Uguaglianza, Predistribuzione e la Great Gatsby Curve

Inequality2Ugua­glian­za è una paro­la che negli ulti­mi anni è qua­si scom­par­sa dal voca­bo­la­rio del­la sini­stra che vuo­le sem­bra­re moder­na, for­se per l’in­ca­pa­ci­tà di decli­nar­la in poli­ti­che effi­ca­ci e appe­ti­bi­li. Giu­sep­pe Civa­ti l’ha scel­ta come filo con­dut­to­re di tut­to il suo docu­men­to con­gres­sua­le e con corag­gio rido­na ad essa un vero signi­fi­ca­to progressista.
Il docu­men­to, con gran­de deci­sio­ne, coglie appie­no le poten­zia­li­tà del­la lot­ta alla dise­gua­glian­za:“Noi cre­dia­mo che abbat­te­re la disu­gua­glian­za sia fon­da­men­ta­le per avvia­re una lot­ta ser­ra­ta con­tro l’i­nef­fi­cien­za del siste­ma”. Que­sto prin­ci­pio è per­fet­ta­men­te in linea con il pen­sie­ro di Alan Krue­ger, già capo degli eco­no­mi­sti di Barack Oba­ma oltre che pro­fes­so­re a Prin­ce­ton, che è riu­sci­to a giun­ge­re al gran­de pub­bli­co nel 2012 con la pre­sen­ta­zio­ne di quel­la che lui ha chia­ma­to la Great Gatsby Cur­ve. La cur­va mostra come una mag­gio­re disu­gua­glian­za nel­la distri­bu­zio­ne del red­di­to (misu­ra­ta sul­l’as­se oriz­zon­ta­le con l’in­di­ce di Gini) sia asso­cia­ta ad una scar­sa mobi­li­tà socia­le (misu­ra­ta sul­l’as­se ver­ti­ca­le con l’e­la­sti­ci­tà inter­ge­ne­ra­zio­na­le del reddito).
great-gatsby-curveQue­sta for­te rela­zio­ne sem­bra quin­di affer­ma­re che la distin­zio­ne, mol­to popo­la­re nel dibat­ti­to poli­ti­co, tra ugua­glian­za del­le oppor­tu­ni­tà e ugua­glian­za degli esi­ti pur aven­do un accat­ti­van­te inte­res­se teo­ri­co ha mol­ta meno rile­van­za empi­ri­ca: o le ottie­ni entram­be o nessuna.
La posi­zio­ne nel gra­fi­co del­l’I­ta­lia è deci­sa­men­te mol­to pre­oc­cu­pan­te, soprat­tut­to se riflet­tia­mo con one­stà alla scar­sa pro­mo­zio­ne del meri­to (ormai un con­cet­to qua­si ever­si­vo) nel nostro pae­se. Le pos­si­bi­li­tà di suc­ces­so e affer­ma­zio­ne per­so­na­le di un bam­bi­no nato in Ita­lia nel 2013, dipen­do­no qua­si esclu­si­va­men­te dal­le con­di­zio­ni del­la fami­glia in cui nasce. Tut­to que­sto gene­ra un’e­nor­me per­di­ta di oppor­tu­ni­tà e una gros­sa inef­fi­cien­za per il nostro immo­bi­le pae­se: non stia­mo dan­do la pos­si­bi­li­tà a miglia­ia di bam­bi­ni di cre­sce­re e dimo­stra­re quan­to val­go­no. Chis­sà quan­ti poten­zia­li genia­li inge­gne­ri o bril­lan­ti avvo­ca­ti del futu­ro saran­no in real­tà vit­ti­ma del­l’ab­ban­do­no sco­la­sti­co o del­le dispa­ri­tà regio­na­li nel­la qua­li­tà del siste­ma sco­la­sti­co e dei ser­vi­zi all’infanzia?
Per­ché è pro­prio ai bam­bi­ni, anche pic­co­lis­si­mi, che biso­gna dedi­ca­re le ener­gie e poli­ti­che di ridu­zio­ne del­la disu­gua­glian­za come più vol­te soste­nu­to anche da James J. Heck­man (pre­mia­to con il Nobel per l’economia nel 2000). Il suo pen­sie­ro, in bre­ve, affer­ma che per col­ti­va­re il suc­ces­so indi­vi­dua­le, otte­ne­re una mag­gior ugua­glian­za del­le oppor­tu­ni­tà, pro­muo­ve­re un’e­co­no­mia più dina­mi­ca e una socie­tà più sana biso­gna foca­liz­za­re gli inter­ven­ti di poli­ti­ca eco­no­mi­ca ver­so la pri­ma infan­zia. È infat­ti nel­la pri­ma infan­zia che si for­ma­no quel­le abi­li­tà non-cogni­ti­ve che tan­to aiu­ta­no nel­la cre­sci­ta e nel­la vita, ed è la man­can­za di que­ste abi­li­tà che dif­fe­ren­zia vera­men­te i bam­bi­ni nati in fami­glie svan­tag­gia­te rispet­to a quel­li nati in fami­glie benestanti.
L’obiettivo di poli­ti­che genui­na­men­te di sini­stra dovreb­be esse­re una “pre­di­stri­bu­zio­ne” del­le risor­se per­ché esse pos­so­no ave­re un miglior effet­to di lun­go perio­do sul­la ridu­zio­ne del­le disu­gua­glian­ze rispet­to a più tra­di­zio­na­li poli­ti­che redi­stri­bu­ti­ve che agi­sco­no solo nell’immediato.
Giu­sep­pe Civa­ti sot­to­li­nea come sia fon­da­men­ta­le aumen­ta­re la dispo­ni­bi­li­tà di asi­li nido e esten­de­re il tem­po pie­no nel­la scuo­la pri­ma­ria, che sono vere e pro­prie fon­ti di acqui­si­zio­ne di abi­li­tà non-cogni­ti­ve che tan­to pos­so­no aiu­ta­re nel­lo svi­lup­po personale.
Que­sto approc­cio all’u­gua­glian­za, e al miglio­ra­men­to del­le con­di­zio­ni ini­zia­li di tut­ti, ha un risvol­to anche più pret­ta­men­te rivol­to al mer­ca­to che ritro­via­mo nel­l’af­fer­ma­zio­ne “ugua­glian­za è con­cor­ren­za lea­le, lega­li­tà è pro­mo­zio­ne del meri­to”. Ma que­sto è un altro post.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.