Capitalismo di rapina (quando la delocalizzazione arriva al suo apice)

Il caso della Kavo Promedi, azienda tedesca specializzata in produzione di apparecchiature medico dentali e controllata dal gruppo statunitense Danaher, la cui succursale italiana ha sede a Genova.

 

È un dato di fat­to che le leg­gi vara­te dagli ulti­mi Gover­ni abbia­no ele­va­to il pre­ca­ria­to a dog­ma eco­no­mi­co e socia­le, crean­do una for­za lavo­ro sot­to­co­sto e poco tute­la­ta, ma per cer­ti mana­ger que­sto non è anco­ra abbastanza.

È que­sto il caso del­la Kavo Pro­me­di, azien­da tede­sca spe­cia­liz­za­ta in pro­du­zio­ne di appa­rec­chia­tu­re medi­co den­ta­li e con­trol­la­ta dal grup­po sta­tu­ni­ten­se Dana­her, la cui suc­cur­sa­le ita­lia­na ha sede a Geno­va. Nel­la sola strut­tu­ra geno­ve­se sono più di qua­ran­te i lavo­ra­to­ri occu­pa­ti sta­bi­li, ai qua­li si aggiun­go­no quel­li inte­ri­na­li, tre fis­si e altri da poco assun­ti per aumen­ta­re la pro­du­zio­ne del­lo stabilimento.

Nono­stan­te i bilan­ci in atti­vo, l’ottimo sta­to di salu­te e nuo­vi, recen­ti inve­sti­men­ti, la Kavo Pro­me­di ha deci­so di pro­ce­de­re con una rior­ga­niz­za­zio­ne azien­da­le e ripor­ta­re la pro­du­zio­ne in Ger­ma­nia.

Fin qui, non ci si stu­pi­reb­be più di tan­to (tan­ti gli esem­pi di delo­ca­liz­za­zio­ne det­ta­ti dai moti­vi più vari, che si sono suc­ce­du­ti in que­sti anni in Ita­lia), ma qual­co­sa ren­de que­sto caso “uni­co”; il rispet­to del­le pro­ce­du­re di leg­ge e dei 75 gior­ni per le comu­ni­ca­zio­ni alle par­ti socia­li, infat­ti, non deve esse­re sem­bra­to vin­co­lan­te, poi­ché la Kavo Pro­me­di ha pre­fe­ri­to per­cor­re­re un’altra strada.

In pri­mo luo­go non si è cura­ta di infor­ma­re dei suoi pro­get­ti sul­la suc­cur­sa­le di Geno­va né i lavo­ra­to­ri né i sin­da­ca­ti che ave­va­no incon­tra­to qual­che gior­no pri­ma del­le vicen­de riportate.

Poi, un vener­dì pome­rig­gio, men­tre lo sta­bi­li­men­to si avvia­va alla nor­ma­le chiu­su­ra sera­le, alcu­ni TIR sono sta­ti scien­te­men­te imbo­sca­ti nel­le sue vici­nan­ze, in atte­sa che anche l’ultimo lavo­ra­to­re ter­mi­nas­se il tur­no. Que­sto traf­fi­co ano­ma­lo non è pas­sa­to inos­ser­va­to (sia­mo a Ner­vi, tran­quil­la loca­li­tà del levan­te geno­ve­se ed inol­tre in una zona abba­stan­za iso­la­ta e quin­di deci­sa­men­te poco traf­fi­ca­ta) ma sul momen­to non ha susci­ta­to par­ti­co­la­ri curio­si­tà e soprat­tut­to allarmi.

Col favo­re del­la not­te e pro­tet­ta da guar­die arma­te, la Kavo Pro­me­di ha ini­zia­to le ope­ra­zio­ni di cari­co di tut­ti i mac­chi­na­ri pre­sen­ti per tra­sfe­rir­li altro­ve, lascian­do il capan­no­ne deso­la­ta­men­te vuo­to.

Sono sta­ti pro­prio i lavo­ra­to­ri (uno di loro è pas­sa­to per caso nei pres­si dell’azienda e inso­spet­ti­to dal traf­fi­co all’interno dell’azienda ha volu­to capi­re cosa stes­se acca­den­do ed ha avvi­sa­to gli altri) ad inter­ve­ni­re per pri­mi sul posto bloc­can­do saba­to pri­mo pome­rig­gio le ope­ra­zio­ni ed impe­den­do che gli ulti­mi mac­chi­na­ri lascias­se­ro lo sta­bi­le. Sen­za la loro pron­tez­za di spi­ri­to, il rapi­do inter­ven­to del­le For­ze dell’Ordine, dei sin­da­ca­ti e la soli­da­rie­tà di tut­ta la cit­tà con asses­so­ri regio­na­li e comu­na­li, gli sareb­be scom­par­sa l’a­zien­da e si sareb­be­ro ritro­va­ti da un gior­no all’altro sen­za lavo­ro. E’ sta­to solo gra­zie alla pre­sen­za in fab­bri­ca dei lavo­ra­to­ri che non è sta­to pos­si­bi­le pro­se­gui­re con lo sman­tel­la­men­to dei capan­no­ni (anzi, gli ope­rai han­no anche fat­to sca­ri­ca­re alcu­ni mac­chi­na­ri dai TIR).

Al momen­to la Kavo Pro­me­di si è vista costret­ta a rinun­cia­re  al suo “capi­ta­li­smo da rapi­na”, ma non ha tut­ta­via rinun­cia­to alla sua rior­ga­niz­za­zio­ne in Ger­ma­nia, che sarà ogget­to del pros­si­mo nego­zia­to e al qua­le è sta­ta obbli­ga­ta con­tro­vo­glia. Nel frat­tem­po la pro­du­zio­ne è fer­ma: ai lavo­ra­to­ri, rag­giun­ti con rac­co­man­da­ta da una let­te­ra di licen­zia­men­to, è impe­di­to l’ingresso allo sta­bi­le e i mac­chi­na­ri richie­de­reb­be­ro set­ti­ma­ne di lavo­ro per esse­re riposizionati.

La Kavo Pro­me­di gode di otti­ma salu­te. Il bilan­cio è in atti­vo e non è in cri­si e quin­di la sua esi­gen­za di rior­ga­niz­za­zio­ne, spe­cie nel­le ille­ga­li moda­li­tà che ha adot­ta­to, non è accet­ta­bi­le. Pos­si­bi­le, attra­ver­so i suoi comi­ta­ti ligu­ri è sta­to tra i pri­mi par­ti­ti a denun­cia­re e con­dan­na­re la vicen­da, ad espri­me­re ai lavo­ra­to­ri col­pi­ti soli­da­rie­tà e  la rab­bia e l’in­di­gna­zio­ne di tut­ta la Città.

Attra­ver­so i nostri rap­pre­sen­tan­ti, abbia­mo chie­sto al Comu­ne di Geno­va di pren­de­re una posi­zio­ne chia­ra sull’accaduto e di ascol­ta­re l’a­zien­da nel­le com­mis­sio­ni competenti.

Con il depu­ta­to Luca Pasto­ri­no e il con­si­glie­re comu­na­le Gian­pao­lo Mala­te­sta sia­mo anda­ti alla Kavo Pro­me­di a Geno­va Ner­vi per por­ta­re la nostra soli­da­rie­tà ai lavo­ra­to­ri “scip­pa­ti” del­la loro azienda.

Il Comi­ta­to di Pos­si­bi­le Full Mon­ty, che si occu­pa di lavo­ro, ha pro­mos­so il pre­si­dio este­so poi a tut­ti i comi­ta­ti di Geno­va. Sia­mo anda­ti con focac­cia e ther­mos di caf­fè, un pic­co­lo gesto per dimo­stra­re vici­nan­za uma­na oltre che poli­ti­ca. Abbia­mo par­la­to con mol­ti di loro, trau­ma­tiz­za­ti per una vicen­da che non si sareb­be­ro mai aspet­ta­ti di vive­re, dopo così tan­ti di anni di lavo­ro pre­sta­ti con la mas­si­ma dedi­zio­ne. Abbia­mo visto dolo­re e shock nei loro occhi, ma anche la volon­tà di non demor­de­re e di difen­de­re i loro dirit­ti. Que­sta vicen­da non deve diven­ta­re un pre­ce­den­te in Ita­lia e dob­bia­mo evi­tar­lo con tut­te le for­ze.

Per que­sto moti­vo, i Comi­ta­ti ligu­ri di Pos­si­bi­le sen­to­no la neces­si­tà di una nor­ma che san­zio­ni seve­ra­men­te azio­ni come quel­le del­la Kavo Pro­me­di, affin­chè non si ripe­ta­no più.

Per que­sto moti­vo, lune­dì 15 feb­bra­io abbia­mo por­ta­to la nostra soli­da­rie­tà par­te­ci­pan­do anche alla mani­fe­sta­zio­ne in cor­teo dai can­cel­li del­l’a­zien­da in Via del Com­mer­cio 34 a Geno­va Nervi.

Cri­sti­na Gagino

Andrea Gui­duc­ci

Comi­ta­to “Lavo­ro e Mobi­li­tà — Full Monty”

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.