Cosa succede domani a Bologna

3
Non  vi stu­pi­re­mo con mos­se spre­giu­di­ca­te, velo­cis­si­me, roboan­ti o pole­mi­che, doma­ni a Bolo­gna. Né par­le­re­mo di cor­ren­ti e correntine.
Pos­si­bi­le è una por­ta aper­ta sul cambiamento.
Pre­sen­te­re­mo un Pat­to-non-del-Naza­re­no con i cit­ta­di­ni, sui prin­ci­pi fon­da­men­ta­li del­la demo­cra­zia e del­la rap­pre­sen­tan­za che sola dà un sen­so alla poli­ti­ca. Ci occu­pe­re­mo di rifor­me, per riba­di­re la neces­si­tà che gli elet­to­ri scel­ga­no gli elet­ti e non sia­no i poli­ti­ci a far­lo, nomi­nan­do se stes­si (Andrea Per­ti­ci). Illu­stre­re­mo il risul­ta­to del­la nostra rico­gni­zio­ne, e sco­pri­re­mo cosa vota­no gli elet­to­ri di cen­tro­si­ni­stra, chi vota il Pd, chi non lo vota più, chi non vota e basta.
Avvie­re­mo un nuo­vo seme­stre euro­peo — dopo quel­lo man­ca­to che sta ter­mi­nan­do — per pro­muo­ve­re una gran­de rifles­sio­ne, in Ita­lia, con i pro­ta­go­ni­sti di tut­te le sini­stre euro­pee e le for­ze di pro­gres­so, sul­la que­stio­ne del debi­to, del­la soste­ni­bi­li­tà e di una via d’u­sci­ta dal­la cri­si che anco­ra non si vede e che non si tro­va cer­to nel­le pro­po­ste che l’e­se­cu­ti­vo ha sban­die­ra­to: ver­so una con­fe­ren­za euro­pea sul ‘debi­to’ e sul­le rego­le che sovrin­ten­do­no dal pun­to di vista eco­no­mi­co e finan­zia­rio l’U­nio­ne europea.
Ci con­fron­te­re­mo con le for­ze del lavo­ro e del­la pro­du­zio­ne, dopo mesi di pole­mi­che in cui il prin­ci­pa­le par­ti­to di sini­stra ha volu­to col­lo­car­si sul­le tra­di­zio­na­li pro­po­ste del­la destra che ha gover­na­to il Pae­se negli ulti­mi ven­t’an­ni. Discu­te­re­mo di licen­zia­men­ti e però di par­ti­te Iva, di rap­pre­sen­tan­za sin­da­ca­le e di chi non ce l’ha. Da Ter­ni a Taran­to, pas­san­do per lo scio­pe­ro gene­ra­le di vener­dì 12 dicembre.
Insi­ste­re­mo per l’in­tro­du­zio­ne di un red­di­to mini­mo garan­ti­to, cer­can­do una gran­de coa­li­zio­ne con tut­ti colo­ro che sono favo­re­vo­li. Avan­ze­re­mo una pro­po­sta di revi­sio­ne in sen­so pro­gres­si­vo del­le ali­quo­te del­le tas­se sul red­di­to e una revi­sio­ne del­la tas­sa di suc­ces­sio­ne (Rita Castel­la­ni e Gian­ni Prin­ci­pe).
Par­le­re­mo di lega­li­tà, lan­cian­do il secon­do «Gior­no lega­le», in cui por­ta­re all’at­ten­zio­ne pro­po­ste anco­ra più pre­ci­se e impe­gna­ti­ve, dopo l’esca­la­tion di que­sti mesi, con le vicen­de del Mose, del­l’Ex­po, di Mafia Capi­ta­le, con solu­zio­ni legi­sla­ti­ve per supe­ra­re il «mas­si­mo ribas­so», per­ché le gare non sia­no con­di­zio­na­te e truc­ca­te, per­ché la cor­ru­zio­ne sia puni­ta e per­ché le tan­te leg­gi ver­go­gna (tal­men­te ver­go­gno­se che sono anco­ra tut­te lì) sia­no final­men­te can­cel­la­te (Lucre­zia Ric­chiu­ti e Sal­vo Teso­rie­ro).
Pre­sen­te­re­mo un per­cor­so cul­tu­ra­le (e poli­ti­co e ammi­ni­stra­ti­vo) per un’Ex­po che non sia solo una para­ta, ma una gran­de occa­sio­ne di con­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca del Pae­se. Con­tro la fame, in Ita­lia e nel mon­do. Insi­ste­re­mo su un model­lo di svi­lup­po diver­so dal tre­men­do Sbloc­ca-Ita­lia, che muo­va dal­l’ef­fi­cien­za ener­ge­ti­ca e da una mobi­li­tà ripen­sa­ta, dedi­can­do­ci all’u­ni­ca gran­de ope­ra che ser­ve dav­ve­ro: quel­la per rimet­te­re a posto il ter­ri­to­rio e per nobi­li­ta­re il pae­sag­gio (Mar­co Boschi­ni e Ste­fa­no Cato­ne).
Pro­por­re­mo una cam­pa­gna euro­pea con­tro i para­di­si fisca­li, le delo­ca­liz­za­zio­ni irre­spon­sa­bi­li e inte­res­sa­te, le tas­se che le mul­ti­na­zio­na­li paga­no dove voglio­no (e quin­di non paga­no) (Elly Schlein).
Pre­sen­te­re­mo un pac­chet­to di pro­po­ste per arri­va­re alla leg­ge di pari­tà sul model­lo fran­ce­se, per riba­di­re la que­stio­ne del­la cit­ta­di­nan­za fem­mi­ni­le in que­sto Pae­se e insi­ste­re­mo per­ché ci sia il rispet­to del­la digni­tà e del­la sen­si­bi­li­tà di tut­te, a par­ti­re dal­la cor­ret­ta appli­ca­zio­ne del­la leg­ge 194 (Mari­na Ter­ra­gni).
Par­le­re­mo di pover­tà e di mise­ria (si chia­ma­no così, inca­pien­ti è paro­la ipo­cri­ta come poche altre), di esclu­sio­ne e di come non ci sia­no rispo­ste ade­gua­te per i pove­ri e per gli esclu­si, per via di una vera e pro­pria «rimo­zio­ne» da par­te del gover­no e in gene­ra­le del­la poli­ti­ca italiana.
Scri­ve­re­mo un pro­get­to di gover­no che in Ita­lia anco­ra non c’è, un pro­get­to pos­si­bi­le e insie­me ‘neces­sa­rio’ per cam­bia­re le cose. Le ricet­te che vedia­mo in azio­ne non sono riso­lu­ti­ve, non ridu­co­no le dise­gua­glian­ze, non cam­bia­no la strut­tu­ra del­le cose.
Meno pro­mes­se-cam­bia­li, meno annun­ci, meno comu­ni­ca­zio­ne fine a sé stes­sa e al pro­prio con­sen­so, più sostan­za e più par­te­ci­pa­zio­ne.
Non sarà un pro­get­to solo a paro­le, ma di mobi­li­ta­zio­ne, per­ché le azio­ni pro­po­ste si dif­fon­da­no, sia­no assun­te dagli enti loca­li, entri­no nel dibat­ti­to pub­bli­co e si affer­mi­no come con­di­zio­ni del cam­bia­men­to, in pro­fon­di­tà e chiarezza.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.