Una cosa la potete fare: fate contare le vostre donazioni

Tra­du­cia­mo e con­di­vi­dia­mo con voi que­sto arti­co­lo di Susan Shain pub­bli­ca­to qual­che gior­no fa sul blog del New York Times

Anda­te a fare la spe­sa con le vostre bor­se di tela. Anda­te al lavo­ro a pie­di. Ave­te dato un taglio agli ham­bur­ger (e anche ai for­mag­gi). Ma vole­te fare di più per lot­ta­re con­tro il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co. Nel­lo spe­ci­fi­co, vole­te usa­re i vostri sol­di per fare di più.

Potre­ste com­pen­sa­re* le vostre emis­sio­ni di CO2. O potre­ste soste­ne­re poli­ti­ci che cre­do­no al cam­bia­men­to cli­ma­ti­co. O potre­ste dona­re alla vostra asso­cia­zio­ne ver­de pre­fe­ri­ta. Ma qual è il modo miglio­re di spen­de­re i vostri soldi?

Dona­re è un fat­to mol­to per­so­na­le, e non c’è una sola rispo­sta giu­sta, ma Rachel Clee­tus, un’economista e poli­cy direc­tor del­la Union of Con­cer­ned Scien­tists (Unio­ne degli Scien­zia­ti Pre­oc­cu­pa­ti), dice che lei indi­riz­ze­reb­be per pri­ma cosa i suoi sol­di ver­so i poli­ti­ci — sia loca­li che nazio­na­li — che è più pro­ba­bi­le si dia­no da fare nel­le poli­ti­che di con­tra­sto al cam­bia­men­to climatico.

Que­sto per­ché, seb­be­ne le tec­no­lo­gie per con­ver­ti­re la nostra eco­no­mia dal­le fon­ti fos­si­li alle rin­no­va­bi­li, la dot­to­res­sa Clee­tus dice che “il più gros­so osta­co­lo a un’azione corag­gio­sa è sta­to la man­can­za di volon­tà poli­ti­ca”.

Rob Jack­son, pro­fes­so­re di scien­za del siste­ma ter­re­stre alla Stan­ford Uni­ver­si­ty e pre­si­den­te del Glo­bal Car­bon Pro­ject, con­cor­da. Dice di soste­ne­re la com­pen­sa­zio­ne di emis­sio­ne di CO2, defi­nen­do­la “la cosa più con­cre­ta che si pos­sa fare con i pro­pri sol­di”, il dot­tor Jack­son dice che que­sta “non cam­bia il siste­ma alla velo­ci­tà necessaria”.

C’è, ovvia­men­te, un ele­men­to di rischio nel­le dona­zio­ni alla poli­ti­ca. I vostri sol­di potreb­be­ro esse­re impie­ga­ti altri­men­ti, per inci­ta­re alla rivo­lu­zio­ne, o fini­re but­ta­ti, con­tri­buen­do a finan­zia­re spon­so­riz­za­zio­ni su Face­book che non clic­ca nes­su­no. E anche un can­di­da­to mol­to dina­mi­co potreb­be dimo­strar­si inef­fi­cien­te una vol­ta eletto.

Si trat­ta, in pra­ti­ca, del con­tra­rio di quel­lo che ti garan­ti­sce una com­pen­sa­zio­ne di alta qua­li­tà: in quel caso, sai cosa com­pri, ma è impro­ba­bi­le che abbia un effet­to moltiplicatore.

Ciò nono­stan­te, il dot­tor Jack­son dice che “sia­mo in una fase tal­men­te cri­ti­ca” per il cli­ma, che lui cor­re­reb­be il rischio di finan­zia­re la poli­ti­ca.

“Quel­lo di cui abbia­mo biso­gno oggi è un nuo­vo modo di uti­liz­za­re i nostri fon­di per otte­ne­re azio­ni più gran­di”, sostie­ne. “Se aves­si solo un asse­gno da 500 dol­la­ri da stac­ca­re, potrei com­pen­sa­re par­te del­le mie emis­sio­ni e sen­tir­mi appo­sto con me stes­so per aver fat­to qual­co­sa di signi­fi­ca­ti­vo. Ma que­sto non cam­bie­reb­be il con­te­sto poli­ti­co del mio paese.”

Non vi pia­ce la poli­ti­ca? La dot­to­res­sa Clee­tus si con­cen­tre­reb­be allo­ra sul­le orga­niz­za­zio­ni di base che si bat­to­no con­tro il cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, in par­ti­co­la­re quel­le soste­nu­te dai gio­va­ni.

I grup­pi gui­da­ti dai gio­va­ni, dice, por­ta­no “chia­rez­za mora­le” nel­la mate­ria del cam­bia­men­to cli­ma­ti­co, il che signi­fi­ca che potreb­be­ro spo­sta­re l’ago del­la bilan­cia nel­la poli­ti­ca e nell’opinione pub­bli­ca. “Par­lia­mo dav­ve­ro del desti­no comu­ne dei nostri figli e dei nostri nipo­ti”, dice. “Quin­di pen­so che atti­ra­re l’attenzione sul­le loro voci sia mol­to, mol­to impor­tan­te.”

Potre­ste anche indi­riz­zar­vi su orga­niz­za­zio­ni che si con­cen­tra­no sul­lo spre­co ali­men­ta­re, la pro­te­zio­ne e la restau­ra­zio­ne del­le fore­ste, l’istruzione fem­mi­ni­le o le emis­sio­ni di CO2.

Que­sti sono i set­to­ri che Pro­ject Dra­w­do­wn, attra­ver­so l’analisi dei dati di isti­tu­ti di ricer­ca e stu­di con peer review, ha iden­ti­fi­ca­to come quel­le che han­no “il mag­gior poten­zia­le glo­ba­le di ridur­re le emis­sio­ni di gas ser­ra o di seque­stro di CO2”, secon­do Cry­stal Chis­sell, vice­pre­si­den­te dell’organizzazione.

Qua­le che sia la stra­da che sce­glie­re­te, assi­cu­ra­te­vi di dire ai vostri ami­ci e fami­lia­ri per­ché dona­te, e inco­rag­gia­te­li a pren­de­re qual­sia­si ini­zia­ti­va possano.

Non è una sfi­da che pos­sia­mo supe­ra­re come indi­vi­dui”, dice la dot­to­res­sa Clee­tus. Solo “met­ten­do in comu­ne le nostre risor­se col­let­ti­ve, che sia­no di tem­po o di sol­di o di azio­ne poli­ti­ca, potre­mo arri­va­re alla solu­zio­ne”.

 

*Con “com­pen­sa­zio­ne del­la CO2” si inten­de una ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni di ani­dri­de car­bo­ni­ca o di altri gas ser­ra pro­dot­ti per com­pen­sa­re le emis­sio­ni pro­dot­te altro­ve. Ad esem­pio, un indi­vi­duo potreb­be acqui­sta­re com­pen­sa­zio­ni di CO2 per com­pen­sa­re le emis­sio­ni di gas ser­ra cau­sa­te dal tra­spor­to aereo per­so­na­le. Le com­pen­sa­zio­ni in gene­re sup­por­ta­no pro­get­ti che ridu­co­no l’e­mis­sio­ne di gas a effet­to ser­ra a bre­ve o lun­go ter­mi­ne, come par­chi eoli­ci, ener­gia da bio­mas­sa o dighe idroe­let­tri­che. Altre inclu­do­no pro­get­ti di effi­cien­za ener­ge­ti­ca, distru­zio­ne di inqui­nan­ti indu­stria­li o sot­to­pro­dot­ti agri­co­li, distru­zio­ne di disca­ri­ca di meta­no e pro­get­ti fore­sta­li. Alcu­ni dei più popo­la­ri pro­get­ti di com­pen­sa­zio­ne del­la CO2 dal pun­to di vista azien­da­le sono i pro­get­ti di effi­cien­za ener­ge­ti­ca e tur­bi­ne eoliche.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.