Carbone fa rima con petrolio (che fa rima con siamo fregati)

Con o contro le fossili, sta diventando una questione di vite e di morti. Ché, anche se non siamo in Australia, esiste la concreta e ormai vistosa possibilità che il fossilismo - quello cronico, più subdolo e meno rilevabile - colpisca la qualità dell'aria a Torino, Milano e in tutta la pianura padana

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1578652943276{margin-top: 20px !impor­tant;}”]In un ini­zio d’an­no a dir poco sur­rea­le, abbia­mo assi­sti­to a un pic­co stra­bi­lian­te di “fos­si­li­smo acu­to”. Un po’ come acca­de per i pic­chi influen­za­li, solo che que­sta malat­tia non col­pi­sce local­men­te, quan­to su sca­la pla­ne­ta­ria. Si può qua­si conia­re un ter­mi­ne per ciò che è diven­ta­to quel pato­lo­gi­co, osti­na­to con­glo­me­ra­to di pote­re, poli­ti­ca e inte­res­si eco­no­mi­ci che gra­vi­ta­no attor­no ai com­bu­sti­bi­li fos­si­li, che fini­rà per deter­mi­na­re la vita o la mor­te di noi tut­ti (dove noi sta per Homo sapiens più tut­te le altre sven­tu­ra­te spe­cie, nostre coin­qui­li­ne sul pianeta). 

L’as­sas­si­nio di Qasem Solei­ma­ni ha riat­tiz­za­to le bra­ci del­la pau­ra col­let­ti­va di una guer­ra nuclea­re fra USA e quel­lo che da anni nel­l’im­ma­gi­na­rio occi­den­ta­le è lo sta­to cana­glia per eccel­len­za (inte­res­san­te let­tu­ra: l’I­ran Sve­la­to – F. Cas­si­nel­li). Pau­ra uti­lis­si­ma a Trump per divin­co­lar­si in un solo col­po dal rischio di impea­ch­ment e  met­te­re una bel­la ipo­te­ca a garan­zia del­la sua rie­le­zio­ne: ha aper­to la sua con­fe­ren­za stam­pa dell’8 gen­na­io 2020 con la fra­se ad effet­to: “fin­chè io sarò Pre­si­den­te, l’I­ran non avrà mai l’ar­ma ato­mi­ca”. Col­la­te­ral­men­te, il gesto ha fat­to schiz­za­re il prez­zo del petro­lio, ricom­pat­ta­to il popo­lo ira­nia­no con il regi­me e desta­bi­liz­za­to anco­ra, se pos­si­bi­le, il Medio Oriente. 

Gli scien­zia­ti segna­la­no che il 2019 è sta­to anche in Austra­lia l’an­no più cal­do e sec­co di sem­pre e che i dati mostra­no un chia­ro trend in peg­gio­ra­men­to, negli ulti­mi anni. Le tipi­che con­di­zio­ni cli­ma­ti­che del­la sta­gio­ne autun­na­le austra­lia­na, esa­cer­ba­te dal riscal­da­men­to glo­ba­le, han­no por­ta­to a onda­te di cal­do record e a for­ti ven­ti con aria par­ti­co­la­men­te sec­ca, su ter­ri­to­ri che veni­va­no da mesi di pro­lun­ga­ta sic­ci­tà. Il rischio che que­sta cata­stro­fe si veri­fi­cas­se era altis­si­mo e le auto­ri­tà ne era­no sta­te infor­ma­te per tem­po e da più par­ti, IPCC inclu­so. L’ar­re­sto dei 183 piro­ma­ni si è rive­la­ta una fake news, men­tre i ful­mi­ni si sono som­ma­ti a cau­se antro­pi­che, in par­te acci­den­ta­li, in par­te dolo­se. Come abbia­mo let­to nel bel­lis­si­mo post di Gior­gio Vac­chia­no, ricer­ca­to­re fore­sta­le del­l’U­ni­ver­si­tà di Mila­no, alcu­ne spe­cie  vege­ta­li di que­sta regio­ne austra­lia­na sono per loro natu­ra par­ti­co­lar­men­te incli­ni a bru­cia­re, anzi, uti­liz­za­no que­sto meto­do come stra­te­gia ripro­dut­ti­va. Que­ste con­di­zio­ni han­no dato ori­gi­ne agli incen­di più deva­stan­ti di sem­pre, mag­gio­ri del­la som­ma del­le deva­sta­zio­ni di Sibe­ria ed Amaz­zo­nia dei mesi scor­si. Le sti­me nume­ri­che sugli ani­ma­li vit­ti­me degli incen­di sono sta­te ini­zial­men­te rite­nu­te in ecces­so, ma sono basa­te su cal­co­li scien­ti­fi­ca­men­te vali­di. Sono sta­ti distrut­ti otto milio­ni di etta­ri di ter­ri­to­rio – habi­tat di nume­ro­sis­si­me spe­cie ani­ma­li, anche ende­mi­che — pari alla super­fi­cie del­l’Au­stria. Pie­ro Geno­ve­si, ISPRA, respon­sa­bi­le del Ser­vi­zio Coor­di­na­men­to Fau­na e mem­bro del­lo IUCN, Inter­na­tio­nal Union of Natu­re Spe­cies Sur­vi­val Com­mis­sion, par­la di dan­ni enor­mi alla bio­di­ver­si­tà uni­ca del­la regio­ne. Ser­vi­ran­no decen­ni per ripa­ga­re, e solo in par­te, quan­to si sta per­den­do in pochi mesi. Il koa­la rischia seria­men­te l’e­stin­zio­ne. Il WWF austra­lia­no arri­va a sti­ma­re al momen­to 1 miliar­do e 250 milio­ni di ani­ma­li ster­mi­na­ti.  Le ton­nel­la­te di CO2 river­sa­te in atmo­sfe­ra sono al momen­to sti­ma­te in 350 milio­ni, qua­si pari alle emis­sio­ni medie annua­li del­la stes­sa Austra­lia. Leo­nar­do Di Caprio ha costi­tui­to un fon­do da 3 milio­ni di dol­la­ri per gli inter­ven­ti di bre­ve e medio ter­mi­ne (Austra­lia Wil­d­fi­re Fund), mostran­do anco­ra una vol­ta come si pos­sa­no uti­liz­za­re fama, suc­ces­so e dena­ro a bene­fi­cio di tut­ti. Suo­na qua­si biz­zar­ro, ma tut­to que­sto acca­de, qua­si kar­mi­ca­men­te, in un Pae­se gui­da­to da nega­zio­ni­sti e car­bo­nai. Com­pli­ci i media ammae­stra­ti di Rupert Mur­doch, i gover­nan­ti nemi­ci del cli­ma — ma ami­ci del car­bo­ne — han­no ane­ste­tiz­za­to la pub­bli­ca opi­nio­ne e igno­ra­to gli accor­di di Pari­gi, risul­tan­do ulti­mi in clas­si­fi­ca per le ini­zia­ti­ve di con­tra­sto al cli­ma­te chan­ge. Da quan­to emer­ge dai gior­na­li, sem­bra sia­no sta­ti deru­bri­ca­ti anche i ripe­tu­ti allar­mi sui rischi di incen­dio del bush. 

Ecco cosa abbia­mo davan­ti agli occhi: la dipen­den­za osti­na­ta e pato­lo­gi­ca dai com­bu­sti­bi­li fos­si­li: petro­lio e car­bo­ne che deter­mi­na­no la vita, la mor­te, le guer­re, addi­rit­tu­ra nuclea­ri; l’in­ca­pa­ci­tà del­la poli­ti­ca di ante­por­re il benes­se­re degli esse­ri viven­ti e la vivi­bi­li­tà davan­ti agli ster­mi­na­ti inte­res­si eco­no­mi­ci – inte­res­si for­se è ridut­ti­vo, potrem­mo ini­zia­re a par­la­re di avi­di­tà eco­no­mi­che? — di pochi.  Assi­stia­mo all’i­na­de­gua­tez­za di chi deve infor­ma­re cor­ret­ta­men­te e pren­der­si cura dei cit­ta­di­ni, men­tre si rive­la pro­mo­to­re di infor­ma­zio­ni fal­se per mani­po­la­re la pub­bli­ca opi­nio­ne. Abbia­mo davan­ti a noi la distor­sio­ne del­la demo­cra­zia, usa­ta con­tro se stes­sa, che fini­rà col divo­rar­si. Nel frat­tem­po, l’O­lan­da è sta­ta con­dan­na­ta dal­la sua stes­sa Cor­te Supre­ma ad attua­re una ridu­zio­ne “oppor­tu­na ed appro­pria­ta” dei gas cli­mal­te­ran­ti, poi­chè, qua­lo­ra non inter­ve­nis­se per miti­ga­re gli effet­ti dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, ver­reb­be rite­nu­ta col­pe­vo­le di lede­re i dirit­ti uma­ni dei cit­ta­di­ni. L’o­biet­ti­vo di Urgen­da, asso­cia­zio­ne ambien­ta­li­sta che ha por­ta­to in tri­bu­na­le lo sta­to olan­de­se, era met­te­re in rela­zio­ne davan­ti alla leg­ge gli impat­ti dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e la vio­la­zio­ne dei dirit­ti umani:l’inazione com­por­ta la vio­la­zio­ne di que­sti ulti­mi e le respon­sa­bi­li­tà sono chia­re. È sta­ta la socie­tà civi­le a met­te­re la paro­la fine ai ten­ten­na­men­ti, ai nascon­di­ni, alle meli­ne. Noi ci tenia­mo stret­ta l’i­dea che que­sto sia il com­pi­to del­la poli­ti­ca. A mar­zo la bat­ta­glia lega­le arri­ve­rà in Ita­lia: un net­work di asso­cia­zio­ni ambien­ta­li­ste por­te­rà in tri­bu­na­le lo Sta­to Ita­lia­no con un pro­ce­di­men­to chia­ma­to Giu­di­zio Uni­ver­sa­le. Gre­ta Thun­berg, laco­ni­ca, ricor­da che “il cam­bia­men­to sta arri­van­do, che lo voglia­te o no”. Visto lo sce­na­rio, non dovreb­be esse­re trop­po dif­fi­ci­le sce­glie­re da che par­te sta­re. Con o con­tro le fos­si­li, sta diven­tan­do una que­stio­ne di vite e di mor­ti. Ché, anche se non sia­mo in Austra­lia, esi­ste la con­cre­ta e ormai visto­sa pos­si­bi­li­tà che il fos­si­li­smo — quel­lo cro­ni­co, più sub­do­lo e meno rile­va­bi­le — col­pi­sca la qua­li­tà del­l’a­ria a Tori­no, Mila­no e in tut­ta la pia­nu­ra pada­na. Ed esi­ste la pos­si­bi­li­tà che se non si rav­ve­de subi­to, la poli­ti­ca fos­si­le esa­spe­ri il dis­se­sto idro­geo­lo­gi­co, distrug­ga goc­cia dopo goc­cia gli habi­tat e la bio­di­ver­si­tà, com­pro­met­ten­do una bio­sfe­ra che, inte­gra, deter­mi­na quel­l’im­per­ce­pi­ta, labi­le con­di­zio­ne essen­zia­le che è la vivi­bi­li­tà del pianeta. 

Austra­lia Wil­d­fi­re fund di Leo­nar­do Di Caprio:  www.aussieark.org

Chia­ra Bertogalli[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.