Capitalismo di rapina (quando la delocalizzazione arriva al suo apice)

Il caso della Kavo Promedi, azienda tedesca specializzata in produzione di apparecchiature medico dentali e controllata dal gruppo statunitense Danaher, la cui succursale italiana ha sede a Genova.

 

È un dato di fat­to che le leg­gi vara­te dagli ulti­mi Gover­ni abbia­no ele­va­to il pre­ca­ria­to a dog­ma eco­no­mi­co e socia­le, crean­do una for­za lavo­ro sot­to­co­sto e poco tute­la­ta, ma per cer­ti mana­ger que­sto non è anco­ra abbastanza.

È que­sto il caso del­la Kavo Pro­me­di, azien­da tede­sca spe­cia­liz­za­ta in pro­du­zio­ne di appa­rec­chia­tu­re medi­co den­ta­li e con­trol­la­ta dal grup­po sta­tu­ni­ten­se Dana­her, la cui suc­cur­sa­le ita­lia­na ha sede a Geno­va. Nel­la sola strut­tu­ra geno­ve­se sono più di qua­ran­te i lavo­ra­to­ri occu­pa­ti sta­bi­li, ai qua­li si aggiun­go­no quel­li inte­ri­na­li, tre fis­si e altri da poco assun­ti per aumen­ta­re la pro­du­zio­ne del­lo stabilimento.

Nono­stan­te i bilan­ci in atti­vo, l’ottimo sta­to di salu­te e nuo­vi, recen­ti inve­sti­men­ti, la Kavo Pro­me­di ha deci­so di pro­ce­de­re con una rior­ga­niz­za­zio­ne azien­da­le e ripor­ta­re la pro­du­zio­ne in Ger­ma­nia.

Fin qui, non ci si stu­pi­reb­be più di tan­to (tan­ti gli esem­pi di delo­ca­liz­za­zio­ne det­ta­ti dai moti­vi più vari, che si sono suc­ce­du­ti in que­sti anni in Ita­lia), ma qual­co­sa ren­de que­sto caso “uni­co”; il rispet­to del­le pro­ce­du­re di leg­ge e dei 75 gior­ni per le comu­ni­ca­zio­ni alle par­ti socia­li, infat­ti, non deve esse­re sem­bra­to vin­co­lan­te, poi­ché la Kavo Pro­me­di ha pre­fe­ri­to per­cor­re­re un’altra strada.

In pri­mo luo­go non si è cura­ta di infor­ma­re dei suoi pro­get­ti sul­la suc­cur­sa­le di Geno­va né i lavo­ra­to­ri né i sin­da­ca­ti che ave­va­no incon­tra­to qual­che gior­no pri­ma del­le vicen­de riportate.

Poi, un vener­dì pome­rig­gio, men­tre lo sta­bi­li­men­to si avvia­va alla nor­ma­le chiu­su­ra sera­le, alcu­ni TIR sono sta­ti scien­te­men­te imbo­sca­ti nel­le sue vici­nan­ze, in atte­sa che anche l’ultimo lavo­ra­to­re ter­mi­nas­se il tur­no. Que­sto traf­fi­co ano­ma­lo non è pas­sa­to inos­ser­va­to (sia­mo a Ner­vi, tran­quil­la loca­li­tà del levan­te geno­ve­se ed inol­tre in una zona abba­stan­za iso­la­ta e quin­di deci­sa­men­te poco traf­fi­ca­ta) ma sul momen­to non ha susci­ta­to par­ti­co­la­ri curio­si­tà e soprat­tut­to allarmi.

Col favo­re del­la not­te e pro­tet­ta da guar­die arma­te, la Kavo Pro­me­di ha ini­zia­to le ope­ra­zio­ni di cari­co di tut­ti i mac­chi­na­ri pre­sen­ti per tra­sfe­rir­li altro­ve, lascian­do il capan­no­ne deso­la­ta­men­te vuo­to.

Sono sta­ti pro­prio i lavo­ra­to­ri (uno di loro è pas­sa­to per caso nei pres­si dell’azienda e inso­spet­ti­to dal traf­fi­co all’interno dell’azienda ha volu­to capi­re cosa stes­se acca­den­do ed ha avvi­sa­to gli altri) ad inter­ve­ni­re per pri­mi sul posto bloc­can­do saba­to pri­mo pome­rig­gio le ope­ra­zio­ni ed impe­den­do che gli ulti­mi mac­chi­na­ri lascias­se­ro lo sta­bi­le. Sen­za la loro pron­tez­za di spi­ri­to, il rapi­do inter­ven­to del­le For­ze dell’Ordine, dei sin­da­ca­ti e la soli­da­rie­tà di tut­ta la cit­tà con asses­so­ri regio­na­li e comu­na­li, gli sareb­be scom­par­sa l’a­zien­da e si sareb­be­ro ritro­va­ti da un gior­no all’altro sen­za lavo­ro. E’ sta­to solo gra­zie alla pre­sen­za in fab­bri­ca dei lavo­ra­to­ri che non è sta­to pos­si­bi­le pro­se­gui­re con lo sman­tel­la­men­to dei capan­no­ni (anzi, gli ope­rai han­no anche fat­to sca­ri­ca­re alcu­ni mac­chi­na­ri dai TIR).

Al momen­to la Kavo Pro­me­di si è vista costret­ta a rinun­cia­re  al suo “capi­ta­li­smo da rapi­na”, ma non ha tut­ta­via rinun­cia­to alla sua rior­ga­niz­za­zio­ne in Ger­ma­nia, che sarà ogget­to del pros­si­mo nego­zia­to e al qua­le è sta­ta obbli­ga­ta con­tro­vo­glia. Nel frat­tem­po la pro­du­zio­ne è fer­ma: ai lavo­ra­to­ri, rag­giun­ti con rac­co­man­da­ta da una let­te­ra di licen­zia­men­to, è impe­di­to l’ingresso allo sta­bi­le e i mac­chi­na­ri richie­de­reb­be­ro set­ti­ma­ne di lavo­ro per esse­re riposizionati.

La Kavo Pro­me­di gode di otti­ma salu­te. Il bilan­cio è in atti­vo e non è in cri­si e quin­di la sua esi­gen­za di rior­ga­niz­za­zio­ne, spe­cie nel­le ille­ga­li moda­li­tà che ha adot­ta­to, non è accet­ta­bi­le. Pos­si­bi­le, attra­ver­so i suoi comi­ta­ti ligu­ri è sta­to tra i pri­mi par­ti­ti a denun­cia­re e con­dan­na­re la vicen­da, ad espri­me­re ai lavo­ra­to­ri col­pi­ti soli­da­rie­tà e  la rab­bia e l’in­di­gna­zio­ne di tut­ta la Città.

Attra­ver­so i nostri rap­pre­sen­tan­ti, abbia­mo chie­sto al Comu­ne di Geno­va di pren­de­re una posi­zio­ne chia­ra sull’accaduto e di ascol­ta­re l’a­zien­da nel­le com­mis­sio­ni competenti.

Con il depu­ta­to Luca Pasto­ri­no e il con­si­glie­re comu­na­le Gian­pao­lo Mala­te­sta sia­mo anda­ti alla Kavo Pro­me­di a Geno­va Ner­vi per por­ta­re la nostra soli­da­rie­tà ai lavo­ra­to­ri “scip­pa­ti” del­la loro azienda.

Il Comi­ta­to di Pos­si­bi­le Full Mon­ty, che si occu­pa di lavo­ro, ha pro­mos­so il pre­si­dio este­so poi a tut­ti i comi­ta­ti di Geno­va. Sia­mo anda­ti con focac­cia e ther­mos di caf­fè, un pic­co­lo gesto per dimo­stra­re vici­nan­za uma­na oltre che poli­ti­ca. Abbia­mo par­la­to con mol­ti di loro, trau­ma­tiz­za­ti per una vicen­da che non si sareb­be­ro mai aspet­ta­ti di vive­re, dopo così tan­ti di anni di lavo­ro pre­sta­ti con la mas­si­ma dedi­zio­ne. Abbia­mo visto dolo­re e shock nei loro occhi, ma anche la volon­tà di non demor­de­re e di difen­de­re i loro dirit­ti. Que­sta vicen­da non deve diven­ta­re un pre­ce­den­te in Ita­lia e dob­bia­mo evi­tar­lo con tut­te le for­ze.

Per que­sto moti­vo, i Comi­ta­ti ligu­ri di Pos­si­bi­le sen­to­no la neces­si­tà di una nor­ma che san­zio­ni seve­ra­men­te azio­ni come quel­le del­la Kavo Pro­me­di, affin­chè non si ripe­ta­no più.

Per que­sto moti­vo, lune­dì 15 feb­bra­io abbia­mo por­ta­to la nostra soli­da­rie­tà par­te­ci­pan­do anche alla mani­fe­sta­zio­ne in cor­teo dai can­cel­li del­l’a­zien­da in Via del Com­mer­cio 34 a Geno­va Nervi.

Cri­sti­na Gagino

Andrea Gui­duc­ci

Comi­ta­to “Lavo­ro e Mobi­li­tà — Full Monty”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.