Caro Erri, sui migranti la pensiamo come te

Caro Erri, di fronte all'assenza della sinistra che denunci, rilanciamo, invitandoti a discutere insieme a noi e a portare avanti insieme a noi questo sforzo di contrapporsi a mani nude alle ruspe, ovunque necessario
#

Caro Erri,

abbiamo letto con molto piacere la tua recente intervista nella quale, oltre a raccontare la tua esperienza a bordo delle ONG, non risparmi critiche alla politica italiana e ai partiti su come è stato affrontato il dibattito sui salvataggi in mare e, più in generale, l’intero dibattito sulle migrazioni.

Come giustamente osservi, ci troviamo di fronte a un fenomeno che assume sempre più caratteristiche strutturali, ma che l‘informazione e le istituzioni rifiutano di considerare tale e affrontano con misure emergenziali che offrono inevitabilmente il fianco a chi cerca voti sulla pelle dei rifugiati e dei migranti. Un continuo scivolamento che coinvolge anche partiti un tempo insospettabili, che mischiano migrazioni e sicurezza, che parlano di taxi del mare, che investono nuovamente in una politica securitaria che trova la propria dimensione nella detenzione amministrativa dei migranti e nella riduzione dei loro diritti.

Da tempo siamo impegnati per smontare passo passo questa retorica, che si infiamma e trova alimentazione in se stessa, perché lo scandalo non genera mai risposte adeguate, ma getta solo ulteriore benzina sul fuoco di un dibattito che ci consegnerà come vincitore chi i migranti li vuole abbandonare in mare.

Siamo impegnati raccontando i buoni sistemi di accoglienza, che in questo paese esistono, ma di cui tutti si scordano. Siamo impegnati nella revisione della Bossi-Fini, una legge indegna che sarà ancora lì al termine di questa legislatura. Siamo impegnati per una riforma del regolamento di Dublino che tenga conto delle storie e delle aspirazioni delle persone. Siamo impegnati, infine, nel contrastare quotidianamente le campagne di disinformazione, nell’accendere i riflettori sui casi più controversi. Ci siamo opposti da subito e con forza ai vergognosi decreti Minniti. Abbiamo presentato, prima degli arresti, una interrogazione sul Cara di Crotone che, insieme a molti altri nostri interventi (l’ultimo dei quali, a firma Andrea Maestri, riguarda esattamente l’operato della Guardia costiera libica denunciato da una ONG), ha avuto lo scopo di tenere fermo un punto: nel nostro mare transita un’umanità che implora aiuto, disposta a tutto pur di abbandonare prima le proprie case e poi l’inferno libico, e noi non possiamo chiudere gli occhi.

Ecco perché, di fronte all’assenza della sinistra che denunci, rilanciamo, invitandoti a discutere insieme a noi e a portare avanti insieme a noi questo sforzo di contrapporsi a mani nude alle ruspe, ovunque necessario, che sia l’ennesimo sgombero del Baobab di Roma, che sia un respingimento collettivo appaltato alla guardia costiera libica. Le battaglie giuste è giusto farle assieme.

  • 13
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati