Caccia al nigeriano, Possibile interroga Minniti: “Governo rispetti diritti umani”

L'intervista di Andrea Maestri per Fanpage.it.

Il tele­gram­ma invia­to dal Vimi­na­le a tut­te le Que­stu­re con cui si apre la “cac­cia” ai nige­ria­ni (“mira­ti ser­vi­zi fina­liz­za­ti al rintraccio“secondo il buro­cra­ti­co ita­lia­no del mes­sag­gio) arri­va alla Came­ra con un’in­ter­ro­ga­zio­ne del depu­ta­to di Pos­si­bi­le Andrea Mae­stri che pun­ta il dito con­tro una atto che defi­ni­sce inac­cet­ta­bi­le: «Qui non è “solo” poli­ti­ca: qui, oggi, – ci dice il depu­ta­to Mae­stri – si sta facen­do scem­pio di un patri­mo­nio di valo­ri e rego­le di civil­tà, che sono scrit­ti nel­la Costi­tu­zio­ne e sopra di essa, nel­le Con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li in mate­ria di rispet­to dei dirit­ti umani.»

Nel­l’in­ter­ro­ga­zio­ne Mae­stri espri­me la pro­pria pre­oc­cu­pa­zio­ne per le moda­li­tà di rin­trac­cio a par­ti­re dal­le «audi­zio­ni che, a giu­di­zio degli inter­ro­gan­ti, per il poco tem­po a dispo­si­zio­ne – si leg­ge – per il rag­giun­gi­men­to dell’obiettivo,  non veri­fi­che­ran­no senz’altro le rea­li moti­va­zio­ni ed esi­gen­ze dei cit­ta­di­ni nige­ria­ni pre­sen­ti in Ita­lia, come ad esem­pio del­le don­ne vit­ti­me di trat­ta. Oppu­re, non ver­ran­no infor­ma­ti in modo esau­sti­vo e com­ple­to sul­la pro­ce­du­ra di richie­sta del­la pro­te­zio­ne inter­na­zio­na­le» e dal “chia­ro obiet­ti­vo di dimo­stra­re che l’ac­cor­do con la Nige­ria è uti­le e fun­zio­na, come secon­do il Gover­no lo è quel­lo fir­ma­to ad ago­sto con il Sudan e come lo saran­no quel­li che saran­no fir­ma­ti con altri pae­si afri­ca­ni come il Niger, Mali, Sene­gal ed Etio­pia nel futu­ro, anche gra­zie alla pro­po­sta ita­lia­na alla Ue del Migra­tion com­pact, che nascon­de, die­tro agli aiu­ti alla coo­pe­ra­zio­ne e allo svi­lup­po, accor­di con i pae­si afri­ca­ni per la rego­la­men­ta­zio­ne dei flus­si che, con le azio­ni di espul­sio­ne col­let­ti­va fat­te sul­la base del­la nazio­na­li­tà, quin­di discri­mi­na­to­rie e che non valu­ta­no caso per caso ogni per­so­na, sono una  pale­se vio­la­zio­ne dei dirit­ti uma­ni e del­la leg­ge italiana”.

Con­ti­nua a leg­ge­re sul sito di Fan­Pa­ge.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.