Uova di Pasqua senza plastica: una sfida alla Ferrero

Il nostro pianeta è sotto attacco. Noi semplici consumatori e consumatrici possiamo fare scelte consapevoli e adottare stili di vita più ecosostenibili, ma da soli non riusciremo mai a salvare la Terra. È compito delle aziende seguire il nostro stesso percorso e risolvere il problema alla radice. È necessario rendere non solo la produzione, ma anche i prodotti compatibili con le esigenze della Terra.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Ho 24 anni ma, come tan­tis­si­me altre per­so­ne del­la mia gene­ra­zio­ne (ed altre più in là con gli anni), non ho alcu­na inten­zio­ne di rinun­cia­re all’uovo di Pasqua Kin­der. Sono pro­fon­da­men­te con­vin­ta che il cioc­co­la­to dell’uovo di Pasqua sia più buo­no di quel­lo degli ovet­ti che si tro­va­no tut­to l’anno. Ne sono così tan­to appas­sio­na­ta che sono già due anni che, il gior­no dopo Pasquet­ta, giro per i vari super­mer­ca­ti per fare scor­ta di uova Kin­der a metà prez­zo.

Quest’anno, però, il raid nei super­mer­ca­ti non lo potrò fare.

A gen­na­io ho ini­zia­to un per­cor­so low-waste: cer­co di ridur­re i rifiu­ti il più pos­si­bi­le, com­pran­do pro­dot­ti sfu­si e por­tan­do i miei con­te­ni­to­ri e sac­chet­ti ogni vol­ta che acqui­sto qual­co­sa. Non solo cer­co di ridur­re il pac­ka­ging in gene­ra­le, ma soprat­tut­to voglio evi­ta­re, come la peste, la pla­sti­ca. Nono­stan­te la dif­fe­ren­zia­mo, mol­tis­si­ma pla­sti­ca fini­sce comun­que nell’ecosistema. Spes­so gli ani­ma­li la scam­bia­no per cibo, ed entra così nel­la nostra cate­na ali­men­ta­re (sì, signi­fi­ca che finia­mo per man­giar­ce­la). Le foto di ani­ma­li ucci­si o tor­tu­ra­ti dal­la pla­sti­ca le abbia­mo viste tut­te e tut­ti. Inol­tre, la pla­sti­ca ha il magi­co pote­re di dura­re per sem­pre. Quin­di se fini­sce nel­le disca­ri­che e non in inno­va­ti­vi siste­mi di rici­clag­gio, rimar­rà lì per sem­pre a rila­scia­re sostan­ze noci­ve nel­ter­re­no e nell’aria. Insom­ma, sareb­be meglio non pro­du­ces­si­mo più plastica.

Pro­prio per que­sto, apri­re l’uovo Kin­der non mi ha reca­to lo stes­so pia­ce­re di una vol­ta: invo­lu­cro di pla­sti­ca; spa­ghet­to e scotch di pla­sti­ca; pie­di­stal­lo di pla­sti­ca; con­te­ni­to­re per sor­pre­sa di pla­sti­ca; sor­pre­sa di pla­sti­ca. Per cosa? Solo per man­giar­mi un po’ di cioccolato.

Ven­go da una fami­glia in cui si ritie­ne che il boi­cot­tag­gio sia una vali­da for­ma di pro­te­sta e che lo ha spes­so mes­so in pra­ti­ca per i più sva­ria­ti moti­vi, quin­di sono abi­tua­ta a rinun­cia­re a qual­co­sa che mi pia­ce in nome di un inte­res­se supe­rio­re. Gra­di­rei però non dover­mi pri­va­re del­la gio­ia dell’uovo Kin­der né dover boi­cot­ta­re un’azienda a cui la mia fami­glia è lega­ta affettivamente.

Le nipo­ti del fon­da­to­re Pie­tro Fer­re­ro han­no fre­quen­ta­to lo stes­so col­le­gio di mia non­na, ad Asti. Quan­do lo zio anda­va a tro­va­re le sue nipo­ti, rifor­ni­va di cioc­co­la­ta il col­le­gio in modo che ce ne fos­se per tut­te le bam­bi­ne. Sono cer­ta che que­sta sen­si­bi­li­tà sia sta­ta pas­sa­ta ai pro­pri ere­di e che l’attenzione per i più debo­li (all’epoca era­no le orfa­nel­le, oggi l’ambiente) sia sta­ta tramandata.

Sto scri­ven­do que­sta let­te­ra per­ché vor­rei che venis­se let­ta da chi può fare qual­co­sa. Sto scri­ven­do que­sta let­te­ra per­ché vor­rei lan­cia­re una sfi­da alla Fer­re­ro: riu­sci­re, in un anno, a pro­dur­re uova di Pasqua pri­ve di pla­sti­ca. Pun­ti bonus se rie­sco­no a rimuo­ver­la anche dagli Shoc­ko-bons, Fer­re­ro Rocher, Poc­ket Cof­fee, Raf­fael­lo, Kin­der Bue­no, Duplo, Tron­ky, Tic-tac, Estathé…

Le alter­na­ti­ve alla pla­sti­ca oggi sono tan­te e sva­ria­te: l’involucro ester­no può esse­re fat­to di stof­fa, di car­ta, dicar­ta-stof­fa. Il pie­di­stal­lo e il con­te­ni­to­re per la sor­pre­sa pos­so­no esse­re fat­ti in mate­ria­li bio­de­gra­da­bi­li. Lo spa­ghet­to può esse­re fat­to di lana, di bam­bù o di altre fibre vege­ta­li e lo scotch può esse­re sosti­tui­to con quel­lo di carta.

Il nostro pia­ne­ta è sot­to attac­co. Noi sem­pli­ci con­su­ma­to­ri e con­su­ma­tri­ci pos­sia­mo fare scel­te con­sa­pe­vo­li e adot­ta­re sti­li di vita più eco­so­ste­ni­bi­li, ma da soli non riu­sci­re­mo mai a sal­va­re la Ter­ra. È com­pi­to del­le azien­de segui­re il nostro stes­so per­cor­so e risol­ve­re il pro­ble­ma alla radi­ce. È neces­sa­rio ren­de­re non solo la pro­du­zio­ne, ma anche i pro­dot­ti com­pa­ti­bi­li con le esi­gen­ze del­la Terra.

Il guan­to del­la sfi­da è sta­to lan­cia­to. Lo raccoglierete?

Eli­sa­bet­ta Felici

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?