Un’ ”alleanza per il clima” per l’Europa e per rilanciare il futuro

Quando torneremo alle urne per scegliere il nuovo Parlamento europeo, nel 2024, mancheranno solo sei anni prima della data fatidica del 2030, anno cruciale lungo la strada della decarbonizzazione. Perché mai votare i negazionisti climatici e i sovranisti? Perché votare quelli che di clima non si occupano se non in termini astratti? Perché scegliere l’eterno compromesso che sta condannando il Paese e anche il pianeta? Possiamo ancora farcela, ma serve uno sforzo straordinario per rimettere in sesto il mondo intero, e non possiamo farlo da soli. Non può farlo una persona per sé stessa, né un paese solo per sé stesso. Né una nazione, o un'organizzazione sovranazionale. Servono parole chiare e azioni altrettanto chiare. E insieme all’Europa serve riprendere un modello di relazioni internazionali multilaterale, ove le potenze mondiali smettano di farsi la guerra per le fonti fossili e condividano insieme l’obiettivo della salvezza del pianeta così come lo conosciamo.

Con­di­vi­dia­mo l’al­lar­me di Ange­lo Bonel­li e di Euro­pa Ver­de-Ver­di e dei Ver­di Euro­pei espres­so in que­sto appel­lo. Abbia­mo visto come i mem­bri del gover­no e del­la mag­gio­ran­za guar­di­no con fasti­dio a chi pone la que­stio­ne dell’emergenza cli­ma­ti­ca. Più di fasti­dio, anzi: le rea­zio­ni del­la destra che ci gover­na quan­do si trat­ta di cli­ma van­no dal nega­zio­ni­smo alla cri­mi­na­liz­za­zio­ne, pas­san­do per tut­te le tesi anti scien­ti­fi­che e peri­co­lo­se che sen­tia­mo ripe­te­re e veni­re smen­ti­te da anni. 

Que­sto signi­fi­ca che stia­mo per­den­do altro tem­po, con­ti­nuan­do con le scel­te sba­glia­te di una poli­ti­ca fos­si­le o cam­bian­do trop­po poco e trop­po len­ta­men­te. E inve­ce a even­ti di for­za mag­gio­re deve cor­ri­spon­de­re una for­za poli­ti­ca che vada oltre ciò che si è visto fino­ra, che chia­ra­men­te non è abba­stan­za per la gran­dez­za del­la sfida. 

Quan­do tor­ne­re­mo alle urne per sce­glie­re il nuo­vo Par­la­men­to euro­peo, nel 2024, man­che­ran­no solo sei anni pri­ma del­la data fati­di­ca del 2030, anno cru­cia­le lun­go la stra­da del­la decar­bo­niz­za­zio­ne. Per­ché mai vota­re i nega­zio­ni­sti cli­ma­ti­ci e i sovra­ni­sti? Per­ché vota­re quel­li che di cli­ma non si occu­pa­no se non in ter­mi­ni astrat­ti? Per­ché sce­glie­re l’eterno com­pro­mes­so che sta con­dan­nan­do il Pae­se e anche il pia­ne­ta? Pos­sia­mo anco­ra far­ce­la, ma ser­ve uno sfor­zo straor­di­na­rio per rimet­te­re in sesto il mon­do inte­ro, e non pos­sia­mo far­lo da soli. Non può far­lo una per­so­na per sé stes­sa, né un pae­se solo per sé stes­so. Né una nazio­ne, o un’or­ga­niz­za­zio­ne sovra­na­zio­na­le. Ser­vo­no paro­le chia­re e azio­ni altret­tan­to chia­re. E insie­me all’Europa ser­ve ripren­de­re un model­lo di rela­zio­ni inter­na­zio­na­li mul­ti­la­te­ra­le, ove le poten­ze mon­dia­li smet­ta­no di far­si la guer­ra per le fon­ti fos­si­li e con­di­vi­da­no insie­me l’obiettivo del­la sal­vez­za del pia­ne­ta così come lo conosciamo.

E non si trat­ta solo di cli­ma. Il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co ha esa­cer­ba­to le ingiu­sti­zie siste­mi­che, quel­le socia­li e eco­no­mi­che. Le ragio­ni del­la cri­si cli­ma­ti­ca e la man­can­za di volon­tà di agi­re del gover­no nega­zio­ni­sta sono le stes­se che sono alla base del­le disu­gua­glian­ze socia­li, del lavo­ro pove­ro, del­le discri­mi­na­zio­ni di gene­re. Non è una que­stio­ne eli­ta­ria, è popo­la­re. È una que­stio­ne di liber­tà di tut­te e tut­ti noi. Liber­tà che vie­ne meno con l’avanzare del col­las­so cli­ma­ti­co. Il cli­ma è lavo­ro, è sol­di. Non pos­so­no esse­re i ceti meno abbien­ti, ma anche quel­li medi, a paga­re tut­te le con­se­guen­ze. Non solo il cli­ma, ma l’immobilità e l’irresponsabilità sono una minac­cia per la nostra sicu­rez­za, le nostre case, i nostri quar­tie­ri e la nostra eco­no­mia. È tut­to par­te del­lo stes­so pro­ble­ma. La solu­zio­ne è il rilan­cio per il futuro.

Noi ci sia­mo, con il nostro impe­gno pas­sa­to e pre­sen­te, con la nostra comu­ni­tà e il lavo­ro fat­to sin qui, per rilan­cia­re il futuro.

Leg­gi l’ap­pel­lo di Ange­lo Bonel­li, co-por­ta­vo­ce di Euro­pa Ver­de-Ver­di e depu­ta­to AVS 

Appro­fon­di­sci il pro­get­to CLIMA e le nostre proposte

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.