Fino all’ultimo minuto, al più minuscolo dubbio

La voce della propaganda nelle prossime ore si farà sempre più fragorosa e becera. Resistiamo lucidi e vigili. Moltiplichiamo le energie e non lasciamo impunita nessuna bugia tossica. Buoni ultimi due giorni di campagna a noi. Tutti.
Schermata-2016-09-15-alle-09.46.38

Gli esper­ti di comu­ni­ca­zio­ne tele­vi­si­va e pub­bli­ci­ta­ria san­no bene che un acqui­sto com­pul­si­vo nasce dal­l’e­si­gen­za impel­len­te agi­ta­ta per bene a pochi metri dal ban­co­ne espo­si­ti­vo. Non ci dovreb­be inte­res­sa­re occu­pan­do­ci di poli­ti­ca e ancor di più trat­tan­do di un refe­ren­dum che ha come ogget­to una revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le ma in un’e­po­ca di tur­bo pro­mes­se e bul­li­smo les­si­ca­le anche la cam­pa­gna refe­ren­da­ria è fini­ta in una chi­na com­mer­cia­le. Nien­te di nuo­vo, sot­to al sole.

Con il nostro Tour Rico­sti­tuen­te abbia­mo attra­ver­sa­to il Pae­se in tut­te le dire­zio­ni, abbia­mo volan­ti­na­to sot­to qual­sia­si con­di­zio­ne meteo, abbia­mo pazien­te­men­te svi­ta­to le bugie del­la pro­pa­gan­da, abbia­mo stu­dia­to, abbia­mo pre­pa­ra­to la cas­set­ta degli attrez­zi per chi vuo­le appro­fon­di­re, sia­mo sce­si nei det­ta­gli del­le leg­gi e del­le fun­zio­ni, abbia­mo resi­sti­to agli insul­ti e anco­ra oggi sia­mo con il bau­le pie­no e la vali­gia chiu­sa per que­sti ulti­mi due gior­ni di cam­pa­gna.

Due gior­ni per chi fa poli­ti­ca tut­ti i gior­ni pra­ti­can­do­la sono due gior­ni. Sem­pli­ce­men­te. Gli ulti­mi due gior­ni per chi si è pro­sti­tui­to alla poli­ti­ca degli spot inve­ce sono il momen­to cru­cia­le per pro­vo­ca­re il voto com­pul­so. La voce del­la pro­pa­gan­da nel­le pros­si­me ore si farà sem­pre più fra­go­ro­sa e bece­ra, in linea con la spin­ta di chi irre­spon­sa­bil­men­te trat­ta que­sto refe­ren­dum come uno squal­li­do all-in sul tavo­lo di poker.

Resi­stia­mo luci­di e vigi­li. Mol­ti­pli­chia­mo le ener­gie e non lascia­mo impu­ni­ta nes­su­na bugia tos­si­ca: nel web, al ban­co­ne del bar, tra le scri­va­nie del­l’uf­fi­cio o sul tram che ci por­ta a casa ogni per­so­na a cui offria­mo rispo­ste è un voto con­sa­pe­vo­le e ogni per­so­na con­sa­pe­vo­le vota no a que­sto pastic­cio di revi­sio­ne costi­tu­zio­na­le. Oltre a con­tar­ci così comin­cia­mo a con­ta­re. Buo­ni ulti­mi due gior­ni di cam­pa­gna a noi. Tutti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.