Contro un governo sessista e patriarcale, gli Stati Generali delle Donne di Possibile

#

Care compagne di Possibile, credo che sia arrivato il nostro momento.

È arrivato il momento di farci sentire, di alzare la testa e la voce, di dare il via a una mobilitazione permanente contro un governo che ogni giorno di più manifesta il suo volto sessista e patriarcale.
La Riforma Pillon è un’aberrazione, che esprime perfettamente ed esaspera la visione retrograda che questa maggioranza ha delle donne e che è figlia della stessa cultura tutta declinata al maschile che, dati alla mano, degenera sistematicamente in violenza e che è la vera emergenza di questo paese.

La Riforma Pillon è solo il primo di una serie di passi verso il ritorno al passato, quello che la parte più oscurantista e clericale del paese non ha mai abbandonato.
Sta a noi difendere le conquiste che dobbiamo alle donne che sono venute prime di noi, lo dobbiamo a loro, a noi e alle donne che verranno dopo di noi.
Dobbiamo farlo insieme, non possiamo restare a guardare, perché questo momento di tenebre, se non ci muoviamo, non passerà.

Per questo motivo, per confrontarci e per definire quali azioni portare avanti ho pensato di convocare Gli Stati Generali delle Donne di Possibile, una giornata di confronto e di politica declinata al femminile, aperta ovviamente a tutte e tutti e estendo l’invito a contributi e competenze esterne, ma chiedendo un particolare protagonismo alle tante donne che arricchiscono la comunità in Possibile.

Se avete idee, proposte, esperienze, storie da raccontare, scrivetemi a [email protected] e organizziamoci!

  • 536
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati