Cinque punti per una piattaforma comune a tutta la sinistra

Cinque punti, presenti nella maggior parte dei progetti delle diverse sensibilità della sinistra e degli ambientalisti in Italia e in Europa, possono costituire la base di una piattaforma comune a tutta la sinistra, per governare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494251481884{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Ci con­gra­tu­lia­mo con Emma­nuel Macron per la sua ele­zio­ne alla Pre­si­den­za del­la Repub­bli­ca. Il sen­so del­l’in­te­res­se gene­ra­le invi­ta tut­ti noi ad auspi­ca­re che abbia suc­ces­so. Ci con­gra­tu­lia­mo anche con i cit­ta­di­ni fran­ce­si che han­no par­te­ci­pa­to nume­ro­si ai due tur­ni di que­sta ele­zio­ne per far vive­re la demo­cra­zia e sce­glie­re di bar­ra­re la casel­la nel­la sche­da elet­to­ra­le che por­ta il nome di Emma­nuel Macron, per evi­ta­re un peri­co­lo mag­gio­re per la Repub­bli­ca: l’ar­ri­vo del­l’e­stre­ma destra al potere.

Rile­via­mo tut­ta­via il risul­ta­to sto­ri­co del­la signo­ra Le Pen. Que­sto ci invi­ta ad anda­re all’es­sen­zia­le. Se è vero che il 63% dei fran­ce­si ha vota­to per Emma­nuel Macron, que­sta mag­gio­ran­za non esi­ste per sman­tel­la­re il Codi­ce del Lavo­ro a col­pi di ordi­nan­za. Non esi­ste per aumen­ta­re la CSG ed eli­mi­na­re l’Im­po­sta di Soli­da­rie­tà sul­la For­tu­na. Non esi­ste per dimi­nui­re il nume­ro di fun­zio­na­ri e lascia­re scom­pa­ri­re i ser­vi­zi pub­bli­ci, degra­da­re l’o­spe­da­le e le scuo­le. Non esi­ste per appro­va­re i trat­ta­ti di libe­ro scambio.

Per­ché ieri ci si è ritro­va­ti mag­gio­ran­za se non per dire no all’e­stre­ma destra, ma è in occa­sio­ne del­le ele­zio­ni legi­sla­ti­ve dell’11 e del 18 giu­gno pros­si­mi che i cit­ta­di­ni fran­ce­si sce­glie­ran­no la poli­ti­ca che desi­de­ra­no per la Fran­cia, per la Fran­cia in Euro­pa, per loro stes­si e i loro figli.

Voglia­mo soste­ne­re, con tut­te le for­ze di sini­stra europee:

  • l’ur­gen­za di nuo­ve for­me di soli­da­rie­tà di fron­te alle muta­zio­ni del lavo­ro (all’u­be­riz­za­zio­ne ed alla pre­ca­riz­za­zio­ne sfre­na­ta degli impie­ghi), ma anche del­le esi­sten­ze, che noi si sia gio­va­ni o anziani.
  • l’ur­gen­za di miglio­ra­re il pote­re d’ac­qui­sto dei lavo­ra­to­ri dipen­den­ti, dei pen­sio­na­ti, del­le clas­si popo­la­ri e del ceto medio;
  • l’ur­gen­za del­la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca, assen­te in modo irre­spon­sa­bi­le dal dibat­ti­to e dai pro­get­ti del­la signo­ra Le Pen e del signor Macron, e che rap­pre­sen­ta un for­mi­da­bi­le baci­no poten­zia­le di posti di lavo­ro. Que­sta urgen­za è anche quel­la del­la pre­sa di coscien­za che non dob­bia­mo e non pos­sia­mo più pro­dur­re e con­su­ma­re come se le risor­se natu­ra­li fos­se­ro ine­sau­ri­bi­li e il pia­ne­ta invulnerabile.
  • l’ur­gen­za di usci­re da una demo­cra­zia inter­mit­ten­te che si risol­ve in uno scru­ti­nio prin­ci­pa­le ogni 5 anni, dove i pro­get­ti si can­cel­la­no die­tro il voto utile.
  • l’ur­gen­za di finir­la con l’au­ste­ri­tà in Euro­pa sen­za per que­sto get­ta­re l’Eu­ro­pa alle orti­che.

Que­sti cin­que pun­ti, pre­sen­ti nel­la mag­gior par­te dei pro­get­ti del­le diver­se sen­si­bi­li­tà del­la sini­stra e degli ambien­ta­li­sti in Fran­cia, in Ita­lia e in Euro­pa, pos­so­no costi­tui­re la base di una piat­ta­for­ma comu­ne a tut­ta la sini­stra, per governare.

Se la sini­stra si uni­sce, può esse­re mag­gio­ri­ta­ria. Sia­te­ne certi.

Noi, uomi­ni e don­ne di sini­stra per con­vin­zio­ne, che le nostre cul­tu­re sia­no socia­li­ste, eco­lo­gi­ste, civi­che, comu­ni­ste, “non sot­to­mes­se”, uomi­ni e don­ne sin­ce­ra­men­te desi­de­ro­si di far vin­ce­re la sini­stra, sia­mo tenu­ti a supe­ra­re i con­tra­sti dei par­ti­ti, gli anti­chi ran­co­ri, i set­ta­ri­smi e le stra­te­gie di demo­li­zio­ne. È neces­sa­rio il mas­si­mo nume­ro di can­di­da­tu­re uni­ta­rie a sini­stra per le ele­zio­ni poli­ti­che. Noi ci sia­mo, sia­mo pron­ti. A par­ti­re da oggi. Soster­re­mo, oltre le eti­chet­te, le don­ne e gli uomi­ni sin­ce­ra­men­te impe­gna­ti in que­sto pro­get­to uni­ta­rio, pri­ma tap­pa di una rina­sci­ta e di una rico­stru­zio­ne del­la sinistra.

Abbia­mo fat­to argi­ne al peg­gio. A noi costrui­re il meglio.

Fedel­men­te,
Benoît Hamon

Il testo pub­bli­ca­to ripren­de, in manie­ra qua­si let­te­ra­le, il mes­sag­gio che ieri sera Benoît Hamon ha volu­to man­da­re ai suoi elet­to­ri e ai cit­ta­di­ni fran­ce­si, dispo­ni­bi­le qui.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.