È anche più facile votare, quando le proposte sono chiare

In vista del ballottaggio sarebbe una buona prassi indicare già da ora la squadra di governo che gli aspiranti sindaci intendono mettere in campo per realizzare i programmi elettorali. Perché non mettersi già da ora alla prova con una indicazione che potrebbe per davvero farci capire quali saranno le sorti della città?

Come è ormai chia­ro sul pia­no nazio­na­le, anche a Cro­to­ne Pos­si­bi­le non pren­de posi­zio­ne nel bal­lot­tag­gio del 19 Giu­gno, chie­den­do come sem­pre di eser­ci­ta­re un dirit­to con­qui­sta­to, ma sen­za dare indi­ca­zio­ni, fer­mo restan­do che i nostri elet­to­ri non vote­ran­no can­di­da­ti del­le destre.

Nono­stan­te que­sta sof­fer­ta deci­sio­ne poco ci con­for­ta il qua­dro che va deli­nean­do­si in que­sti gior­ni. Appa­re infat­ti chia­ro che i can­di­da­ti, al momen­to, anco­ra fati­ca­no ad entra­re nell’abito del sin­da­co di Cro­to­ne, pre­fe­ren­do rega­la­re sor­ri­si e pro­mes­se ai cit­ta­di­ni come se il voto fos­se anco­ra lon­ta­no. Que­sto ele­men­to pone un pri­mo que­si­to: è pos­si­bi­le affron­ta­re il secon­do tur­no tra gaze­bi, tavo­li­ni ed altre strut­tu­re fit­ti­zie, al solo sco­po di nascon­de­re le osti­li­tà che il vive­re a Cro­to­ne com­por­ta? I con­ti­nui atti di aggres­sio­ne a beni pub­bli­ci e pri­va­ti, ad affet­ti per­so­na­li ed alla memo­ria civi­ca sono esem­pi di un tes­su­to valo­ria­le con­su­ma­to e scon­for­ta­to. Eppu­re assi­stia­mo a solu­zio­ni sen­za ana­li­si. È un po’ come offri­re tap­pe­ti solo per nascon­de­re la pol­ve­re.

Il 19 Giu­gno si avvi­ci­na ed il pri­mo tur­no ha dato modo a tut­te le for­ze in cam­po di mostra­re i musco­li. Le soli­te tat­ti­che “rastrel­la­vo­ti” han­no por­ta­to risul­ta­ti più o meno pre­ve­di­bi­li, ed anche il voto libe­ro, nono­stan­te non goda di buo­na salu­te, lascia sem­pre il segno e si dimo­stra for­tu­na­ta­men­te duro a mori­re. Ora però la gio­stra si è fer­ma­ta e la Cit­tà aspet­ta segna­li con­cre­ti.

Sareb­be infat­ti una buo­na pras­si indi­ca­re già da ora la squa­dra di gover­no che gli aspi­ran­ti sin­da­ci inten­do­no met­te­re in cam­po per rea­liz­za­re i pro­gram­mi elet­to­ra­li. Gli ele­men­ti ci sono tut­ti: i clan poli­ti­ci ormai han­no il loro peso spe­ci­fi­co, la cit­ta­di­nan­za ha espres­so in ogni modo biso­gni ed aspi­ra­zio­ni, le prio­ri­tà non man­ca­no. Cosa impe­di­sce quin­di ai can­di­da­ti di pre­sen­ta­re già da ora le don­ne e gli uomi­ni che li aiu­te­ran­no a ren­de­re car­ne un ver­bo che per mesi e mesi han­no pre­di­ca­to? Per­ché non met­ter­si già da ora alla pro­va con una indi­ca­zio­ne che potreb­be per dav­ve­ro far­ci capi­re qua­li saran­no le sor­ti del­la città?

Tra­la­scia­mo per ora impe­gni corag­gio­si che per­met­te­reb­be­ro vera­men­te ai cit­ta­di­ni di sce­glie­re il pro­prio model­lo di cit­tà, come ad esem­pio pro­nun­ciar­si se i migran­ti devo­no rima­ne­re una emer­gen­za da sfrut­ta­re per impren­di­to­ri o diven­ta­re una nuo­va for­ma di cit­ta­di­nan­za, da far gesti­re a chi lo fa da sem­pre. Oppu­re se l’ambiente è uno stru­men­to per inve­sti­men­ti ed arric­chi­men­ti o qual­co­sa da difen­de­re. O, anco­ra se i dirit­ti civi­li pos­sa­no final­men­te arri­va­re a Cro­to­ne sen­za che ci giria­mo dall’altra par­te per non offen­de­re l’ipocrisia altrui. Da par­te nostra sareb­be già suf­fi­cien­te, come già det­to, capi­re su qua­li gam­be cam­mi­ne­ran­no idee che ormai cono­scia­mo a memo­ria. Per­ché saran­no que­sti sog­get­ti, che deci­de­ran­no di met­ter­ci la fac­cia, gli stru­men­ti attra­ver­so cui si darà vita alla nuo­va Cro­to­ne, rivo­lu­zio­na­ta o pros­si­ma che sia.

Sareb­be uti­le a tut­ti, a Cro­to­ne come in tut­te le Cit­tà chia­ma­te al bal­lot­tag­gio il 19 Giu­gno, arri­va­re al voto del secon­do tur­no con le car­te sco­per­te, met­ten­do da par­te bluff e rilan­ci rischio­si per tut­ti.

Davi­de Dionesalvi

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.