Coni: solo otto donne elette al Consiglio Nazionale

Il nuovo Consiglio Nazionale eletto lo scorso undici aprile, che tra l’altro l’undici maggio prossimo avrà il compito di eleggere il nuovo Presidente, può contare soltanto sulla presenza di otto donne su ottantadue membri eletti, pari al 10% del totale dei componenti.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1492598967382{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Le atle­te don­ne vin­co­no e rap­pre­sen­ta­no in gran par­te lo sport ita­lia­no nel mon­do, ma acca­de anco­ra oggi non sia­no qua­si mai dise­gna­te a capo di Fede­ra­zio­ni spor­ti­ve e Coni.

Il nuo­vo Con­si­glio Nazio­na­le elet­to lo scor­so undi­ci apri­le, che tra l’altro l’undici mag­gio pros­si­mo avrà il com­pi­to di eleg­ge­re il nuo­vo Pre­si­den­te, può con­ta­re sol­tan­to sul­la pre­sen­za di otto don­ne su ottan­ta­due mem­bri elet­ti, pari al 10% del tota­le dei componenti.

Per que­sto abbia­mo pre­sen­ta­to un’interrogazione al Pre­si­den­te del Con­si­glio dei Mini­stri per chie­de­re se non riten­ga fon­da­men­ta­le ado­pe­rar­si con gli  stru­men­ti nor­ma­ti­vi di cui dispon­go­no, al fine di garan­ti­re il rispet­to di gene­re  anche in ambi­to spor­ti­vo in modo che il Coni e le Fede­ra­zio­ni si con­for­mi­no al rispet­to del­la rap­pre­sen­tan­za del­le don­ne in ogni ambi­to.

Nel mon­do spor­ti­vo le don­ne sono pena­liz­za­te come atle­te, come tec­ni­ci e nei ruo­li di ver­ti­ce. E’ neces­sa­rio che il Gover­no s’impegni ad avvia­re quei cam­bia­men­ti cul­tu­ra­li e nor­ma­ti­vi che neces­si­ta­no per il rico­no­sci­men­to di gene­re, poi­ché pur­trop­po lo sport ita­lia­no vive anco­ra di trop­po maschilismo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.