Coltivare per depenalizzare

La legalizzazione della cannabis, al di là di ogni ipocrisia, oltre a dare certezze ai cittadini, demolirebbe il florido mercato illegale, spina dorsale della criminalità organizzata, svuotando le carceri da persone che, a tutto voler concedere, hanno solo bisogno di una mano.

Dall’impatto sul­la salu­te ai rifles­si sul­la socie­tà e sul vive­re civi­le; sot­to il pro­fi­lo dell’ordine pub­bli­co, di poli­ti­ca cri­mi­na­le o eco­no­mi­co; ognu­no dice la sua, spes­so per disin­for­ma­zio­ne, pau­ra socia­le, posi­zio­ne fidei­sti­ca o par­ti­ti­ca, sen­za ave­re né la voglia, né il corag­gio di voler affron­ta­re costrut­ti­va­men­te l’annosa que­stio­ne del­la lega­liz­za­zio­ne del­le dro­ghe leg­ge­re in Ita­lia. La pla­sti­ca rap­pre­sen­ta­zio­ne di tale sta­to di fat­to emer­ge chia­ra­men­te da oltre quarant’anni di approc­ci legi­sla­ti­vi fumo­si, incoe­ren­ti e tal­vol­ta inco­sti­tu­zio­na­li, sull’onda di atteg­gia­men­ti poli­ti­ci ondi­va­ghi, spes­so repres­si­vi, rara­men­te tol­le­ran­ti, mai riso­lu­ti­vi. Dal­la sem­pli­ce rico­stru­zio­ne sto­ri­ca è pos­si­bi­le rica­va­re il sen­so del tor­men­ta­to, quan­to schi­zo­fre­ni­co per­cor­so che, nel cor­so del tem­po, ha avu­to la nor­ma­ti­va ita­lia­na in mate­ria di stu­pe­fa­cen­ti, attual­men­te rego­la­men­ta­ta da quel che rima­ne del fami­ge­ra­to D.P.R. 309/1990, c.d. “Ier­vo­li­no-Vas­sal­li”, soprav­vis­su­to, suo mal­gra­do, ad ura­ga­ni e ter­re­mo­ti. Pri­ma del 1975 nel nostro Pae­se veni­va rudi­men­tal­men­te repres­sa e puni­ta ogni con­dot­ta lega­ta alle sostan­ze stu­pe­fa­cen­ti, sen­za alcu­na distin­zio­ne tra spac­cio e uti­liz­zo per­so­na­le; nel cor­so di quell’anno, con l’emanazione del­la pri­ma leg­ge orga­ni­ca sul­la mate­ria, si sce­glie­va di puni­re penal­men­te la sola atti­vi­tà di pro­du­zio­ne e ven­di­ta, ovve­ro il c.d. spac­cio. Veni­va intro­dot­to, infat­ti, il con­cet­to di modi­ca quan­ti­tà, ovve­ro il quan­ti­ta­ti­vo di stu­pe­fa­cen­te da poter dete­ne­re per uso per­so­na­le, oltre il qua­le veni­va pre­sun­ta l’attività di com­mer­cio ille­ga­le; la leg­ge, però, non pre­ci­sa­va cosa doves­se inten­der­si per modi­ca quan­ti­tà e, per­tan­to, la que­stio­ne veni­va ogni vol­ta rimes­sa alla discre­zio­na­li­tà del giu­di­ce di tur­no (ai dan­ni di chi capi­ta­va nel momen­to, o con il magi­stra­to sba­glia­to). Tale inde­ter­mi­na­tez­za pro­vo­ca­va, ovvia­men­te, una mas­sa infor­me di giu­ri­spru­den­za alta­le­nan­te, spes­so con­trad­dit­to­ria, a secon­da del momen­to poli­ti­co e/o socio­cul­tu­ra­le, che lascia­va l’assuntore di sostan­ze stu­pe­fa­cen­ti nel lim­bo dell’incertezza. Dopo anni di tor­men­ti, nel 1990 si arri­va­va alla c.d. Leg­ge Ier­vo­li­no-Vas­sal­li” che, pur riba­den­do la non puni­bi­li­tà pena­le del mero assun­to­re, ne stig­ma­tiz­za­va anco­ra una vol­ta l’illiceità del com­por­ta­men­to, trat­tan­do­lo come un sog­get­to mala­to e peri­co­lo­so, da cor­reg­ge­re e cura­re, con san­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve e col­lo­qui asse­ri­ta­men­te rie­du­ca­ti­vi. La rifor­ma man­da­va in sof­fit­ta il para­me­tro del­la modi­ca quan­ti­tà, sosti­tuen­do­lo con quel­lo di dose media gior­na­lie­ra; al net­to del­le dif­fe­ren­ze con­cet­tua­li (riman­da­te ad altra sede), nem­me­no la nuo­va leg­ge si assu­me­va l’onere di defi­nir­ne il dato pon­de­ra­le (aspet­to deli­ca­to e dif­fi­ci­le, come si vedrà a segui­re), riman­dan­do per tale incom­ben­te — oltre che per distin­gue­re le dro­ghe pesan­ti da quel­le c.d. leg­ge­re, puni­te dif­fe­ren­te­men­te — ad un suc­ces­si­vo decre­to del Mini­ste­ro del­la Sani­tà. Anche quest’ultimo para­me­tro veni­va inve­sti­to da ecce­zio­ni di inco­sti­tu­zio­na­li­tà; tra le altre, per­ché il discri­mi­ne del penal­men­te rile­van­te non veni­va deter­mi­na­to dal tipo di con­dot­ta, ma dal quan­ti­ta­ti­vo pos­se­du­to. Nell’aprile del 1993 il refe­ren­dum abro­ga­ti­vo pro­mos­so dai radi­ca­li tra­vol­ge­va anche la dose media gior­na­lie­ra; da quel momen­to la distin­zio­ne tra spac­cio ed uso per­so­na­le anda­va indi­vi­dua­ta nel­la con­dot­ta in con­cre­to, ovve­ro nel­la pro­va del­la desti­na­zio­ne a ter­zi, e non più pre­sun­ta in ragio­ne del­la quan­ti­tà di sostan­za dete­nu­ta.  In tale otti­ca, la giu­ri­spru­den­za ela­bo­ra­va strin­gen­ti cri­te­ri per la valu­ta­zio­ne pro­gno­sti­ca del­la desti­na­zio­ne a ter­zi, alla luce di indi­ci sin­to­ma­ti­ci (quan­ti­tà, qua­li­tà e com­po­si­zio­ne del­la sostan­za, tipo di attrez­za­tu­re per la pesa­tu­ra, il con­fe­zio­na­men­to del­le dosi ed altro); a deter­mi­na­te con­di­zio­ni, quin­di, anche il mero pos­ses­so pote­va inten­der­si pro­pe­deu­ti­co allo spac­cio. Quel­lo che era usci­to dal­la por­ta rien­tra­va in qual­che modo dal­la fine­stra.  Per la col­ti­va­zio­ne dome­sti­ca peg­gio che andar di not­te; anche se per uso per­so­na­le, infat­ti, ciò che rima­ne­va del­la nor­ma­ti­va modi­fi­ca­ta dal refe­ren­dum non pre­ve­de­va l’applicazione del­le san­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve. La Cor­te Costi­tu­zio­na­le con­fer­ma­va la ragio­ne­vo­lez­za, in astrat­to, di tale mag­gior rigo­re, rite­nen­do man­can­te nel­la col­ti­va­zio­ne un nes­so di imme­dia­tez­za con l’uso per­so­na­le; oltre che per l’impossibilità di deter­mi­na­re a prio­ri il quan­ti­ta­ti­vo rica­va­bi­le ed il pro­ba­bi­le incre­men­to di stu­pe­fa­cen­ti sul mer­ca­to; la Cor­te “invi­ta­va” tut­ta­via il giu­di­ce del meri­to a rite­ne­re penal­men­te irri­le­van­ti i casi di mode­stis­si­ma enti­tà, pri­vi di offen­si­vi­tà per gli inte­res­si pro­tet­ti (salu­te ed ordi­ne pub­bli­co). Insom­ma, si è det­to tut­to ed il suo con­tra­rio; in pri­mis che col­ti­va­re è rea­to in ogni caso, anche in pre­sen­za di un nume­ro esi­guo di pian­ti­ne, a pre­scin­de­re da fat­to­ri qua­li­ta­ti­vi e quan­ti­ta­ti­vi; oppu­re che occor­re distin­gue­re tra col­ti­va­zio­ne carat­te­riz­za­ta da un approc­cio impren­di­to­ria­le e quel­la dome­sti­ca, rudi­men­ta­le, fun­zio­na­le all’uso per­so­na­le e, quin­di, equi­pa­ra­bi­le alla mera deten­zio­ne. Si è altre­sì soste­nu­to che il rea­to si esclu­de solo in pre­sen­za di un quan­ti­ta­ti­vo estre­ma­men­te ridot­to, come ad es. la col­ti­va­zio­ne di un solo esem­pla­re di “pian­ta proi­bi­ta”.  In qua­lun­que caso, la col­ti­va­zio­ne rima­ne­va un com­por­ta­men­to ille­git­ti­mo e asse­ri­ta­men­te peri­co­lo­so, da valu­ta­re di vol­ta in vol­ta. Una serie di col­pi al cer­chio del­la repres­si­vi­tà e solo una carez­za alla bot­te del­la effet­ti­va offen­si­vi­tà. Nien­te se con­fron­ta­to alla suc­ces­si­va leg­ge “Fini-Gio­va­nar­di” (del 2006) che, nomi­na sunt omi­na, ina­spri­va le san­zio­ni ed equi­pa­ra­va le dro­ghe leg­ge­re a quel­le pesan­ti; limi­ta­va i con­tor­ni del­la non puni­bi­li­tà pena­le dell’uso per­so­na­le, rein­tro­du­cen­do il para­me­tro del­la quan­ti­tà (que­sta vol­ta del prin­ci­pio atti­vo dro­gan­te), supe­ra­to il qua­le, come in pre­ce­den­za, suben­tra­va l’accusa di spac­cio. Un enor­me pas­so indie­tro. Per poco più di un paio di can­ne o con una sola pian­ta nel bal­co­ne, le por­te del car­ce­re si sono aper­te con più faci­li­tà, rischian­do con­dan­ne pesan­ti. Sia­mo anda­ti avan­ti così per anni — ma mai, nem­me­no per un atti­mo, il mer­ca­to ille­ga­le ha subi­to con­trac­col­pi nega­ti­vi — e sol­tan­to nel 2014 la Fini-Gio­va­nar­di veni­va dichia­ra­ta inco­sti­tu­zio­na­le. Ma atten­zio­ne, non per il suo con­te­nu­to con­tra­rio ad ogni buon sen­so logi­co e giu­ri­di­co, ma per il man­ca­to rispet­to di alcu­ni para­me­tri for­ma­li con cui era sta­ta appro­va­ta. Il vuo­to nor­ma­ti­vo lascia­to dal­la pro­nun­cia del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le face­va rie­mer­ge­re la distin­zio­ne tra dro­ghe leg­ge­re e pesan­ti, oltre che, come per mira­co­lo, la più vol­te basto­na­ta dose media gior­na­lie­ra. Altra incer­tez­za, altra giu­ri­spru­den­za a fase alter­na, altre per­so­ne che entra­no in car­ce­re per poche pian­te o qual­che gram­mo in più di stu­pe­fa­cen­te pos­se­du­to. Lo scor­so apri­le, in pie­no lock down, al fine di diri­me­re i con­tra­sti giu­ri­spru­den­zia­li e il con­se­guen­te sta­to di con­fu­sio­ne, un’importante sen­ten­za del­le Sezio­ni Uni­te del­la Cas­sa­zio­ne sta­bi­li­va — pur riba­den­do i soli­ti prin­ci­pi di peri­co­lo­si­tà insi­ti nel­la col­ti­va­zio­ne in sé — che dove­va­no rite­ner­si esclu­se dal­la puni­bi­li­tà pena­le quel­le col­ti­va­zio­ni di mini­me dimen­sio­ni, svol­te in for­ma dome­sti­ca, desti­na­te in via esclu­si­va all’u­so per­so­na­le del col­ti­va­to­re.  In ogni caso, per la col­ti­va­zio­ne penal­men­te ille­ci­ta bor­der line, può sem­pre esse­re appli­ca­ta la non puni­bi­li­tà per tenui­tà del fat­to o una pena ridot­ta in caso di lie­ve enti­tà. Occor­re sape­re, però, che la sen­ten­za del­le Sezio­ni Uni­te veni­va emes­sa al ter­mi­ne del­la via cru­cis di una per­so­na, con­dan­na­ta nel giu­di­zio di meri­to ad un anno di reclu­sio­ne per ave­re col­ti­va­to in casa due pian­ti­ne di can­na­bis e pos­se­du­to una riser­va di undi­ci gram­mi di sostan­za stu­pe­fa­cen­te. Non ci si deve cruc­cia­re se all’esito di que­sto bre­ve excur­sus non si arri­va ad alcu­na cer­tez­za; la straor­di­na­ria incoe­ren­za e lacu­no­si­tà del pano­ra­ma legi­sla­ti­vo e giu­ri­spru­den­zia­le non può che por­ta­re a que­sto. Cosa può capi­re un cit­ta­di­no qua­lun­que? Allo sta­to, col­ti­va­re can­na­bis rima­ne un fat­to ille­ci­to sul pia­no san­zio­na­to­rio ammi­ni­stra­ti­vo (con tan­to di con­fi­sca e distru­zio­ne del­le pian­te rin­ve­nu­te) e non ren­de il cit­ta­di­no immu­ne da pro­ces­si e dolo­ri; pri­ma gli agen­ti ope­ran­ti, poi il pub­bli­co mini­ste­ro e infi­ne una sfil­za di giu­di­ci, sta­bi­li­ran­no se le due, cin­que o quin­di­ci pian­te pos­so­no con­si­de­rar­si fina­liz­za­te ad uso per­so­na­le, se ci si tro­va dinan­zi ad una pro­du­zio­ne orga­niz­za­ta, se il tipo di con­fe­zio­na­men­to desta sospet­ti di com­mer­cia­liz­za­zio­ne, se…  La cam­pa­gna #iocol­ti­vo, qua­le atto di disob­be­dien­za civi­le, appa­re uti­le per smuo­ve­re un pan­ta­no pre­gno di pre­giu­di­zi, valo­ri (pseu­do) mora­li e pre­oc­cu­pa­zio­ni più o meno fon­da­te, den­tro cui nuo­ta boc­cheg­gian­te ed incer­ta quel­la par­te di opi­nio­ne pub­bli­ca che non è anco­ra (o non è più) fidei­sti­ca­men­te arroc­ca­ta in posi­zio­ni ina­mo­vi­bi­li. Fin­ché assu­me­re dro­ghe leg­ge­re sarà con­si­de­ra­to moral­men­te e social­men­te deplo­re­vo­le, peri­co­lo­so per la salu­te e quin­di un ille­ci­to (sep­pur ammi­ni­stra­ti­vo), la col­ti­va­zio­ne ad uso per­so­na­le ver­rà sem­pre guar­da­ta con sospet­to e rischie­rà di esse­re inter­pre­ta­ta come atti­vi­tà di spac­cio. Qua­lun­que solu­zio­ne si voglia per­cor­re­re, quin­di, il pri­mo pas­so è quel­lo di ren­de­re leci­to il con­su­mo per­so­na­le in modo chia­ro e defi­ni­ti­vo e sot­to ogni pro­fi­lo; dopo­di­ché, le solu­zio­ni pos­so­no esse­re le più dispa­ra­te. C’è chi pre­ve­de un mono­po­lio sta­ta­le, con il divie­to di ven­di­ta tra pri­va­ti come per l’alcool e le siga­ret­te, oppu­re una tol­le­ran­za con­trol­la­ta alla olan­de­se. Per la col­ti­va­zio­ne occor­re pre­ve­de­re con­fi­ni che non pos­so­no esse­re mala­men­te inter­pre­ta­ti (ad es. un nume­ro mas­si­mo di pian­te con­sen­ti­te, a pre­scin­de­re dal­la capa­ci­tà pro­dut­ti­va e dal­la moda­li­tà di col­ti­va­zio­ne uti­liz­za­ta etc.) La lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis, al di là di ogni ipo­cri­sia, oltre a dare cer­tez­ze ai cit­ta­di­ni, demo­li­reb­be il flo­ri­do mer­ca­to ille­ga­le, spi­na dor­sa­le del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta, svuo­tan­do le car­ce­ri da per­so­ne che, a tut­to voler con­ce­de­re, han­no solo biso­gno di una mano. Rober­to Randazzo

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.