Vi chiedete ancora perché non denunciamo?

Il Sena­to degli Sta­ti Uni­ti ha rati­fi­ca­to la nomi­na di Brett Kava­nau­gh. È ora giu­di­ce del­la Cor­te Supre­ma.

Qual­che set­ti­ma­na fa, il 12 set­tem­bre, nota­vo come il New York Post ripor­tas­se in manie­ra diver­sa la stes­sa cosa: men­tre Sere­na Wil­liams ave­va il “mother of all melt­do­wns” (la più gran­de del­le cri­si di ner­vi) in cam­po, Boo­ne con­te­sta­va uno stri­ke. Entram­bi gli arti­co­li era­no accom­pa­gna­ti da una foto, in cui i gio­ca­to­ri urla­va­no pun­tan­do il dito con­tro l’arbitro. Due pesi due misu­re, giusto?

Andia­mo anco­ra più indie­tro nel tem­po, alle ele­zio­ni pre­si­den­zia­li del 2016. Vi ricor­da­te Hil­la­ry quan­to doves­se esse­re com­po­sta duran­te i dibat­ti­ti? Quan­to tut­ti la cri­ti­cas­se­ro quan­do alza­va un po’ la voce? Quan­to si lamen­tas­se­ro per­ché non sor­ri­de­va o non sor­ri­de­va abba­stan­za, o sor­ri­de­va trop­po? Veni­va cri­ti­ca­ta per­si­no per esse­re “trop­po pre­pa­ra­ta” (chiun­que lo sareb­be sem­bra­to, in un dibat­ti­to con Trump).

Dedu­co che la com­po­stez­za non vales­se allo­ra per Trump, non sia val­sa per Boo­ne non val­ga ora per Kavanaugh.

Fac­cia­mo uno sfor­zo men­ta­le ed assu­mia­mo per un secon­do che Brett Kava­nau­gh sia dav­ve­ro innocente.

Ai giu­di­ci è richie­sto il “judi­cial tem­pe­ra­ment”, che potrem­mo tra­dur­re come la capa­ci­tà di man­te­ne­re un tem­pe­ra­men­to cal­mo e obiet­ti­vo anche nel­le avver­si­tà. Cosa che sicu­ra­men­te è man­ca­ta al Kava­nau­gh duran­te le udienze.

Ha urla­to. Ha pian­to. Ha par­la­to per die­ci minu­ti su come, da gio­va­ne, tenes­se un’agenda mol­to orga­niz­za­ta. Quan­do la Sena­tri­ce Amy Klo­bu­char gli ha chie­sto se ave­va mai bevu­to tan­to da non ricor­dar­si quel­lo che ave­va fat­to la sera pre­ce­den­te, lui le ha rigi­ra­to la doman­da. Si è intrat­te­nu­to in spie­ga­zio­ni det­ta­glia­te del­lo slang licea­le, spie­gan­do che “Ral­ph” signi­fi­ca­va bere fino a vomi­ta­re, chie­den­do subi­to dopo al Sena­to­re Shel­don Whi­te­hou­se cosa gli pia­ces­se bere, più vol­te, visto che il Sena­to­re non gli rispondeva.

La dot­to­res­sa Ford ha mes­so a rischio la sua repu­ta­zio­ne per denun­cia­re Kava­nau­gh. Ver­rà per sem­pre addi­ta­ta come una stron­za bugiar­da e la sua car­rie­ra è rovi­na­ta per sem­pre. Colui che l’ha mole­sta­ta inve­ce, è sta­to pre­mia­to con l’elezione a giu­di­ce del­la Cor­te Supre­ma degli Sta­ti Uniti.

Vi chie­de­te anco­ra per­ché non denunciamo?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.