Tra Brexit, campi profughi e corridoi umanitari: i confini dell’UE nel 2016

Nel 2016, hanno ancora senso i confini? Come possiamo accettare questo rinchiudersi nelle proprie case, dopo che abbiamo sperimentato anni di crescita e prosperità in concomitanza con la caduta delle frontiere, quando siamo stati orgogliosi della nostra appartenenza ad una comunità più ampia e vogliosi di accogliere chi fuggiva da guerre e miseria?
confini

Nel 1991 si dis­sol­ve­va l’Unione Sovie­ti­ca, a due anni dal­la cadu­ta di un muro che è sem­pre sta­to sim­bo­lo di divi­sio­ne. Nel novem­bre del 1989, a Ber­li­no, il muro cade­va a signi­fi­ca­re la riu­ni­fi­ca­zio­ne di una cit­tà e, pochi anni dopo, di una nazio­ne che fu puni­ta alla fine del­la secon­da guer­ra mon­dia­le e che fu spar­ti­ta tra le poten­ze che scon­fis­se­ro il nazismo.

Quell’apertura signi­fi­cò tan­to nel pro­ces­so di inte­gra­zio­ne dell’Europa e la dis­so­lu­zio­ne dell’URSS spin­se il pro­ces­so di demo­cra­tiz­za­zio­ne del con­ti­nen­te. Tan­to che nel 1991 un’icona pop per i bam­bi­ni ita­lia­ni can­ta­va “l’Europa sia­mo noi, milio­ni di per­so­ne”. In que­gli anni, ric­chi di novi­tà, entrò in vigo­re il trat­ta­to di Schen­gen che nel 1996 ha por­ta­to alla cadu­ta del­le pri­me fron­tie­re inter­ne dell’Unione. In que­gli anni le bar­rie­re doga­na­li, all’interno dell’Unione Euro­pea, cade­va­no una dopo l’altra. Nel 1999 nac­que la mone­ta uni­ca e i con­fi­ni inter­ni era­no un ricor­do del pas­sa­to.

Fast for­ward al 2015: il Medi­ter­ra­neo è una tom­ba a cie­lo aper­to da ora­mai qual­che anno, attra­ver­so la rot­ta bal­ca­ni­ca sem­pre più per­so­ne fug­go­no da guer­re e dit­ta­tu­re e in Euro­pa si comin­cia a par­la­re di inter­rom­pe­re la libe­ra cir­co­la­zio­ne del­le per­so­ne. La Gran Bre­ta­gna annun­cia un refe­ren­dum per usci­re dall’Unione Euro­pea e l’Unione sti­pu­la un accor­do miliar­da­rio con la Tur­chia per fer­ma­re il flus­so di migran­ti.

Come se non bastas­se, anche i con­fi­ni inter­ni dell’Unione ven­go­no ripri­sti­na­ti. Si par­la di costrui­re una rete al con­fi­ne tra Ita­lia e Austria lun­go l’autostrada del Bren­ne­ro, l’Ungheria annun­cia la crea­zio­ne di un muro di fron­tie­ra con la Ser­bia e l’Euro­pa si rifà for­tez­za, que­sta vol­ta non solo ver­so l’esterno, ver­so “i bar­ba­ri” che la voglio­no colo­niz­za­re — nel­la vul­ga­ta del­le destre xeno­fo­be — ma anche ver­so l’interno, in una reto­ri­ca che comin­cia a crea­re divi­sio­ni anche tra i pae­si mem­bri.

Con que­sto arti­co­lo ponia­mo alcu­ne doman­de: nel 2016, han­no anco­ra sen­so i con­fi­ni? Come pos­sia­mo accet­ta­re que­sto rin­chiu­der­si nel­le pro­prie case, dopo che abbia­mo spe­ri­men­ta­to anni di cre­sci­ta e pro­spe­ri­tà in con­co­mi­tan­za con la cadu­ta del­le fron­tie­re, quan­do sia­mo sta­ti orgo­glio­si del­la nostra appar­te­nen­za ad una comu­ni­tà più ampia e voglio­si di acco­glie­re chi fug­gi­va da guer­re e miseria?

For­se con que­ste doman­de non strap­pe­rem­mo un ago­gna­to 15 alla pro­va di matu­ri­tà, ma è par­ten­do da que­ste doman­de che ogni gior­no lavo­ria­mo per crea­re degli spa­zi più acco­glien­ti e una poli­ti­ca migra­to­ria che non sia puni­ti­va.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.