Una cosa la potete fare: fate contare le vostre donazioni

#

Traduciamo e condividiamo con voi questo articolo di Susan Shain pubblicato qualche giorno fa sul blog del New York Times

Andate a fare la spesa con le vostre borse di tela. Andate al lavoro a piedi. Avete dato un taglio agli hamburger (e anche ai formaggi). Ma volete fare di più per lottare contro il cambiamento climatico. Nello specifico, volete usare i vostri soldi per fare di più.

Potreste compensare* le vostre emissioni di CO2. O potreste sostenere politici che credono al cambiamento climatico. O potreste donare alla vostra associazione verde preferita. Ma qual è il modo migliore di spendere i vostri soldi?

Donare è un fatto molto personale, e non c’è una sola risposta giusta, ma Rachel Cleetus, un’economista e policy director della Union of Concerned Scientists (Unione degli Scienziati Preoccupati), dice che lei indirizzerebbe per prima cosa i suoi soldi verso i politici – sia locali che nazionali – che è più probabile si diano da fare nelle politiche di contrasto al cambiamento climatico.

Questo perché, sebbene le tecnologie per convertire la nostra economia dalle fonti fossili alle rinnovabili, la dottoressa Cleetus dice che “il più grosso ostacolo a un’azione coraggiosa è stato la mancanza di volontà politica”.

Rob Jackson, professore di scienza del sistema terrestre alla Stanford University e presidente del Global Carbon Project, concorda. Dice di sostenere la compensazione di emissione di CO2, definendola “la cosa più concreta che si possa fare con i propri soldi”, il dottor Jackson dice che questa “non cambia il sistema alla velocità necessaria”.

C’è, ovviamente, un elemento di rischio nelle donazioni alla politica. I vostri soldi potrebbero essere impiegati altrimenti, per incitare alla rivoluzione, o finire buttati, contribuendo a finanziare sponsorizzazioni su Facebook che non clicca nessuno. E anche un candidato molto dinamico potrebbe dimostrarsi inefficiente una volta eletto.

Si tratta, in pratica, del contrario di quello che ti garantisce una compensazione di alta qualità: in quel caso, sai cosa compri, ma è improbabile che abbia un effetto moltiplicatore.

Ciò nonostante, il dottor Jackson dice che “siamo in una fase talmente critica” per il clima, che lui correrebbe il rischio di finanziare la politica.

“Quello di cui abbiamo bisogno oggi è un nuovo modo di utilizzare i nostri fondi per ottenere azioni più grandi”, sostiene. “Se avessi solo un assegno da 500 dollari da staccare, potrei compensare parte delle mie emissioni e sentirmi apposto con me stesso per aver fatto qualcosa di significativo. Ma questo non cambierebbe il contesto politico del mio paese.”

Non vi piace la politica? La dottoressa Cleetus si concentrerebbe allora sulle organizzazioni di base che si battono contro il cambiamento climatico, in particolare quelle sostenute dai giovani.

I gruppi guidati dai giovani, dice, portano “chiarezza morale” nella materia del cambiamento climatico, il che significa che potrebbero spostare l’ago della bilancia nella politica e nell’opinione pubblica. “Parliamo davvero del destino comune dei nostri figli e dei nostri nipoti”, dice. “Quindi penso che attirare l’attenzione sulle loro voci sia molto, molto importante.”

Potreste anche indirizzarvi su organizzazioni che si concentrano sullo spreco alimentare, la protezione e la restaurazione delle foreste, l’istruzione femminile o le emissioni di CO2.

Questi sono i settori che Project Drawdown, attraverso l’analisi dei dati di istituti di ricerca e studi con peer review, ha identificato come quelle che hanno “il maggior potenziale globale di ridurre le emissioni di gas serra o di sequestro di CO2”, secondo Crystal Chissell, vicepresidente dell’organizzazione.

Quale che sia la strada che sceglierete, assicuratevi di dire ai vostri amici e familiari perché donate, e incoraggiateli a prendere qualsiasi iniziativa possano.

Non è una sfida che possiamo superare come individui”, dice la dottoressa Cleetus. Solo “mettendo in comune le nostre risorse collettive, che siano di tempo o di soldi o di azione politica, potremo arrivare alla soluzione”.

 

*Con “compensazione della CO2” si intende una riduzione delle emissioni di anidride carbonica o di altri gas serra prodotti per compensare le emissioni prodotte altrove. Ad esempio, un individuo potrebbe acquistare compensazioni di CO2 per compensare le emissioni di gas serra causate dal trasporto aereo personale. Le compensazioni in genere supportano progetti che riducono l’emissione di gas a effetto serra a breve o lungo termine, come parchi eolici, energia da biomassa o dighe idroelettriche. Altre includono progetti di efficienza energetica, distruzione di inquinanti industriali o sottoprodotti agricoli, distruzione di discarica di metano e progetti forestali. Alcuni dei più popolari progetti di compensazione della CO2 dal punto di vista aziendale sono i progetti di efficienza energetica e turbine eoliche.

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati