Basta ipocrisia sulla #cannabislegale

Il servizio sulla #cannabislegale delle Iene di qualche giorno fa ha destato scandalo nella destra proibizionista, che lo ha commentato con la consueta carenza di ironia compensata da una traboccante ipocrisia.
IMG_8015

Il ser­vi­zio sul­la #can­na­bi­sle­ga­le del­le Iene di qual­che gior­no fa ha desta­to scan­da­lo nel­la destra proi­bi­zio­ni­sta, che lo ha com­men­ta­to con la con­sue­ta caren­za di iro­nia com­pen­sa­ta da una tra­boc­can­te ipocrisia.

Un’ipocrisia a cui è ora di dire basta!

Io non mi sono mai fat­to una can­na in vita mia, non fumo e bevo con mol­ta mode­ra­zio­ne solo San­gio­ve­se e Cagni­na. Eppu­re non sono in Par­la­men­to a rap­pre­sen­ta­re me stes­so: sono qui per cer­ca­re di fare cose buo­ne e uti­li per il mio Paese.

IMG_8015

Tra que­ste com­bat­te­re le mafie e i loro traf­fi­ci. Lega­liz­za­re (non libe­ra­liz­za­re, cari male infor­ma­ti) la can­na­bis (e non tut­te le dro­ghe, tan­to meno quel­le pesan­ti) signi­fi­ca toglie­re gua­da­gni alla cri­mi­na­li­tà, ave­re più sicu­rez­za nel­le stra­de libe­ran­do­li da pusher e spac­cia­to­ri, con­trol­la­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za del pro­dot­to, evi­ta­re di cri­mi­na­liz­za­re tan­ti gio­va­ni che ne fan­no comun­que uso (e che, lega­le o no, con­ti­nue­ran­no a far­lo). Lo dice la Pro­cu­ra Nazio­na­le Anti­ma­fia. E sul­l’uso tera­peu­ti­co sono d’ac­cor­do non solo i medi­ci (ciò che dovreb­be basta­re), ma anche mol­ti ultra­cat­to­li­ci inte­gra­li­sti. E con le risor­se che lo Sta­to introi­te­reb­be, si potreb­be­ro fare serie poli­ti­che di pre­ven­zio­ne e ridu­zio­ne del dan­no, a tute­la del­la salu­te dei cit­ta­di­ni.

Lega­liz­za­re signi­fi­ca con­trol­la­re di più e meglio la sostan­za e la sua dif­fu­sio­ne, e rovi­na­re gli affa­ri alla mala­vi­ta. Solo gli ipo­cri­ti e i proi­bi­zio­ni­sti selet­ti­vi (per­ché non proi­bi­re anche alcool e siga­ret­te?) con­ti­nua­no ottu­sa­men­te ad oppor­si ad una con­sa­pe­vo­lez­za che nel­la socie­tà civi­le è già matu­ra­ta ma che il ceto poli­ti­co non sa o non vuo­le ascoltare.”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata. 
Non basta il 1 dicembre ma serve un impegno deciso, strutturato, permanente capace di superare il mero approccio sanitario e di prevenzione e di guardare oltre, anche alla qualità della vita e alla piena inclusione delle persone sierocoinvolte. Per liberarle da uno stigma che viene dato loro da una società che ha ancora paura di affrontare questo tema.