Auto elettriche: è l’ora della rivoluzione?

Le rivoluzioni tecnologiche si preparano nel tempo, non si improvvisano. Poi può capitare che ci travolgano d'un tratto con la loro potenza, come se sbucassero dal nulla.

Le rivo­lu­zio­ni tec­no­lo­gi­che si pre­pa­ra­no nel tem­po, non si improv­vi­sa­no. Poi può capi­ta­re che ci tra­vol­ga­no d’un trat­to con la loro poten­za, come se sbu­cas­se­ro dal nulla.

Pen­sa­te ai mani­scal­chi che fer­ra­va­no i caval­li, tra­vol­ti dal­la dif­fu­sio­ne di moto­ci­cli, auto­mo­bi­li ed auto­car­ri. Pen­sa­te a chi fino agli anni ’60 ven­de­va car­bo­ne per il riscal­da­men­to del­le case, tra­vol­to dal­lo svi­lup­po del­le reti di gas cit­ta­di­ne. Pen­sa­te a chi pro­du­ce­va mac­chi­ne da scri­ve­re negli anni ottan­ta tra­vol­to dal trion­fo dei per­so­nal com­pu­ter. Pen­sa­te al Blac­k­ber­ry, tra­vol­to dagli Ipho­ne. Pen­sa­te a Ser­gio Mar­chion­ne e alla FCA.

Nel 2015 le ven­di­te di auto elet­tri­che o ibri­de plu­gin (cioè di tut­te le auto le cui bat­te­rie pos­so­no esse­re rica­ri­ca­te attra­ver­so una nor­ma­lis­si­ma pre­sa elet­tri­ca) han­no pesa­to per meno dell’1% del mer­ca­to mon­dia­le, che con­ta ven­di­te per cir­ca 70 milio­ni di vei­co­li l’an­no. Ma for­se le cose stan­no per cam­bia­re. In fretta.

Elon Musk è un paz­zo visio­na­rio che qual­che anno fa ha deci­so di met­te­re in pie­di una nuo­va indu­stria auto­mo­bi­li­sti­ca. Una mos­sa più teme­ra­ria che corag­gio­sa viste le enor­mi dif­fi­col­tà da supe­ra­re per entra­re in un mer­ca­to domi­na­to da mul­ti­na­zio­na­li con enor­mi capi­ta­liz­za­zio­ni. La scom­mes­sa di Musk era quel­la di fare auto elet­tri­che mol­to fighe. Auto che tut­ti avreb­be­ro desi­de­ra­to ave­re e gui­da­re, ma ali­men­ta­te solo con elet­tri­ci­tà. E che volen­do si gui­da­no anche da sole.

Fino­ra i suoi pro­dot­ti si indi­riz­za­va­no a un mer­ca­to di nic­chia, abba­stan­za pic­co­lo. Ma il pri­mo apri­le è sta­ta pre­sen­ta­to al pub­bli­co e alla stam­pa il model­lo Tesla 3 desti­na­to ad esse­re ven­du­to sul mer­ca­to sta­tu­ni­ten­se tra un anno e mez­zo. Il model­lo base del­la Tesla 3 coste­rà cir­ca 30mila euro, un prez­zo impor­tan­te ma comun­que meno del­la metà del­la Tesla S, il model­lo precedente.

Vener­dì mat­ti­na, al momen­to del­l’a­per­tu­ra dei con­ces­sio­na­ri, c’e­ra­no già lun­ghe file per poter pre­no­ta­re una Tesla 3, al costo di mil­le dol­la­ri (solo per la pre­no­ta­zio­ne). Alcu­ni fana­ti­ci era­no in coda da tre gior­ni. A fine gior­na­ta secon­do il Wall Street Jour­nal oltre 180mila per­so­ne ave­va­no ver­sa­to i mil­le dol­la­ri di accon­to per pre­no­ta­re un’au­to che non vedran­no pri­ma di un anno e mez­zo. E non è fini­ta visto che al ter­mi­ne del wee­kend si è arri­va­ti a 276 mila ordi­ni

Per un sem­pli­ce con­fron­to, in tut­to il 2015 negli Sta­ti Uni­ti sono sta­te ven­du­te “solo” 26mila Tesla. E 5.500 Fiat Cin­que­cen­to elet­tri­che.  In pra­ti­ca in un gior­no solo sono sta­te ven­du­te più di un ter­zo del­le auto elet­tri­che acqui­sta­te nel­l’in­te­ro 2015 in tut­to il mon­do (cir­ca mez­zo milio­ne). Stia­mo for­se assi­sten­do a un momen­to deci­si­vo nel­la sto­ria del­l’au­to­mo­bi­le. For­se il più impor­tan­te da quan­do Hen­ry Ford mise in pro­du­zio­ne la Model T.

Lo svi­lup­po del­la mobi­li­tà elet­tri­ca è una buo­na noti­zia anche per lo svi­lup­po del­le rin­no­va­bi­li, visto che ogni auto elet­tri­ca è dota­ta di una bat­te­ria e costi­tui­sce una par­te di quel siste­ma distri­bui­to di accu­mu­li che sarà neces­sa­rio rea­liz­za­re per fare in modo che le rin­no­va­bi­li pos­sa­no ulte­rior­men­te aumen­ta­re la loro quo­ta di produzione.

Ma aldi­là di super­fi­cia­li entu­sia­smi resta­no ovvia­men­te aper­te del­le que­stio­ni impor­tan­ti sul ruo­lo del­le auto­mo­bi­li nei pros­si­mi decen­ni. Pre­var­rà un model­lo basa­to sul pos­ses­so (come quel­lo sug­ge­ri­to da Tesla) o pre­var­rà un model­lo basa­to sul­l’u­so di mez­zi a dispo­si­zio­ne di tut­ti (come quel­lo su cui sem­bra stia­no lavo­ran­do Apple e Goo­gle)? Anche il ven­tu­ne­si­mo seco­lo sarà un seco­lo del­l’au­to­mo­bi­le, o potre­mo un po’ eman­ci­par­ci da que­sta tec­no­lo­gia come sug­ge­ri­va qual­che set­ti­ma­na fa J.H. Cra­w­ford sul Washing­ton PostMori­re­mo per for­za auto­mo­bi­li­sti (per quan­to elettrici)?

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.