Barca e Civati per il partito nuovo

Schermata 2013-12-01 alle 08.06.13Un anno fa, di que­sti tem­pi, Fabri­zio Bar­ca era il mini­stro per la Coe­sio­ne Ter­ri­to­ria­le nel gover­no Mon­ti, e fra tut­ti i tec­ni­ci del­la com­pa­gi­ne si sta­va met­ten­do in luce per i meto­di inno­va­ti­vi che appli­ca­va alla gestio­ne del­la cosa pub­bli­ca. Pri­mo fra tut­ti lo spe­ri­men­ta­li­smo, che con­net­te con veri­fi­ca costan­te l’Eu­ro­pa e le peri­fe­rie, le comu­ni­tà loca­li e l’e­ro­ga­zio­ne di fon­di, il pub­bli­co e il pri­va­to, inter­net e il pia­no fisi­co, L’A­qui­la da rico­strui­re e il Sul­cis da sal­va­re. In paral­le­lo, que­sto bril­lan­te pro­fes­so­re di soli­da ascen­den­za comu­ni­sta e for­ma­zio­ne acca­de­mi­ca, sta­va col­ti­van­do l’in­te­res­se più gran­de, ovve­ro occu­par­si di dare una teo­ria del­l’a­zio­ne poli­ti­ca ‑for­se la pri­ma orga­ni­ca in ven­t’an­ni- al cor­po del­la sini­stra ita­lia­na, con­qui­stan­do mol­ti gra­zie anche all’e­lo­quio flui­do, appas­sio­na­to e con­vin­cen­te quan­to luci­do e asser­ti­vo, sfo­de­ra­to duran­te le tra­smis­sio­ni tele­vi­si­ve che già se ne con­ten­de­va­no la pre­sen­za a caval­lo del­l’an­no in cor­so. Tan­to da auspi­ca­re un ruo­lo di peso in quel­lo che sareb­be dovu­to esse­re il ven­tu­ro gover­no Ber­sa­ni, o in alter­na­ti­va la costru­zio­ne dal­le fon­da­men­ta di un sog­get­to uni­co del­la sini­stra di gover­no, pro­ta­go­ni­sta con una pro­pria iden­ti­tà e in gra­do di deter­mi­na­re la linea dell’esecutivo.

barca gruber Le ele­zio­ni sono anda­te come sap­pia­mo, ma Bar­ca con­ti­nuò ad acca­rez­za­re l’i­dea di un impe­gno diret­to nel Par­ti­to Demo­cra­ti­co, dap­pri­ma iscri­ven­do­si alla sto­ri­ca sezio­ne roma­na di via dei Giub­bo­na­ri, poi pub­bli­can­do il 12 apri­le una “memo­ria” che par­las­se anche a Sini­stra Eco­lo­gia e Liber­tà, infi­ne entran­do nel già infuo­ca­to e disa­stro­so per­cor­so del PD duran­te i gior­ni del Qui­ri­na­le, attra­ver­so un tweet che defi­ni­va «incom­pren­si­bi­le» la rinun­cia a ragio­na­re sul nome di Ste­fa­no Rodo­tà. La stra­da di Bar­ca era trac­cia­ta, e dovun­que andas­se a pre­sen­ta­re il suo docu­men­to ‑dal tito­lo “Un par­ti­to nuo­vo per un buon gover­no”- nei cir­co­li demo­cra­ti­ci come in altre assem­blee pub­bli­che il pie­no­ne era assi­cu­ra­to. In pochi mesi Fabri­zio Bar­ca, le sue teo­rie e la for­ma men­tis che rive­la­no, sono diven­ta­ti ‑a dif­fe­ren­za del­le deci­sio­ni pre­se dai diri­gen­ti, pri­ma fra tut­te le lar­ghe inte­se con le destre- i depo­si­ta­ri del­le inten­zio­ni e dei pro­po­si­ti di buo­na par­te del­l’e­let­to­ra­to di sini­stra, che qua­si una­ni­me­men­te gli rico­no­sce una visio­ne di medio-lun­go perio­do spes­so assen­te nei discor­si poli­ti­ci, la capa­ci­tà di aggre­ga­re sog­get­ti attor­no a un sin­go­lo tema, il riscat­to par­te­ci­pa­ti­vo dopo anni (for­se decen­ni) di deci­sio­ni al ver­ti­ce: figlio di par­ti­gia­no cat­to­li­co e con master a Cam­brid­ge, col­to e prag­ma­ti­co, valo­ria­le e ope­ra­ti­vo, in Bar­ca talu­ni scor­go­no un nuo­vo ere­de di Roma­no Prodi.

fabrizio-barca-a-Cagliari “La tra­ver­sa­ta” del Pae­se, che Bar­ca ha com­piu­to nel 2013 assie­me a un nucleo di affia­ta­ti col­la­bo­ra­to­ri, già pro­ve­nien­ti dal­l’e­spe­rien­za al mini­ste­ro (tra l’al­tro, uno dei pochi enti di quel livel­lo a dia­lo­ga­re bene su twit­ter), nel ren­der­gli il mate­ria­le per un volu­me di pub­bli­ca­zio­ne ancor recen­te, ha dimo­stra­to al pro­fes­so­re quan­to in Ita­lia sia faci­le ade­ri­re a del­le tesi sen­za pro­ble­ma­tiz­zar­le: è sta­to il pri­mo, nel cor­so di ogni incon­tro, a stig­ma­tiz­za­re l’atti­tu­di­ne una­ni­mi­sta e poco dia­lo­gi­ca con cui vie­ne a vol­te trat­ta­to il model­lo di par­ti­to e di rap­por­to con l’am­mi­ni­stra­zio­ne che ha in men­te, in luo­go di un con­ti­nuo met­ter­si in discus­sio­ne. Una pra­ti­ca che si riscon­tra facil­men­te, ascen­den­do alle radi­ci dei com­por­ta­men­ti abi­tu­di­na­ri nel­la Secon­da Repub­bli­ca, perio­do di faci­li entu­sia­smi e altret­tan­to velo­ci oblii: nel Pae­se dove si è gio­va­ni anche oltre i qua­ran­t’an­ni, un homo novus rischia di “bru­ciar­si” nel­l’ar­co di pochi mesi, se non vie­ne mes­so nel­la con­di­zio­ne di dimo­stra­re la pro­pria alte­ri­tà siste­ma­ti­ca e a inge­ne­ra­re un biso­gno d’at­ten­zio­ne che esu­li dal­la per­so­na e incro­ci inve­ce le tesi. Non così per Bar­ca, evi­den­te­men­te espres­sio­ne di una man­can­za rea­le, e non di rado evo­ca­to da mili­tan­ti e atti­vi­sti come “la solu­zio­ne”. Che ‑lui stes­so è il pri­mo a rico­no­sce­re- sta in ciò che scri­ve più che in una can­di­da­tu­ra diret­ta a reg­ge­re le sor­ti del PD, vista come disat­te­sa, ma peral­tro linea­re per un iscrit­to da soli pochi mesi.

civati barca left Vale fare un pas­so indie­tro. Nel­lo sti­mo­lo teo­ri­co, di dover esse­re, pub­bli­ca­to ad apri­le, Bar­ca espo­ne argo­men­ta­zio­ni che pre­ven­go­no un pro­gram­ma di gover­no, essen­do foca­liz­za­te al modo in cui una for­ma­zio­ne poli­ti­ca del­la sini­stra assu­me le pro­prie deci­sio­ni, e le por­ta nel­la sede di solu­zio­ne dei pro­ble­mi del­la comu­ni­tà: il faro è la cosid­det­ta mobi­li­ta­zio­ne cogni­ti­va, ovve­ro l’ac­qui­si­zio­ne del­le mas­si­me cono­scen­ze dispo­ni­bi­li e dif­fu­se, pri­ma di dare rispo­ste ope­ra­ti­ve e isti­tu­zio­na­li, in un con­fron­to che si vuo­le sia «acce­so, aper­to, ragio­ne­vo­le», che guar­di all’in­no­va­zio­ne ma non dimen­ti­chi sostan­ti­vi qua­li “casa” e “memo­ria”, affin­ché par­ti­to e Sta­to sia­no due enti­tà sepa­ra­te in con­ti­nua dia­let­ti­ca «sfi­dan­te». Un diver­so modo di finan­zia­re pub­bli­ca­men­te la poli­ti­ca con respon­sa­bi­li­tà, no a dop­pi inca­ri­chi: da col­let­to­re dei biso­gni il par­ti­to deve far­si pale­stra per la pra­ti­ca quo­ti­dia­na del­le solu­zio­ni, respon­sa­bi­liz­zan­do i gio­va­ni che sa aggre­ga­re e non postu­lan­do la pro­pria esau­sti­vi­tà socia­le. Una alter­na­ti­va alle social­de­mo­cra­zie mai pra­ti­ca­te in Ita­lia e soprat­tut­to al “mini­ma­li­smo” (il ter­mi­ne che il pro­fes­so­re ado­pe­ra in luo­go di libe­ri­smo), ver­so la for­ma­zio­ne di una vera clas­se diri­gen­te, inclu­si­va del­le intel­li­gen­ze outsi­der spes­so mor­ti­fi­ca­te nel sacri­fi­cio agli inte­res­si di potere.

civati barca Lun­go que­sto per­cor­so, Fabri­zio Bar­ca non pote­va non incon­tra­re Giu­sep­pe Civa­ti. A par­ti­re dal­la stig­ma­tiz­za­zio­ne di un’an­ti­po­li­ti­ca che è diven­ta­ta ‑nel­le paro­le del­la “memo­ria”- «segre­ga­zio­ne comu­ni­ta­ria», e dal­l’u­so del­la Rete come col­let­to­re impor­tan­te anche se non asso­lu­to, le idee del can­di­da­to alla segre­te­ria nazio­na­le del PD han­no sapu­to natu­ral­men­te con­ver­ge­re con il pen­sie­ro poli­ti­co del pro­fes­so­re, pri­ma di tut­to a livel­lo meto­do­lo­gi­co: Bar­ca rico­no­sce a Civa­ti l’uni­ci­tà nel dare rispo­ste alle que­stio­ni poste sul cam­po, in un con­ti­nuo scam­bio che avvie­ne nei rispet­ti­vi spa­zi web. Accre­sciu­to nel calo­re del [W]-days reg­gia­ni di luglio e nel ragio­na­men­to pro­lun­ga­to di una pre­sen­ta­zio­ne mila­ne­se del­la “Tra­ver­sa­ta”, il fee­ling diven­ta con­sen­so con­gres­sua­le e pub­bli­co endor­se­ment nei gior­ni d’au­tun­no: là dove Civa­ti ipo­tiz­za una sola fon­da­zio­ne del PD, dedi­ca­ta agli stu­di del­le for­me del­la poli­ti­ca, pen­san­do a una pre­si­den­za di Bar­ca, que­st’ul­ti­mo rom­pe gli indu­gi e dichia­ra il pro­prio soste­gno al depu­ta­to mon­ze­se in vista del­le pri­ma­rie dell’8 dicem­bre. Per chi ha segui­to le vicen­de tumul­tuo­se del­la sini­stra negli ulti­mi dodi­ci mesi, un cer­chio si chiu­de e un pas­so in avan­ti si com­pie, del tut­to logi­co e coe­ren­te alle pro­prie stes­se pre­mes­se, ver­so il par­ti­to nuo­vo qua­le con­di­zio­ne neces­sa­ria al futu­ro buon gover­no del centrosinistra.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.