Barca ha torto (di nuovo)

Questa riforma non contiene "piccoli miglioramenti e piccoli difetti" "che si bilanciano" e che semplicemente "andranno gestiti", come scrive Barca, ma prosegue nel lento scivolamento verso la limitazione degli spazi decisionali e democratici dei cittadini, e per questo serve schierarsi e bocciarla.

L’al­tro gior­no discu­te­vo con un com­pa­gno di par­ti­to che vole­va inse­ri­re in un volan­ti­no scrit­to di suo pugno un paral­le­lo tra que­sta rifor­ma costi­tu­zio­na­le e il famo­so pia­no di rina­sci­ta demo­cra­ti­ca di Licio Gel­li. Ho poco più di qua­ran­t’an­ni ed è alme­no la ter­za vol­ta che sen­to usa­re quel paral­le­lo, e ormai non mi chie­do nem­me­no più se sia vero, se dav­ve­ro Ren­zi e Boschi, per quan­to cor­re­gio­na­li di Gel­li, stia­no attuan­do un pia­no ever­si­vo-mas­so­ni­co o sem­pli­ce­men­te pro­muo­ven­do una brut­ta rifor­ma che, in quan­to brut­ta, somi­glia a qual­sia­si altro pia­no brut­to si met­ta in atto, fos­se anche del­la Spec­tre. Non me lo chie­do, per­ché ho l’im­pres­sio­ne che l’ar­go­men­to non fac­cia pre­sa — su di me non lo fa, per inci­so — e per­ché appun­to pre­fi­gu­ra cat­ti­vi da film di spio­nag­gio che acca­rez­za­no gat­ti sen­za pelo riden­do sardonicamente.

I fat­ti sono più noio­si, e dico­no che no, se que­sta brut­ta rifor­ma vin­ce­rà il refe­ren­dum di dicem­bre non avre­mo la dit­ta­tu­ra, non vedre­mo i mili­ta­ri mar­cia­re a pas­so del­l’o­ca per le stra­de, e quin­di è vero, come scri­ve Fabri­zio Bar­ca in una serie di elu­cu­bra­zio­ni per le qua­li è da qual­che gior­no ogget­to del­le iro­nie del­la rete (e non è la pri­ma vol­ta), che è inu­ti­le “ecci­ta­re l’e­le­fan­te”, come scri­ve (curio­sa scel­ta meta­fo­ri­ca, ma nem­me­no in que­sto caso è la pri­ma vol­ta), ovve­ro arro­ven­ta­re il dibat­ti­to evo­can­do la fine del mon­do in caso di un esi­to o di un altro. Ma non per­ché que­sta rifor­ma con­tie­ne “pic­co­li miglio­ra­men­ti e pic­co­li difet­ti” che “si bilan­cia­no” e che sem­pli­ce­men­te “andran­no gesti­ti”, come scri­ve lui, ma per­ché mol­to più banal­men­te pro­se­gue nel len­to sci­vo­la­men­to ver­so la limi­ta­zio­ne degli spa­zi deci­sio­na­li e demo­cra­ti­ci dei cit­ta­di­ni. Pun­to. E que­sto è più che suf­fi­cien­te per richia­ma­re al dove­re di pren­de­re una posi­zio­ne, altro che l’ ”asten­sio­ne atti­va” che pre­di­ca lui.

Que­sto non per­ché lo dica io, ma per­ché si trat­ta di un feno­me­no glo­ba­le e da qual­che tem­po anche mol­to ita­lia­no: c’è un’Eu­ro­pa gover­na­ta da poli­ti­che inca­pa­ci di cam­bia­re di segno e di pro­por­re solu­zio­ni alter­na­ti­ve tra di loro a pre­scin­de­re dal­l’o­rien­ta­men­to di par­ten­za di chi la gui­da, e da ben cin­que anni que­sto Pae­se è gover­na­to da ese­cu­ti­vi che, per quan­to espres­sio­ne di una demo­cra­zia par­la­men­ta­re, in nes­sun caso deri­va­no da una cam­pa­gna elet­to­ra­le in cui ave­va­no pre­sen­ta­to ai cit­ta­di­ni, chie­den­do il loro voto, ciò che poi effet­ti­va­men­te han­no legiferato.

No, il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le non è in effet­ti la cal­de­ra di Yel­lo­w­sto­ne in un film di Emme­rich, che una mat­ti­na improv­vi­sa­men­te esplo­de e fini­sce il mon­do, ma que­sto è un Pae­se che ha già allon­ta­na­to metà del suo cor­po elet­to­ra­le dal voto e che si ritro­va gover­na­to da for­mu­le che l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca com­pat­ta­men­te descri­ve esse­re sen­za alter­na­ti­ve, aggiun­ger­ci il cari­co da 90 can­cel­lan­do la pos­si­bi­li­tà di eleg­ge­re i sena­to­ri (tra le altre cose), non sem­bra esse­re una gran­de idea.

Infi­ne, è da rispe­di­re al mit­ten­te l’i­dea che tut­to il dibat­ti­to sia descrit­to come un “ele­fan­te ecci­ta­to”, è offen­si­vo nei con­fron­ti di colo­ro, e sono tan­ti, che vote­ran­no sul­la base di ragio­ni, e non di sen­ti­men­ti “ecci­ta­ti”. Allo stes­so modo que­sto ter­zi­smo di ritor­no, che sem­bra così intel­li­gen­te e pon­de­ra­to su car­ta, mi chie­do, fun­zio­na? Que­sta cosa di dare un pes­si­mo giu­di­zio del dibat­ti­to, e poi di usar­lo come moti­vo per non par­te­ci­par­vi (a meno che non si rice­va una fin­ta tele­fo­na­ta da un pro­gram­ma radio­fo­ni­co, che disve­la quel­li che evi­den­te­men­te sono ben altri sen­ti­men­ti), dav­ve­ro con­tri­bui­sce a miglio­ra­re qual­co­sa? Un paio di anni fa Bar­ca sosten­ne che il cam­bia­men­to del Pd sareb­be venu­to non dal­la par­te­ci­pa­zio­ne ai suoi pro­ces­si com­ples­si­vi, ma dal­la col­ti­va­zio­ne di pro­get­ti loca­li: che insom­ma il Pd si sareb­be sal­va­to dal­le clien­te­le, dal­la fin­ta demo­cra­zia, dal tra­sfor­mi­smo poli­ti­co, dal crol­lo del­la par­te­ci­pa­zio­ne igno­ran­do tut­ti que­sti pro­ble­mi e i suoi ben noti respon­sa­bi­li e rifu­gian­do­si al cir­co­lo per occu­par­si del quar­tie­re. I risul­ta­ti son lì da vedere.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.