la leg­ge Mat­ta­rel­la ma l’u­ni­co che la sostie­ne vera­men­te è Giu­sep­pe Civa­ti, che è sem­pre rima­sto su que­sta posi­zio­ne. Anche altri lea­der poli­ti­ci con­ver­go­no su tale solu­zio­ne, ma a gior­ni alter­ni e con signi­fi­ca­ti­ve varia­zio­ni. Doma­ni (2 dicem­bre, ndr.) in calen­da­rio vi è la riu­nio­ne del­la Com­mis­sio­ne Affa­ri Costi­tu­zio­na­li con in pro­gram­ma il segui­to dell’esame del­le pro­po­ste di leg­ge in meri­to vedia­mo cosa suc­ce­de­rà. Il 3 dicem­bre inve­ce la Cor­te costi­tu­zio­na­le potreb­be dichia­ra­re inco­sti­tu­zio­na­le, alme­no in par­te, la leg­ge vigen­te, quel­la che è appun­to nota come Por­cel­lum”.

Alcu­ne di que­ste pro­po­ste ripren­do­no la cosid­det­ta Boz­za Vio­lan­te del dop­pio tur­no di coa­li­zio­ne. “Quel­lo cui lei si rife­ri­sce è un pro­get­to di rifor­ma del­la leg­ge elet­to­ra­le vigen­te che cam­bia il cri­te­rio di attri­bu­zio­ne del pre­mio di mag­gio­ran­za, sta­bi­len­do due ipo­te­si: se la coa­li­zio­ne rag­giun­ge alme­no al 40%, l’attribuzione avvie­ne diret­ta­men­te al pri­mo tur­no; altri­men­ti avvie­ne il bal­lot­tag­gio fra le due coa­li­zio­ni più vota­te. Non è il dop­pio tur­no di col­le­gio ma di pre­mio, e come oggi fini­sce per attri­bui­re comun­que un gran­de nume­ro di seg­gi – tut­ti insie­me – a chi vin­ce anche per un voto”.

Dal pal­co ha par­la­to di una pros­si­ma pro­po­sta di leg­ge che Civa­ti pre­sen­te­rà in Par­la­men­to sul Con­flit­to di Inte­res­se. Di cosa si trat­ta? “La pro­po­sta di leg­ge si ispi­ra al model­lo adot­ta­to nel siste­ma ame­ri­ca­no, nel qua­le si pre­di­li­ge la via del­la pre­ven­zio­ne con­tro quel­la del­la repres­sio­ne che arri­va dopo e quin­di trop­po tar­di (solu­zio­ne che ha sino­ra ispi­ra­to le diver­se pro­po­ste di leg­ge in Ita­lia, poi rima­ste sul­la car­ta, ndr). Si com­po­ne di diver­si isti­tu­ti a secon­da del­le carat­te­ri­sti­che del con­flit­to che inten­de pre­ve­ni­re, ovve­ro l’incompatibilità, l’astensione, l’obbligo del blind tru­st, fat­ta sal­va la pos­si­bi­li­tà per il tito­la­re di dismet­te­re le sue pro­prie­tà. La Com­mis­sio­ne di Vene­zia è sta­ta chia­ra, del resto, nel dire che fare poli­ti­ca è una scel­ta che com­por­ta deter­mi­na­ti one­ri”.

31-cartolina-civoti-perticiInfi­ne, par­lia­mo di Giu­sti­zia. C’è sta­ta una volon­tà rifor­ma­tri­ce che si è rive­la­ta trop­po spes­so puni­ti­va nei con­fron­ti del Ter­zo Pote­re del­lo Sta­to.“Il pro­ble­ma giu­sti­zia ha – come noto — subi­to un for­te con­di­zio­na­men­to. Non a caso, il dise­gno di leg­ge di rifor­ma costi­tu­zio­na­le che pas­sa per la modi­fi­ca del 138 non riguar­da il Tito­lo IV (sul­la Giu­sti­zia) per il timo­re di dover met­ter mano al det­ta­to costi­tu­zio­na­le insie­me a chi sostie­ne cer­te posi­zio­ni, come quel­le secon­do cui la per­so­na elet­ta dal popo­lo non è assog­get­ta­bi­le alla leg­ge e alla magi­stra­tu­ra. Ma il pro­ble­ma giu­sti­zia è più ampio, inve­ste il pena­le, il civi­le ed è par­ti­co­lar­men­te gra­ve, ad esem­pio, in rela­zio­ne alla dura­ta dei pro­ces­si. L’Italia ha rice­vu­to ripe­tu­te con­dan­ne dal­la Cor­te Euro­pea dei Dirit­ti del­l’Uo­mo e sino­ra non sono sta­te mes­se in cam­po solu­zio­ni dav­ve­ro effi­ca­ci”.

Cam­bia­re que­sto atteg­gia­men­to signi­fi­che­reb­be mol­to, per il Par­ti­to Demo­cra­ti­co. Signi­fi­che­reb­be, in un col­po, ria­pri­re la por­ta al cri­te­rio dell’uguaglianza dinan­zi alla leg­ge, che abbia­mo trop­po spes­so dimenticato.

#Civo­ti 31: Andrea Pertici

P.S. Men­tre que­sta inter­vi­sta vie­ne tra­scrit­ta, la Com­mis­sio­ne Affa­ri Costi­tu­zio­na­li al Sena­to ha annul­la­to la sedu­ta del 2 dicem­bre, quel­la in cui si sareb­be dovu­to discu­te­re l’Or­di­ne del Gior­no di Cal­de­ro­li vol­to a rein­tro­dur­re la leg­ge Mat­ta­rel­la. Ogni media­zio­ne sul­la Leg­ge Elet­to­ra­le è fal­li­ta, quin­di, e la stra­da per il giu­di­zio di legit­ti­mi­tà costi­tu­zio­na­le sul Por­cel­lum è defi­ni­ti­va­men­te spianata.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.