Un mondo più bello, senza accorgercene

La folle idea dei comitati delle Marche di Possibile: far diventare una vecchia officina un'officina sociale e solidale, che offra servizi, occasioni di formazione e un aiuto concreto. Ci sarà un magazzino in cui raccogliere beni di prima necessità da destinare a chi si trova in in momento di difficoltà, uno spazio per i giochi e per i compiti, un pediatra, una counselor. Ci sarà poi ovviamente spazio per lo studio e l'elaborazione politica, per le iniziative, per la convivialità. Ci sarà anche la scuola di orto e la possibilità di coltivarsi i propri prodotti, insieme a tante altre idee si affacciano per sfruttare l'esteso terreno intorno all'officina.

Met­ti un’of­fi­ci­na dismes­sa lun­go una stra­da che col­le­ga il cen­tro alla cam­pa­gna e due pro­vin­ce tra di loro.

Met­ti la poli­ti­ca che vuo­le tor­na­re a esse­re a ser­vi­zio del ter­ri­to­rio, soprat­tut­to di chi è in difficoltà.

Met­ti un grup­po di ami­ci e com­pa­gni di par­ti­to che voglio­no met­ter­si in gio­co, cia­scu­no con le pro­prie competenze.

Met­ti un geo­me­tra e un impren­di­to­re edi­le che si inna­mo­ra­no del­l’i­dea e ti indi­ca­no la stra­da.

Met­ti che c’è anche un orto che aspet­ta di esse­re cura­to e un bel pez­zo di ter­ra intorno.

Met­ti che le idee si acca­val­la­no una sull’altra.

Met­ti il pri­mo gior­no di pri­ma­ve­ra.

Ecco che nasce Loft Pos­si­bi­le: la sede dei comi­ta­ti di Pos­si­bi­le del­le Mar­che e di tut­ti colo­ro che vor­ran­no frequentarlo.

Dome­ni­ca sono ini­zia­ti sopral­luo­ghi e ieri abbia­mo dato ini­zio ai lavori.

La nostra fol­le idea è di far diven­ta­re una vec­chia offi­ci­na in un’of­fi­ci­na socia­le e soli­da­le, che offra ser­vi­zi, occa­sio­ni di for­ma­zio­ne e un aiu­to concreto.

Ci sarà un magaz­zi­no in cui rac­co­glie­re beni di pri­ma neces­si­tà da desti­na­re a chi si tro­va in in momen­to di dif­fi­col­tà, uno spa­zio per i gio­chi e per i com­pi­ti, un pedia­tra, una coun­se­lor. Ci sarà poi ovvia­men­te spa­zio per lo stu­dio e l’e­la­bo­ra­zio­ne poli­ti­ca, per le ini­zia­ti­ve, per la con­vi­via­li­tà. Ci sarà anche la scuo­la di orto e la pos­si­bi­li­tà di col­ti­var­si i pro­pri pro­dot­ti, insie­me a tan­te altre idee si affac­cia­no per sfrut­ta­re l’e­ste­so ter­re­no intor­no all’officina.

E soprat­tut­to ci sarà spa­zio per chi vor­rà dar­ci una mano, per chi vor­rà met­te­re a dispo­si­zio­ne le pro­prie com­pe­ten­ze e qual­che ora al mese.

La rea­liz­ze­re­mo pas­so dopo pas­so con le nostre for­ze, con­vin­ti che la poli­ti­ca o si spor­ca le mani e si met­te a dispo­si­zio­ne di chi è più in dif­fi­col­tà o non è politica.

C’è una bel­la fra­se di Tere­sa Sar­ti Stra­da che scri­vo in cima ad ogni mia agen­da per por­tar­la sem­pre con me: «Se cia­scu­no di noi faces­se il suo pez­zet­ti­no, ci tro­ve­rem­mo in un mon­do più bel­lo sen­za accorgercene».

Il nostro pez­zet­ti­no di un mon­do pos­si­bi­le pro­ve­re­mo a costruir­lo in una vec­chia offi­ci­na dismessa.

Avre­mo biso­gno del­l’a­iu­to di tan­ti, il nostro por­to­ne è spa­lan­ca­to, vi aspettiamo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.