Centri per l’infanzia: la funzione educativa è il principio da non dimenticare

Uno degli argomenti in top trend degli ultimi giorni è come riaprire i centri educativi per l’infanzia. Si parla, anche nelle ultime misure normative, di entrate scaglionate e di piccoli gruppi: numero massimo di bambini per educatore, triage all’entrata con disinfettante e scanner per la temperatura. Spazi che diventano arcipelaghi con isole circondate dal mare della distanza sociale. L’ossimoro della negazione della socialità negli spazi e nei tempi educativi dimostra in partenza la criticità di ogni proposta sul tema.

 

Uno degli argo­men­ti in top trend degli ulti­mi gior­ni è come ria­pri­re i cen­tri edu­ca­ti­vi per l’infanzia. Si par­la, anche nel­le ulti­me misu­re nor­ma­ti­ve, di entra­te sca­glio­na­te e di pic­co­li grup­pi: nume­ro mas­si­mo di bam­bi­ni per edu­ca­to­re, tria­ge all’entrata con disin­fet­tan­te e scan­ner per la tem­pe­ra­tu­ra. Spa­zi che diven­ta­no arci­pe­la­ghi con iso­le cir­con­da­te dal mare del­la distan­za socia­le. L’ossimoro del­la nega­zio­ne del­la socia­li­tà negli spa­zi e nei tem­pi edu­ca­ti­vi dimo­stra in par­ten­za la cri­ti­ci­tà di ogni pro­po­sta sul tema. A par­te l’ovvia con­si­de­ra­zio­ne sul­la fat­ti­bi­li­tà uto­pi­sti­ca di que­ste solu­zio­ni, quan­te edu­ca­tri­ci ci vor­reb­be­ro? Quan­ti metri qua­dra­ti per spa­zio? Qua­li ambien­ti? Qua­li con­trol­li? È for­se il caso di fer­mar­ci a fare una rifles­sio­ne di prin­ci­pio. In que­sto perio­do di sta­to di emer­gen­za potreb­be sem­bra­re super­fluo par­la­re di “prin­ci­pi”, di “dirit­ti”, finan­che di Costi­tu­zio­ne, per­ché con la salu­te a rischio e l’economia in cri­si tut­to pas­sa in secon­do pia­no. D’altronde, è pro­prio quan­do si comin­cia a per­ce­pi­re che potreb­be sem­bra­re super­fluo che diven­ta neces­sa­rio par­lar­ne per riaf­fer­mar­li, anche se ovvi, anche se scon­ta­ti, per­ché si sa, nien­te è più accan­to­na­bi­le di una cosa ovvia. Dare per scon­ta­to, di soli­to, con­du­ce alla dimen­ti­can­za e, infi­ne, a una per­di­ta. E quan­do si per­de un dirit­to, si intac­ca un prin­ci­pio, si per­de qual­co­sa come socie­tà. Il nido d’infanzia, come isti­tu­zio­ne, ha fat­to pas­si da gigan­te dal­la vec­chia Onmi in dire­zio­ne dell’affer­ma­zio­ne del­la sua fun­zio­ne peda­go­gi­co edu­ca­ti­va e in tut­te le pro­po­ste sul tavo­lo vedo solo un riaf­fer­mar­si del­la esclu­si­va fun­zio­ne assi­sten­zia­li­sti­ca. Sia­mo cer­ti che que­ste scel­te “esti­ve” stia­no a signi­fi­ca­re che stia­mo pen­san­do ai bam­bi­ni? Che ci stia­mo occu­pan­do di loro? A me pare che que­sto tema non ven­ga affron­ta­to dal loro pun­to di vista, met­ten­do­li al cen­tro, ma, come sem­pre, dal pun­to di vista degli adul­ti e, in par­ti­co­la­re, degli adul­ti lavo­ra­to­ri. Quin­di dal pun­to di vista eco­no­mi­co. Su twit­ter e in gene­ra­le sui media leg­go arti­co­li e com­men­ti di pre­oc­cu­pa­zio­ne per i geni­to­ri che non san­no dove “met­te­re i figli”, si pen­sa alla ria­per­tu­ra del­le scuo­le e dei nidi in fun­zio­ne socio eco­no­mi­ca. Pre­oc­cu­pa­zio­ni giu­ste, ci mancherebbe.
Ma la fun­zio­ne edu­ca­ti­va? E i biso­gni dei bam­bi­ni? For­se sareb­be il caso di coin­vol­ge­re le edu­ca­tri­ci nel­la pro­get­ta­zio­ne del­la ria­per­tu­ra, in quan­to sono le sole ad ave­re la con­sa­pe­vo­lez­za, deri­va­ta dal­la pra­ti­ca quo­ti­dia­na, del­le cri­ti­ci­tà pre­sen­ti nei rispet­ti­vi ser­vi­zi edu­ca­ti­vi. Per fare un esem­pio su tut­ti: si è pen­sa­to alla neces­si­tà di un nuo­vo perio­do di inse­ri­men­to dei bam­bi­ni? Si par­la del­la ria­per­tu­ra a giu­gno dopo tre mesi di lon­ta­nan­za e non si sot­to­li­nea il biso­gno dei pic­co­li di un nuo­vo ambien­ta­men­to. Que­sto signi­fi­ca che il mese di giu­gno sareb­be neces­sa­rio solo a que­sto fine, con uno dei geni­to­ri in pre­sen­za, con una fre­quen­za limi­ta­ta ad un’ora desti­na­ta ad allun­gar­si pia­no pia­no secon­do le rispo­ste dei bam­bi­ni. Ogni geni­to­re che ha avu­to l’esperienza del nido sa benis­si­mo di cosa stia par­lan­do e di quan­to sia­no impe­gna­ti­ve quel­le due o tre set­ti­ma­ne richie­ste per l’ambientamento dove si orga­niz­za­no con ferie e per­mes­si pro­prio per poter esse­re pre­sen­ti ed aiu­ta­re i loro bam­bi­ni in que­sto momen­to deli­ca­to e fon­da­men­ta­le. Mi sem­bra ovvio che se si seguis­se­ro que­ste “buo­ne pra­ti­che” con­so­li­da­te da anni di espe­rien­za peda­go­gi­ca sul cam­po e con­di­vi­se dal­le fami­glie nell’ottica di un’alleanza edu­ca­ti­va, par­la­re di aper­tu­ra dei nidi d’infanzia a giu­gno per­de di significato.
Pen­sa­re ai bam­bi­ni non signi­fi­ca solo occu­par­ci di loro in que­sto momen­to, cer­can­do tut­ti insie­me la for­mu­la miglio­re per rispon­de­re ai biso­gni fami­lia­ri emer­gen­ti in que­sto perio­do, ma pren­der­ci cura di loro anche in futu­ro, del loro futu­ro. Difen­de­re il loro dirit­to ad un’educazione. Difen­de­re il prin­ci­pio del­la fun­zio­ne edu­ca­ti­va e peda­go­gi­ca del nido d’infanzia, quin­di, signi­fi­ca pren­der­si cura di loro, del­le loro fami­glie, del­la nostra socie­tà. Dire che que­ste moda­li­tà emer­gen­zia­li non sono il “loro nido” è esse­re dal­la loro par­te. Non ho la ricet­ta giu­sta e com­pren­do la dif­fi­col­tà di tro­var­la così come la neces­si­tà di cer­car­la e mi pia­ce­reb­be, ci pia­ce­reb­be “cer­car­la insie­me”. Soprat­tut­to in vista del­la neces­sa­ria e sen­ti­ta ria­per­tu­ra dei ser­vi­zi per set­tem­bre, una pro­get­ta­zio­ne deli­ca­ta e com­ples­sa che va orga­niz­za­ta fin d’ora cer­can­do il più pos­si­bi­le di rispon­de­re ai biso­gni edu­ca­ti­vi dei nostri pic­co­li. Avrei però una richie­sta per i gior­na­li­sti e gli esper­ti che ven­go­no chia­ma­ti a rac­col­ta. Quan­do par­la­te di tut­te que­ste pro­po­ste “esti­ve” vi pre­ghe­rei di chia­mar­le con un altro nome. Non par­la­te di nido d’infanzia per il sem­pli­ce moti­vo che non ne sta­te dav­ve­ro par­lan­do. Potreb­be sem­bra­re una que­stio­ne di for­ma, ma come spes­so acca­de, si trat­ta di una for­ma sostan­zia­le. Si trat­ta dell’affermazione e la tute­la di un prin­ci­pio. Il nido è un luo­go edu­ca­ti­vo spa­zio tem­po­ra­le dove la strut­tu­ra­zio­ne degli ambien­ti fa par­te del pro­get­to edu­ca­ti­vo, così come la pro­get­ta­zio­ne del­le rou­ti­ne. Sen­za que­sti ele­men­ti è qualcos’altro. Pos­sia­mo met­ter­ci d’accordo. In real­tà una paro­la già esi­ste che potreb­be defi­ni­re nel modo giu­sto quel­lo che dal­le pro­po­ste fino­ra let­te si sta cer­can­do di apri­re: baby par­king. Par­cheg­gio di bam­bi­ni. Cre­do sia dove­ro­so esse­re chia­ri su que­sto pun­to, pro­prio per met­te­re quei tas­sel­li che ci per­met­te­ran­no, una vol­ta fini­ta l’emergenza, di far pas­sa­re la fune e risa­li­re la vet­ta. Altri­men­ti il rischio è quel­lo di resta­re den­tro la vora­gi­ne e ren­de­re “nor­ma­le” o “nor­ma­to” scel­te det­ta­te da una neces­si­tà emer­gen­zia­le. Rac­con­tia­mo la veri­tà e così pos­sia­mo tro­va­re insie­me la solu­zio­ne più giu­sta. Ma vi pre­go, non chia­ma­te­lo nido.
Pao­la Boggi

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?