Cinque punti per una piattaforma comune a tutta la sinistra

Cinque punti, presenti nella maggior parte dei progetti delle diverse sensibilità della sinistra e degli ambientalisti in Italia e in Europa, possono costituire la base di una piattaforma comune a tutta la sinistra, per governare.
#

Ci congratuliamo con Emmanuel Macron per la sua elezione alla Presidenza della Repubblica. Il senso dell’interesse generale invita tutti noi ad auspicare che abbia successo. Ci congratuliamo anche con i cittadini francesi che hanno partecipato numerosi ai due turni di questa elezione per far vivere la democrazia e scegliere di barrare la casella nella scheda elettorale che porta il nome di Emmanuel Macron, per evitare un pericolo maggiore per la Repubblica: l’arrivo dell’estrema destra al potere.

Rileviamo tuttavia il risultato storico della signora Le Pen. Questo ci invita ad andare all’essenziale. Se è vero che il 63% dei francesi ha votato per Emmanuel Macron, questa maggioranza non esiste per smantellare il Codice del Lavoro a colpi di ordinanza. Non esiste per aumentare la CSG ed eliminare l’Imposta di Solidarietà sulla Fortuna. Non esiste per diminuire il numero di funzionari e lasciare scomparire i servizi pubblici, degradare l’ospedale e le scuole. Non esiste per approvare i trattati di libero scambio.

Perché ieri ci si è ritrovati maggioranza se non per dire no all’estrema destra, ma è in occasione delle elezioni legislative dell’11 e del 18 giugno prossimi che i cittadini francesi sceglieranno la politica che desiderano per la Francia, per la Francia in Europa, per loro stessi e i loro figli.

Vogliamo sostenere, con tutte le forze di sinistra europee:

  • l’urgenza di nuove forme di solidarietà di fronte alle mutazioni del lavoro (all’uberizzazione ed alla precarizzazione sfrenata degli impieghi), ma anche delle esistenze, che noi si sia giovani o anziani.
  • l’urgenza di migliorare il potere d’acquisto dei lavoratori dipendenti, dei pensionati, delle classi popolari e del ceto medio;
  • l’urgenza della transizione ecologica, assente in modo irresponsabile dal dibattito e dai progetti della signora Le Pen e del signor Macron, e che rappresenta un formidabile bacino potenziale di posti di lavoro. Questa urgenza è anche quella della presa di coscienza che non dobbiamo e non possiamo più produrre e consumare come se le risorse naturali fossero inesauribili e il pianeta invulnerabile.
  • l’urgenza di uscire da una democrazia intermittente che si risolve in uno scrutinio principale ogni 5 anni, dove i progetti si cancellano dietro il voto utile.
  • l’urgenza di finirla con l’austerità in Europa senza per questo gettare l’Europa alle ortiche.

Questi cinque punti, presenti nella maggior parte dei progetti delle diverse sensibilità della sinistra e degli ambientalisti in Francia, in Italia e in Europa, possono costituire la base di una piattaforma comune a tutta la sinistra, per governare.

Se la sinistra si unisce, può essere maggioritaria. Siatene certi.

Noi, uomini e donne di sinistra per convinzione, che le nostre culture siano socialiste, ecologiste, civiche, comuniste, “non sottomesse”, uomini e donne sinceramente desiderosi di far vincere la sinistra, siamo tenuti a superare i contrasti dei partiti, gli antichi rancori, i settarismi e le strategie di demolizione. È necessario il massimo numero di candidature unitarie a sinistra per le elezioni politiche. Noi ci siamo, siamo pronti. A partire da oggi. Sosterremo, oltre le etichette, le donne e gli uomini sinceramente impegnati in questo progetto unitario, prima tappa di una rinascita e di una ricostruzione della sinistra.

Abbiamo fatto argine al peggio. A noi costruire il meglio.

Fedelmente,
Benoît Hamon

Il testo pubblicato riprende, in maniera quasi letterale, il messaggio che ieri sera Benoît Hamon ha voluto mandare ai suoi elettori e ai cittadini francesi, disponibile qui.

  • 1
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati