Coronavirus, Brignone: Solidarietà a lavoratori in sciopero, stop fabbriche non in regola

lavoro

“Manifesto tutta la mia vicinanza ai lavoratori che in alcuni stabilimenti del Piemonte hanno iniziato uno sciopero spontaneo per l’assenza delle regole di sicurezza nelle loro fabbriche. In un momento di emergenza difficilissimo, con il Coronavirus che provoca la morte di centinaia di persone, e in cui il contenimento dei contagi deve essere priorità assoluta, è inaccettabile che la salute degli operai e delle loro famiglie sia messa a repentaglio. La produzione non deve prevaricare il diritto alla salute”. Lo dichiara la segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, dopo la decisione degli operai della Valeo di Mondovì e della Dierre di Villanova d’Asti.

“L’osservanza delle norme e delle raccomandazioni – aggiunge Brignone – è necessaria per tutti, per l’intera comunità nazionale. Per questo, di fronte a una situazione del genere, indipendentemente dai decreti emessi dal governo, è necessario fermare le fabbriche che non possono garantire gli standard di tutela della salute: non si deve essere costretti a scegliere tra salute e lavoro”.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati