Un futuro Possibile: diventa sindaco di Green City!

Schermata-2015-12-10-alle-11.29.49

Schermata 2015-12-10 alle 11.21.33Green City è un gio­co che riguar­da l’ambiente per far capi­re che l’ambiente non è solo un gio­co. Green City ha uno sco­po ambi­zio­so. Far sede­re attor­no a un tavo­lo ragaz­zi, geni­to­ri e non­ni per far­li par­la­re di ambien­te, buo­ne pra­ti­che e cat­ti­ve abi­tu­di­ni diver­ten­do­si ma riflet­ten­do. Riflet­ten­do sul fat­to che quel che nel pas­sa­to si riman­da­va ad un futu­ro anco­ra lon­ta­no ora è diven­ta­to pre­sen­te e non è più rimandabile.

Il pia­ne­ta non può più soste­ne­re i rit­mi, le acce­le­ra­zio­ni, gli spre­chi di cibo, di risor­se e di ener­gia al qua­le lo sot­to­po­nia­mo quo­ti­dia­na­men­te. Un tem­po si auspi­ca­va uno svi­lup­po soste­ni­bi­le. Con Green City vor­rem­mo pro­muo­ve­re inve­ce un futu­ro possibile.

Vor­rem­mo che soprat­tut­to i gio­va­ni, con que­sto pic­co­lo seme che lan­cia­mo, ini­zias­se­ro un per­cor­so per diven­ta­re miglio­ri di noi e di chi ci ha preceduto.

Il rispet­to per l’ambiente ini­zia dal­le buo­ne pra­ti­che di vita quo­ti­dia­na e il nostro gio­co si svol­ge per que­sto nel­le stra­de e nel­le piaz­ze di una cit­tà imma­gi­na­ria ma non trop­po tra com­por­ta­men­ti vir­tuo­si e cat­ti­ve abi­tu­di­ni in cui ognu­no di noi si imbat­te giornalmente.

Schermata 2015-12-10 alle 11.29.32Abbia­mo pen­sa­to a que­sto gio­co anche come atti­vi­sti e mili­tan­ti di Pos­si­bi­le, per­ché oltre ad ave­re a cuo­re il nostro pia­ne­ta e oltre a rite­ne­re la que­stio­ne ambien­ta­le cen­tra­le nel pro­gram­ma di ogni for­za poli­ti­ca che nasca dai cit­ta­di­ni, sia­mo fer­ma­men­te con­vin­ti che il nostro impe­gno pre­sen­te e futu­ro non pos­sa con­cre­tiz­zar­si in un luo­go diver­so dal­le stra­de o dal­le piaz­ze di cui sopra.

Il nostro gio­co che non è solo un gio­co dovrà esse­re pro­mo­to­re anche di due sem­pli­ci paro­le un po’ in disu­so nell’era del web. “Socia­li­tà” e “con­vi­via­li­tà” per uni­re le fami­glie e gli ami­ci abban­do­nan­do per un atti­mo la fre­ne­sia dell’iperconnessione digi­ta­le. Que­sto sco­po non è secon­da­rio. C’è anche nel rego­la­men­to che è un po’ come uno sta­tu­to di un sog­get­to politico.

Spe­ria­mo quin­di che que­sto gio­co vi sia gra­di­to, che sia gra­di­to a chi par­te­ci­pe­rà con voi e ci dispia­ce­rà inve­ce per chi pre­fe­ri­rà la chat o la Play Station.

Cer­to, diven­ta­re sin­da­co di Green City non por­te­rà ono­ri e glo­ria se non tra le quat­tro mura di casa vostra o tra i tavo­li del vostro bar, ma se sare­mo riu­sci­ti a rega­lar­vi un sor­ri­so, una risa­ta e uno spun­to di rifles­sio­ne su quel che sarà di noi potre­mo con­si­de­ra­re il nostro obiet­ti­vo rag­giun­to.

Green City lo pre­sen­te­re­mo a «L’I­ta­lia Pos­si­bi­le», dome­ni­ca a Vero­na, ma pote­te già assi­cu­rar­ve­lo clic­can­do qui!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.