Bene, ora sappiate che quel referendum è nullo

Assistiamo a un surreale dibattito che si ostina a prendere sul serio ciò che serio non è: concedere a Zaia e Maroni di dirci che ne vogliono fare del risultato del referendum, discuterne, buttarsi sull'analisi delle loro parole significa legittimare il nulla elettorale
maroni-zaia

[vc_row][vc_column][vc_column_text]L’abbiamo det­to, scrit­to e spie­ga­to in tut­ti i modi che i refe­ren­dum leghi­sti (meglio: lan­cia­ti dal­la Lega ma ter­ri­bil­men­te lar­ghi nel­le inte­se come va di moda di que­sti tem­pi) sono car­ta strac­cia se valu­ta­ti nel­la rea­le inci­si­vi­tà poli­ti­ca, come ha scrit­to Ste­fa­no Cato­ne qui. L’ab­bia­mo det­to e lo ripe­tia­mo oggi, anche se Zaia cam­peg­gia su tut­te le pri­me pagi­ne (con sul­lo sfon­do un depres­so Maro­ni accol­tel­la­to dal­le beghe di par­ti­to come nel­la miglio­re tra­di­zio­ne del­le idi di mar­zo, sep­pu­re a otto­bre) e anche se improv­vi­sa­men­te il tur­bo fede­ra­li­smo è tor­na­to pre­po­ten­te di moda come in un anno ’90 qualsiasi.

È ine­vi­ta­bi­le anche che se doma­ni pro­po­nes­si­mo un refe­ren­dum che chie­de “vole­te bene alla mam­ma?” avrem­mo sul piat­to un altro ple­bi­sci­to del­le stes­se pro­por­zio­ne e del­la stes­sa uti­li­tà di que­sti appe­na pas­sa­ti eppu­re anche oggi, come già acca­du­to nel­la cam­pa­gna refe­ren­da­ria, assi­stia­mo a un sur­rea­le dibat­ti­to che si osti­na a pren­de­re sul serio ciò che serio non è: con­ce­de­re a Zaia e Maro­ni di dir­ci che ne voglio­no fare del risul­ta­to del refe­ren­dum, discu­ter­ne, but­tar­si sul­l’a­na­li­si del­le loro paro­le signi­fi­ca legit­ti­ma­re il nul­la elet­to­ra­le su un tema seris­si­mo come quel­lo del­le auto­no­mie (ne scri­ve bene Tho­mas Castan­gia qui).

Per que­sto il dan­no, se pos­si­bi­le, è addi­rit­tu­ra dop­pio: da una par­te si è pre­sta­to il fian­co alla pro­pa­gan­da men­tre dal­l’al­tra si è but­ta­ta via l’oc­ca­sio­ne di discu­te­re seria­men­te del­l’au­to­no­mi­smo regio­na­le che è meri­te­reb­be qual­co­sa di più di un pol­pa­strel­lo su un tablet per rispon­de­re a un que­si­to gene­ri­co. In que­sta fase poli­ti­ca tut­ta alla rin­cor­sa di temi che duri­no il tem­po di uno spot si è bru­cia­ta l’oc­ca­sio­ne di discu­te­re di rifor­me che ser­vi­reb­be­ro dav­ve­ro e, soprat­tut­to, per l’en­ne­si­ma vol­ta si è per­sa l’oc­ca­sio­ne di sta­re nel meri­to del­la questione.

Per­ché è ter­ri­bil­men­te seria la poli­ti­ca, trop­po seria per diven­ta­re un refe­ren­dum nul­lo. Trop­po seria per per­met­ter­si di con­ti­nua­re a disat­ten­de­re spe­ran­ze.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.