Colmare il deficit di Futuro

Lo stan­no facen­do. La mani­na che ci spin­ge ver­so il bara­tro finan­zia­rio è la stes­sa che non ha scrit­to una sola riga di Futu­ro nei docu­men­ti di pro­gram­ma­zio­ne e nel­le boz­ze del­la Leg­ge di Bilan­cio. Lo scioc­co far­ne­ti­ca­re di que­sti gior­ni non fa altro che allon­ta­nar­ci dai fon­da­men­ta­li che deter­mi­na­no già ora le con­di­zio­ni di vita in que­sto paese.

Il Gran­de Scon­vol­gi­men­to ci atten­de. È sem­pre più evi­den­te — nei dati e nel­la real­tà fat­tua­le, ma noi restia­mo abbar­bi­ca­ti al sicu­ro pres­sa­po­chi­smo del­la nostra clas­se diri­gen­te. Chi leg­ge que­ste poche righe, potrà adot­ta­re due diver­si tipi di atteggiamento:

  1. pen­sa­re di assi­cu­ra­re sé stes­so e poco altro affin­ché pos­sa resi­ste­re all’impatto del cam­bia­men­to (scel­ta indi­vi­dua­li­sta, ma con scar­so suc­ces­so poi­ché la soprav­vi­ven­za di cia­scu­no dipen­de­rà da quel­la di tut­ti gli altri);
  2. pen­sa­re a come rime­dia­re, subi­to, ora. Tut­ti insie­me, in con­di­vi­sio­ne. Sen­za più dub­bio, agi­re in modo che tut­te le risor­se pub­bli­che dispo­ni­bi­li sia­no desti­na­te al Futu­ro.

Ovvia­men­te chi scri­ve pro­pen­de per la secon­da scel­ta e cre­de che, d’ora in poi, que­sto pae­se pos­sa sol­tan­to scri­ve­re Leg­gi di Bilan­cio che si occu­pi­no di Futu­ro. Giu­sti­zia cli­ma­ti­ca, crea­zio­ne di net­work ener­ge­ti­ci in equi­li­brio fra auto­no­mia e con­di­vi­sio­ne, sicu­rez­za idro­geo­lo­gi­ca, digi­ta­le e auto­ma­zio­ne, sono solo alcu­ni dei filo­ni su cui lavorare.

La Leg­ge di Bilan­cio di Futu­ro dovreb­be ave­re una for­te enfa­si sul pia­no degli inve­sti­men­ti, non solo in strut­tu­re ma soprat­tut­to in cono­scen­za. Anche sen­za ammet­te­re devia­zio­ni rispet­to agli obiet­ti­vi sta­bi­li­ti a Bru­xel­les (dai nostri gover­ni, eh), l’obiettivo è raggiungibile.

Con Pos­si­bi­le pos­sia­mo costrui­re la Leg­ge di Bilan­cio di Futu­ro, rac­co­glien­do intor­no a cin­que gran­di temi pro­po­ste con­cre­te che indi­riz­zi­no la spe­sa pub­bli­ca ver­so il cam­bia­men­to. Tro­va­re le coper­tu­re e ten­ta­re di pro­por­le in sede di discus­sio­ne par­la­men­ta­re. La mani­na vor­reb­be spin­ger­ci nel bara­tro, noi rea­gia­mo pro­get­tan­do un pae­se diver­so.

Scri­ve­te a [email protected] 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.