Che ne sarà di Riace (e chi ha caricato la pistola)

Viene da chiedersi cosa avete fatto per affiancare un comune di 2300 abitanti, che ricade su uno dei territori più difficili d’Italia, che si è affermato come simbolo dell’accoglienza e della convivenza, perché potesse sopravvivere

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Che ne sarà di Ria­ce e del­le per­so­ne che abi­ta­no il bor­go del­la Locri­de non lo sap­pia­mo anco­ra. Quel che sap­pia­mo è che il Mini­ste­ro ha dispo­sto che il Ser­vi­zio cen­tra­le del­lo Sprar prov­ve­da al «tra­sfe­ri­men­to / usci­ta degli ospi­ti in acco­glien­za». La pri­ma con­si­de­ra­zio­ne da fare riguar­da il fat­to che stia­mo per­ciò par­lan­do del­le sole per­so­ne ospi­ta­te nel­lo Sprar e non di quel­le ospi­ta­te nei Cas. La secon­da con­si­de­ra­zio­ne è che il tra­sfe­ri­men­to non sarà imme­dia­to, ma sarà neces­sa­rio atten­de­re alme­no 60 gior­ni e cioè il ter­mi­ne per impu­gna­re il prov­ve­di­men­to di fron­te al Tar.

Un’altra cosa che sap­pia­mo è che non si trat­ta di un ful­mi­ne a ciel sere­no. La nota mini­ste­ria­le, da que­sto pun­to di vista, è mol­to chia­ra. Ispe­zio­ni e rela­zio­ni con i pri­mi rilie­vi risal­go­no infat­ti al 2016. L’avvio del pro­ce­di­men­to vol­to all’appli­ca­zio­ne dei pun­teg­gi di pena­li­tà al pro­get­to Sprar (che ora ne deter­mi­ne­reb­be la chiu­su­ra) risa­le al 28 gen­na­io 2017. In quell’occasione il comu­ne di Ria­ce è sta­to invi­ta­to a “ricom­por­re con imme­dia­tez­za tut­ti gli aspet­ti di cri­ti­ci­tà emer­si” dal­le visi­te effet­tua­te dal Ser­vi­zio cen­tra­le del­lo Sprar (20 e 21 luglio 2016) e dal­la Pre­fet­tu­ra di Reg­gio Cala­bria (dicem­bre 2016).

Le pena­li­tà appli­ca­te per la revo­ca tota­le dei con­tri­bu­ti con nota mini­ste­ria­le del 30 luglio 2018 sono sta­te con­tro­de­dot­te dal comu­ne di Ria­ce con una nota del 9 ago­sto 2018 e il prov­ve­di­men­to del­le scor­se ore è l’esito di que­sta dia­let­ti­ca: il Mini­ste­ro ha di fat­to riget­ta­to inte­gral­men­te le con­tro­de­du­zio­ni, pro­ce­den­do per la sua stra­da e con l’obiettivo – di fat­to – di sman­tel­la­re il siste­ma di acco­glien­za a Riace.

«Cosa ave­te fat­to dal 2016 a oggi?», vie­ne da chie­der­si. Vie­ne da chie­der­si cosa ave­te fat­to per affian­ca­re un comu­ne di 2300 abi­tan­ti, che rica­de su uno dei ter­ri­to­ri più dif­fi­ci­li d’Italia, che si è affer­ma­to come sim­bo­lo dell’accoglienza e del­la con­vi­ven­za, per­ché potes­se soprav­vi­ve­re. Oltre a invia­re ispet­to­ri, a scri­ve­re note, a invi­ta­re a chia­ri­re, si inten­de. Cosa ave­te fat­to per affian­ca­re un sin­da­co, gli ammi­ni­stra­to­ri, gli uffi­ci e gli impie­ga­ti e per evi­ta­re che, inve­ce di ricom­por­re a livel­lo ammi­ni­stra­ti­vo una situa­zio­ne più uni­ca che rara, fos­se sman­tel­la­ta con l’arrivo di Sal­vi­ni al Vimi­na­le. Deve esse­re chia­ra una cosa: Sal­vi­ni ha pre­mu­to il gril­let­to, ma è evi­den­te che la pisto­la è sta­ta cari­ca­ta da altri e che, anzi, era già com­par­sa sul­la sce­na pri­ma del­le ele­zio­ni del 4 mar­zo scor­so.

Per esse­re chia­ri fino in fon­do: l’indagine mini­ste­ria­le non con­te­sta sot­tra­zio­ni di fon­di, non indi­ca respon­sa­bi­li­tà pena­li, ma si con­cen­tra su aspet­ti pura­men­te ammi­ni­stra­ti­vi. Si par­la di appar­ta­men­ti Sprar occu­pa­ti da per­so­ne che dovreb­be­ro sta­re in strut­tu­re Cas e vice­ver­sa. Si par­la dell’accoglienza di “lun­go­per­ma­nen­ti” in assen­za di auto­riz­za­zio­ne. Si par­la di man­ca­ta regi­stra­zio­ne di alcu­ni con­trat­ti di affit­to. Si par­la del­la mone­ta loca­le, non adat­ta per­ché non per­met­te­reb­be di fami­lia­riz­za­re con gli euro e per altre ragio­ni. Si par­la del­le bot­te­ghe, defi­ni­te «atti­vi­tà che accre­sco­no com­pe­ten­ze di base e tra­sver­sa­li rispet­to al mon­do del lavo­ro» ma che «non pos­so­no esse­re assi­mi­la­te ai tiro­ci­ni extra­cur­ri­cu­la­ri pro­pria­men­te det­ti». Si par­la anche del­la man­ca­ta ren­di­con­ta­zio­ne per l’anno 2017.

Si par­la, in sostan­za, di vizi ammi­ni­stra­ti­vi che in oltre due anni di inda­gi­ni sia­mo sicu­ri avreb­be­ro potu­to esse­re ricom­po­sti, se solo ci fos­se sta­ta la volon­tà poli­ti­ca e cul­tu­ra­le di difen­de­re una real­tà straor­di­na­ria, e non di abban­do­nar­la per poi get­tar­la in pasto alla marea nera.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.